Corea del Nord: “In arrivo un regalo di Natale”

| Un messaggio inviato agli Stati Uniti sta mettendo in allarme le difese e le intelligence di mezzo mondo. Si teme il lancio di un satellite, con la stessa tecnologia delle testate nucleari a lunga gittata: un avvertimento chiaro

+ Miei preferiti
Gli analisti e l’intelligence americana sono al lavoro per decifrare il misterioso annuncio partito dalla Corea del Nord e diretto agli Stati Uniti: “Vi stiamo preparando un bel regalo di Natale”.

Una minaccia criptica dall’aria sinistra e preoccupante che è stata in parte confermata da un comunicato a firma di Pak Jong-chon, capo di Stato maggiore della “Korean People’s Army”, giunto poche ore dopo la nota in cui si annunciava il lancio di razzi a lungo raggio per “rafforzare la difesa contro la minaccia nucleare degli Stati Uniti”.

Non appaiono, al momento, Kim Jong-un e Donald Trump, i due leader che si sono incontrati tre volte tentando di raggiungere un accordo che in cambio di una minore stretta delle sanzioni internazionali e un miglioramento dei rapporti diplomatici avrebbe obbligato il paese asiatico a diminuire l’uso di armi nucleari. Un accordo che al momento non c’è, e che in Corea del Nord è vissuto con un certo nervosismo: al punto da poter decidere di mostrare nuovamente i muscoli per attirare l’attenzione un po’ affievolita del presidente Trump e arrivare ad una firma sui trattati.

Secondo gli esperti il passo più probabile del regime coreano sarà il tentativo di lanciare un satellite in orbita. I media locali esaltano il “test cruciale” condotto con il lancio del satellite “Sohae” da un sito che il regime aveva promesso di smantellare durante i colloqui con gli Stati Uniti. 

Ufficialmente, Pyongyang sostiene che il suo programma spaziale abbia scopi pacifici e scientifici: Kim ripete spesso di voler costruire “una nazione socialista prospera e potente” attraverso un’economia autosufficiente basata su scienza e tecnologia. Ma il lancio di un satellite utilizza la stessa tecnologia utilizzata per un missile balistico nucleare: questo, gli esperti di tutto il mondo lo sanno bene.

“Devono ancora dimostrare la capacità di trasportare un grande carico nell’atmosfera, requisito fondamentale per il loro programma militare - ha commentato Evans Revere, esperto della realtà coreana del Dipartimento di Stato - la comunità internazionale non dovrebbe essere sorpresa se il lancio di satelliti sia in realtà una dimostrazione della proprie capacità offensive. Il messaggio inquietante trasmesso agli Stati Uniti sarebbe che la Corea del Nord ha effettivamente la capacità di colpire il suolo statunitense con un’arma nucleare”.

Qualcosa di simile era già avvenuta nel 2012, quando Pyongyang e Washington avevano siglato una moratoria sui missili balistici e sui test nucleari, oltre alla chiusura dell’impianto nucleare di Yongbyon, per ottenere in cambio diverse centinaia di tonnellate di aiuti alimentari. Ma nell’accordo non si parlava dei lanci di satelliti.

Dopo che il vertice di Hanoi fra Trump e Kim dello scorso febbraio si era concluso bruscamente e senza un accordo, il presidente ha assicurato che Kim gli avesse dato una garanzia verbale di “non avere intenzione di effettuare altri test di razzi, missili o di qualcosa che abbia a che fare con il nucleare”. Adam Mount, membro anziano della Federation of American Scientists, è convinto che questa discrepanza mostri ancora di più la ragione per cui Washington avrebbe dovuto spingere per un “congelamento dei test nucleari e missilistici preciso e quantificato, che avrebbe fornito le basi per la negoziazione. Non è stato così, e nel corso di quest’anno la Corea del Nord ha costantemente aumentato la pressione verso gli Stati Uniti, per costringerli a capitolare nei negoziati. Ma l’amministrazione Trump ha ignorato i segnali ed è solo nelle ultime due settimane che i funzionari si sono svegliati e capiscono di dover affrontare una potenziale crisi”.

Nel 2017, Pyongyang definiva il primo lancio di prova di un “ICBM” (una testata nucleare progettata per colpire in tutto il pianeta) un “regalo” per Washington. “Se si guarda alla storia di Kim Jong Un, è chiaro che diventa più provocatorio quando il mondo smette di prestargli attenzione”, ha detto Ami Bera, il presidente della sottocommissione per gli Affari Esteri della Camera per Asia e Pacifico. Ma il regime di Kim sa anche che l’uso di un’arma nucleare sarebbe vista come una grande provocazione da parte del mondo intero, incluso il suo principale alleato, la Cina. “Se la Corea del Nord vuole avere un sollievo dalle sanzioni, test e provocazioni non sono la strada migliore da seguire”.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale