Corea del Nord, dove il virus non arriva

| Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima

+ Miei preferiti
Sono ormai quasi due mesi che il mondo, ma soprattutto l’Oriente, devono vedersela con un temibile virus che fa paura, e di cui al momento non si trova una cura. Due mesi in cui, malgrado la Cina si sia sigillata per non contagiare il pianeta, 25 Paesi in tutto il mondo registrano casi, mentre nelle Nazioni vicine è allarme pandemia. Tutte tranne una: la Corea del Nord. 

Malgrado sia uno dei Paesi più poveri del mondo, secondo le dichiarazioni pubbliche sembra sia riuscito a evitare accuratamente il virus, confermando di non avere neanche un caso all’interno dei propri confini. Ma gli esperti internazionali sono molto perplessi: o Pyongyang gode di una fortuna sfacciata, oppure non la racconta tutta, tentando di raccogliere uno dei pochi benefici possibili dall’essere un “paese eremita”.

Nam Sung-wook, professore all’Università della Corea del Sud con un passato nel “National Intelligence Service”, non ci crede, secondo lui è altamente probabile che qualcuno, fra i 25 milioni di sudcoreani, sia stato infettato.

I ricercatori stanno ancora cercando di stabilire come si diffonde il virus, anche se la via aerea resta l’ipotesi più probabile. Per questo, è decisamente probabile che un cittadino cinese possa aver infettato qualche nordcoreano attraversando il confine comune.

“Sappiamo che le regioni cinesi vicine al confine nordcoreano, come Dandong e Shenyang, hanno confermato i pazienti. Circa il 90% del commercio nordcoreano è con la Cina e molte persone, camion e treni sono passati attraverso il confine tra le due nazioni prima che la Corea del Nord varasse misure restrittive per impedire al virus di entrare nel Paese”.

Ma c’è un altro mistero ad aggiungersi alla vicenda: nonostante la conferma di nessun caso confermato o sospetto, la Corea del Nord è stata insolitamente trasparente nei suoi sforzi per combattere il virus: in via precauzionale, il Paese ha chiuso i suoi confini a i turisti stranieri, la maggior parte dei quali sono cinesi, come aveva fatto nel 2014, durante l’epidemia di Ebola.

Il 30 gennaio scorso, l’agenzia di stampa statale KCNA ha riferito che le autorità hanno dichiarato “l’emergenza nazionale” e che si stanno istituendo sedi antiepidemiche in tutto il Paese: lunedì scorso, tutte le persone entrate nel Paese dopo il 13 gennaio sono state messe sotto “controllo medico”. Molto orgogliosamente, la KCNA assicura che i funzionari sanitari nordcoreani hanno sviluppato la “capacità di diagnosticare prontamente eventuali casi sospetti”.

Una dichiarazione che lascia perplessi gli esperti riguardo alla presunta capacità di Pyongyang di effettuare i test, ma data l’intensa segretezza del Paese, è improbabile che il mondo sappia mai se le misure adottate nel Paese funzionino realmente.

La Corea del Nord è considerata uno degli stati più solitari e segreti del mondo, e tutte le informazioni, dai vertici del regime alla vita quotidiana sono censurate e controllate: il Paese non ha mai formalmente riconosciuto quanti sono stati i morti durante la devastante carestia degli anni Novanta, mentre le stime dell’OMS parlano di almeno 2 milioni di vittime.

I medici che negli ultimi anni hanno lasciato il Paese parlano spesso di cattive condizioni delle strutture e carenza di tutto, dalla medicina alla salute di base. Choi Jung-hun, ex medico nordcoreano fuggito nel 2011, ha raccontato che fra il 2006 ed il 2007, di fronte ad un’epidemia di morbillo il Paese non disponeva di risorse per operare 24 ore su 24 in strutture di quarantena e isolamento. “Il problema in Corea del Nord è che i regolamenti non vengono seguiti: quando negli ospedali non c’è cibo a sufficienza, i pazienti uscivano per mangiare e poi rientravano: in questo modo qualsiasi virus si sparge in modo impressionante”.

Gli analisti politici danno una lettura diversa: l’epidemia potrebbe servire a scopi politici diversi per il regime di Kim, tra cui quello di trovare il tempo di pianificare i prossimi passi nei negoziati nucleari con gli Stati Uniti. “I nordcoreani usano il coronavirus come un’opportunità per ritirarsi in un isolamento auto-imposto in un momento di grande incertezza politica: Kim Jong Un aveva bisogno di guadagnare un po’ di tempo per ricalibrare la sua strategia interna ed esterna”.

Il virus dà a Pyongyang anche una nuova scusa per stringere ulteriormente i suoi confini e giustificare le restrizioni sociali draconiane sotto le quali vive la maggior parte della popolazione: i cittadini possono essere severamente puniti per aver criticato la famiglia Kim e il regime al potere. La maggioranza della popolazione non ha accesso al web o a qualsiasi informazione proveniente dal mondo esterno che non sia stata approvata dalla censura di Stato. La maggioranza dei nordcoreani, inoltre, non gode della libertà di movimento e deve ricevere il permesso del governo per spostarsi in altre province. Pochissimi sono autorizzati a viaggiare all’estero.

Per coloro che possono muoversi, il trasporto è molto difficile. La Corea del Nord non è completamente collegata da strade, e la maggior parte del pubblico si affida a un sistema ferroviario altamente disfunzionale e abbandonato. Brevi tragitti di poche centinaia di chilometri possono richiedere ore o addirittura giorni.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale