Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva

| Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi

+ Miei preferiti
Ufficialmente, la Corea del Nord è uno dei pochissimi Paesi al mondo ad essere rimasto immune dal contagio di coronavirus. Ufficialmente, perché da tempo i massimi esperti internazionali ripetono che non è tecnicamente possibile, vista la vicinanza e gli scambi commerciali continui con la vicinissima Cina e i cugini sudcoreani, due fra i Paesi più colpiti.

Ma la ragion di stato non ci sente: Kim Jong-un continua a ripetere che nessun caso di coronavirus è stato registrato all’interno dei confini nazionali, una vera oasi di pace in mezzo all’inferno.

Stride un po’ con le dichiarazioni di salute ottima la decisione improvvisa di far costruire in tempi record un nuovo ospedale nel cuore di Pyongyang, che secondo le intelligence servirà per curare le centinaia di soldati nordcoreani colpiti dal coronavirus. Ufficialmente, ancora una volta, il piccolo leader ha spiegato in una nota che il progetto del nuovo nosocomio, già deciso mesi fa, è stato voluto per celebrare i 75 anni dalla fondazione del partito. Ma dimentica di aggiungere in che modo un ospedale sia utile alle celebrazioni.

Kim Jong-un, pur non ammettendo direttamente la pandemia, ha ammesso che il Paese ha sempre affrontato a modo proprio le “situazioni interne ed esterne più difficili”, aggiungendo che è “urgente migliorare la salute della popolazione: le condizioni sono pessime e molte difficoltà ci attendono”. Ha inoltre chiesto che la struttura sia pronta “prima possibile”.

Le foto della cerimonia di inaugurazione mostrano che l’ospedale sarà costruito vicino al monumento della Fondazione del Partito dei Lavoratori, non distante dal fiume Taedong.

Secondo il generale Robert Abrams, comandante delle forze armate americane dispiegate in Corea, ha affermato che è improbabile che il regno eremita sia libero dal contagio: “È una nazione chiusa, quindi non possiamo affermare con certezza che abbiano dei casi, ma siamo abbastanza certi che sia così”. Una fonte dell’esercito riferito al “Daily NK” che 180 soldati risultano contagiati dal virus e altri 3.700 sono in quarantena.

Galleria fotografica
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 1
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 2
Mondo
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”