Coronavirus: le menzogne della Cina

| Un’inchiesta del NYT svela che i cittadini cinesi sono stati tenuti all’oscuro del virus per diversi giorni. Il Paese sempre più isolato dal resto del mondo

+ Miei preferiti
Dopo le scuse dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ammette di aver sottovalutato la pericolosità del coronavirus Wuhan, un’inchiesta del “New York Times” svela un altro risvolto inquietante: mentre le autorità sanitarie cinesi, temendo ripercussioni internazionali, il 31 dicembre scorso hanno avvisato l’OMS dell’esistenza di un nuovo virus che iniziava a preoccupare, buona parte dei cinesi è rimasta all’oscuro di tutto.

Una censura passata attraverso i media e il web, svelata da diverse testimonianze, che ha reso vulnerabile la popolazione e ritardato il possibile contenimento dell’epidemia. Anzi, mentre i primi casi colpivano paesi diversi, la Cina confermava addirittura di aver circoscritto l’epidemia, esaltando una capacità di reazione di fronte alle emergenze che da altre parti si sognano. Non era così.

Parzialmente, Zhou Xianwang, sindaco di Wuhan, ha ammesso di non aver ricevuto alcuna autorizzazione da Pechino a parlare pubblicamente del virus, lasciando che cinque milioni di persone, in quei giorni, uscissero tranquillamente dalla megalopoli cinese spargendosi in tutto il mondo.

Per il NYT la colpa di tutto questo ha un nome e un cognome: Xi Jinping, il presidente, che ha “sistematicamente sventrato istituzioni come il giornalismo, i social media, le organizzazioni non governative e altre categorie in grado di fornire prove della sua responsabilità”. E non è neanche la prima volta, ricorda il quotidiano newyorkese: era già successo nel 2018 con la febbre suina.

L’emergenza sanitaria locale lanciata dall’OMS ha accertato 7.834 casi, di cui 7.736 in Cina e 170 decessi. Altri 1.370 pazienti ricoverati sarebbero in gravi condizioni e più di 100mila persone sono sotto ossevazione. Al di fuori dei confini cinesi i casi di contagio sono 98 in 18 paesi diversi.

In tutto questo, la Cina è sempre più isolata e inizia a pagare conseguenze pesantissime: malgrado il tentativo di gettare acqua sul fuoco dell’ambasciatore cinese all’Onu Zhang Jun, che ha invitato a evitare le “reazioni eccessive”, l’elenco delle compagnie aeree che hanno sospeso i voli da e per la Cina si allunga ogni ora di più, mentre la Russia ha annunciato la chiusura della frontiera. L’economia cinese, per finire, sta attraversando il momento peggiore dagli ultimi 30 anni, ma secondo l’FMI sarà l’economia mondiale a risentirne in modo pesante, almeno nel primo trimestre dell’anno.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità