Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva

| Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi

+ Miei preferiti
Ufficialmente, la Corea del Nord è uno dei pochissimi Paesi al mondo ad essere rimasto immune dal contagio di coronavirus. Ufficialmente, perché da tempo i massimi esperti internazionali ripetono che non è tecnicamente possibile, vista la vicinanza e gli scambi commerciali continui con la vicinissima Cina e i cugini sudcoreani, due fra i Paesi più colpiti.

Ma la ragion di stato non ci sente: Kim Jong-un continua a ripetere che nessun caso di coronavirus è stato registrato all’interno dei confini nazionali, una vera oasi di pace in mezzo all’inferno.

Stride un po’ con le dichiarazioni di salute ottima la decisione improvvisa di far costruire in tempi record un nuovo ospedale nel cuore di Pyongyang, che secondo le intelligence servirà per curare le centinaia di soldati nordcoreani colpiti dal coronavirus. Ufficialmente, ancora una volta, il piccolo leader ha spiegato in una nota che il progetto del nuovo nosocomio, già deciso mesi fa, è stato voluto per celebrare i 75 anni dalla fondazione del partito. Ma dimentica di aggiungere in che modo un ospedale sia utile alle celebrazioni.

Kim Jong-un, pur non ammettendo direttamente la pandemia, ha ammesso che il Paese ha sempre affrontato a modo proprio le “situazioni interne ed esterne più difficili”, aggiungendo che è “urgente migliorare la salute della popolazione: le condizioni sono pessime e molte difficoltà ci attendono”. Ha inoltre chiesto che la struttura sia pronta “prima possibile”.

Le foto della cerimonia di inaugurazione mostrano che l’ospedale sarà costruito vicino al monumento della Fondazione del Partito dei Lavoratori, non distante dal fiume Taedong.

Secondo il generale Robert Abrams, comandante delle forze armate americane dispiegate in Corea, ha affermato che è improbabile che il regno eremita sia libero dal contagio: “È una nazione chiusa, quindi non possiamo affermare con certezza che abbiano dei casi, ma siamo abbastanza certi che sia così”. Una fonte dell’esercito riferito al “Daily NK” che 180 soldati risultano contagiati dal virus e altri 3.700 sono in quarantena.

Galleria fotografica
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 1
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva - immagine 2
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità