Corea del Nord: “In arrivo un regalo di Natale”

| Un messaggio inviato agli Stati Uniti sta mettendo in allarme le difese e le intelligence di mezzo mondo. Si teme il lancio di un satellite, con la stessa tecnologia delle testate nucleari a lunga gittata: un avvertimento chiaro

+ Miei preferiti
Gli analisti e l’intelligence americana sono al lavoro per decifrare il misterioso annuncio partito dalla Corea del Nord e diretto agli Stati Uniti: “Vi stiamo preparando un bel regalo di Natale”.

Una minaccia criptica dall’aria sinistra e preoccupante che è stata in parte confermata da un comunicato a firma di Pak Jong-chon, capo di Stato maggiore della “Korean People’s Army”, giunto poche ore dopo la nota in cui si annunciava il lancio di razzi a lungo raggio per “rafforzare la difesa contro la minaccia nucleare degli Stati Uniti”.

Non appaiono, al momento, Kim Jong-un e Donald Trump, i due leader che si sono incontrati tre volte tentando di raggiungere un accordo che in cambio di una minore stretta delle sanzioni internazionali e un miglioramento dei rapporti diplomatici avrebbe obbligato il paese asiatico a diminuire l’uso di armi nucleari. Un accordo che al momento non c’è, e che in Corea del Nord è vissuto con un certo nervosismo: al punto da poter decidere di mostrare nuovamente i muscoli per attirare l’attenzione un po’ affievolita del presidente Trump e arrivare ad una firma sui trattati.

Secondo gli esperti il passo più probabile del regime coreano sarà il tentativo di lanciare un satellite in orbita. I media locali esaltano il “test cruciale” condotto con il lancio del satellite “Sohae” da un sito che il regime aveva promesso di smantellare durante i colloqui con gli Stati Uniti. 

Ufficialmente, Pyongyang sostiene che il suo programma spaziale abbia scopi pacifici e scientifici: Kim ripete spesso di voler costruire “una nazione socialista prospera e potente” attraverso un’economia autosufficiente basata su scienza e tecnologia. Ma il lancio di un satellite utilizza la stessa tecnologia utilizzata per un missile balistico nucleare: questo, gli esperti di tutto il mondo lo sanno bene.

“Devono ancora dimostrare la capacità di trasportare un grande carico nell’atmosfera, requisito fondamentale per il loro programma militare - ha commentato Evans Revere, esperto della realtà coreana del Dipartimento di Stato - la comunità internazionale non dovrebbe essere sorpresa se il lancio di satelliti sia in realtà una dimostrazione della proprie capacità offensive. Il messaggio inquietante trasmesso agli Stati Uniti sarebbe che la Corea del Nord ha effettivamente la capacità di colpire il suolo statunitense con un’arma nucleare”.

Qualcosa di simile era già avvenuta nel 2012, quando Pyongyang e Washington avevano siglato una moratoria sui missili balistici e sui test nucleari, oltre alla chiusura dell’impianto nucleare di Yongbyon, per ottenere in cambio diverse centinaia di tonnellate di aiuti alimentari. Ma nell’accordo non si parlava dei lanci di satelliti.

Dopo che il vertice di Hanoi fra Trump e Kim dello scorso febbraio si era concluso bruscamente e senza un accordo, il presidente ha assicurato che Kim gli avesse dato una garanzia verbale di “non avere intenzione di effettuare altri test di razzi, missili o di qualcosa che abbia a che fare con il nucleare”. Adam Mount, membro anziano della Federation of American Scientists, è convinto che questa discrepanza mostri ancora di più la ragione per cui Washington avrebbe dovuto spingere per un “congelamento dei test nucleari e missilistici preciso e quantificato, che avrebbe fornito le basi per la negoziazione. Non è stato così, e nel corso di quest’anno la Corea del Nord ha costantemente aumentato la pressione verso gli Stati Uniti, per costringerli a capitolare nei negoziati. Ma l’amministrazione Trump ha ignorato i segnali ed è solo nelle ultime due settimane che i funzionari si sono svegliati e capiscono di dover affrontare una potenziale crisi”.

Nel 2017, Pyongyang definiva il primo lancio di prova di un “ICBM” (una testata nucleare progettata per colpire in tutto il pianeta) un “regalo” per Washington. “Se si guarda alla storia di Kim Jong Un, è chiaro che diventa più provocatorio quando il mondo smette di prestargli attenzione”, ha detto Ami Bera, il presidente della sottocommissione per gli Affari Esteri della Camera per Asia e Pacifico. Ma il regime di Kim sa anche che l’uso di un’arma nucleare sarebbe vista come una grande provocazione da parte del mondo intero, incluso il suo principale alleato, la Cina. “Se la Corea del Nord vuole avere un sollievo dalle sanzioni, test e provocazioni non sono la strada migliore da seguire”.

Mondo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia