Coronavirus: le menzogne della Cina

| Un’inchiesta del NYT svela che i cittadini cinesi sono stati tenuti all’oscuro del virus per diversi giorni. Il Paese sempre più isolato dal resto del mondo

+ Miei preferiti
Dopo le scuse dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ammette di aver sottovalutato la pericolosità del coronavirus Wuhan, un’inchiesta del “New York Times” svela un altro risvolto inquietante: mentre le autorità sanitarie cinesi, temendo ripercussioni internazionali, il 31 dicembre scorso hanno avvisato l’OMS dell’esistenza di un nuovo virus che iniziava a preoccupare, buona parte dei cinesi è rimasta all’oscuro di tutto.

Una censura passata attraverso i media e il web, svelata da diverse testimonianze, che ha reso vulnerabile la popolazione e ritardato il possibile contenimento dell’epidemia. Anzi, mentre i primi casi colpivano paesi diversi, la Cina confermava addirittura di aver circoscritto l’epidemia, esaltando una capacità di reazione di fronte alle emergenze che da altre parti si sognano. Non era così.

Parzialmente, Zhou Xianwang, sindaco di Wuhan, ha ammesso di non aver ricevuto alcuna autorizzazione da Pechino a parlare pubblicamente del virus, lasciando che cinque milioni di persone, in quei giorni, uscissero tranquillamente dalla megalopoli cinese spargendosi in tutto il mondo.

Per il NYT la colpa di tutto questo ha un nome e un cognome: Xi Jinping, il presidente, che ha “sistematicamente sventrato istituzioni come il giornalismo, i social media, le organizzazioni non governative e altre categorie in grado di fornire prove della sua responsabilità”. E non è neanche la prima volta, ricorda il quotidiano newyorkese: era già successo nel 2018 con la febbre suina.

L’emergenza sanitaria locale lanciata dall’OMS ha accertato 7.834 casi, di cui 7.736 in Cina e 170 decessi. Altri 1.370 pazienti ricoverati sarebbero in gravi condizioni e più di 100mila persone sono sotto ossevazione. Al di fuori dei confini cinesi i casi di contagio sono 98 in 18 paesi diversi.

In tutto questo, la Cina è sempre più isolata e inizia a pagare conseguenze pesantissime: malgrado il tentativo di gettare acqua sul fuoco dell’ambasciatore cinese all’Onu Zhang Jun, che ha invitato a evitare le “reazioni eccessive”, l’elenco delle compagnie aeree che hanno sospeso i voli da e per la Cina si allunga ogni ora di più, mentre la Russia ha annunciato la chiusura della frontiera. L’economia cinese, per finire, sta attraversando il momento peggiore dagli ultimi 30 anni, ma secondo l’FMI sarà l’economia mondiale a risentirne in modo pesante, almeno nel primo trimestre dell’anno.

Mondo
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità
Coronavirus, entrano in azione i robot
Coronavirus, entrano in azione i robot
In una città della Cina centrale le autorità sanitarie hanno avviato una fase di test per la decontaminazione di aree a rischio attraverso i minirobot
Xi Jinping sotto accusa
Xi Jinping sotto accusa
Sapeva del virus e ha taciuto o è stato male informato dai funzionari locali? In entrambi i casi, il presidente cinese si trova in una situazione molto scomoda per la propria immagine
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei