Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva

| Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi

+ Miei preferiti
Ufficialmente, la Corea del Nord è uno dei pochissimi Paesi al mondo ad essere rimasto immune dal contagio di coronavirus. Ufficialmente, perché da tempo i massimi esperti internazionali ripetono che non è tecnicamente possibile, vista la vicinanza e gli scambi commerciali continui con la vicinissima Cina e i cugini sudcoreani, due fra i Paesi più colpiti.

Ma la ragion di stato non ci sente: Kim Jong-un continua a ripetere che nessun caso di coronavirus è stato registrato all’interno dei confini nazionali, una vera oasi di pace in mezzo all’inferno.

Stride un po’ con le dichiarazioni di salute ottima la decisione improvvisa di far costruire in tempi record un nuovo ospedale nel cuore di Pyongyang, che secondo le intelligence servirà per curare le centinaia di soldati nordcoreani colpiti dal coronavirus. Ufficialmente, ancora una volta, il piccolo leader ha spiegato in una nota che il progetto del nuovo nosocomio, già deciso mesi fa, è stato voluto per celebrare i 75 anni dalla fondazione del partito. Ma dimentica di aggiungere in che modo un ospedale sia utile alle celebrazioni.

Kim Jong-un, pur non ammettendo direttamente la pandemia, ha ammesso che il Paese ha sempre affrontato a modo proprio le “situazioni interne ed esterne più difficili”, aggiungendo che è “urgente migliorare la salute della popolazione: le condizioni sono pessime e molte difficoltà ci attendono”. Ha inoltre chiesto che la struttura sia pronta “prima possibile”.

Le foto della cerimonia di inaugurazione mostrano che l’ospedale sarà costruito vicino al monumento della Fondazione del Partito dei Lavoratori, non distante dal fiume Taedong.

Secondo il generale Robert Abrams, comandante delle forze armate americane dispiegate in Corea, ha affermato che è improbabile che il regno eremita sia libero dal contagio: “È una nazione chiusa, quindi non possiamo affermare con certezza che abbiano dei casi, ma siamo abbastanza certi che sia così”. Una fonte dell’esercito riferito al “Daily NK” che 180 soldati risultano contagiati dal virus e altri 3.700 sono in quarantena.

Galleria fotografica
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 1
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 2
Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso