Coronavirus: le menzogne della Cina

| Un’inchiesta del NYT svela che i cittadini cinesi sono stati tenuti all’oscuro del virus per diversi giorni. Il Paese sempre più isolato dal resto del mondo

+ Miei preferiti
Dopo le scuse dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ammette di aver sottovalutato la pericolosità del coronavirus Wuhan, un’inchiesta del “New York Times” svela un altro risvolto inquietante: mentre le autorità sanitarie cinesi, temendo ripercussioni internazionali, il 31 dicembre scorso hanno avvisato l’OMS dell’esistenza di un nuovo virus che iniziava a preoccupare, buona parte dei cinesi è rimasta all’oscuro di tutto.

Una censura passata attraverso i media e il web, svelata da diverse testimonianze, che ha reso vulnerabile la popolazione e ritardato il possibile contenimento dell’epidemia. Anzi, mentre i primi casi colpivano paesi diversi, la Cina confermava addirittura di aver circoscritto l’epidemia, esaltando una capacità di reazione di fronte alle emergenze che da altre parti si sognano. Non era così.

Parzialmente, Zhou Xianwang, sindaco di Wuhan, ha ammesso di non aver ricevuto alcuna autorizzazione da Pechino a parlare pubblicamente del virus, lasciando che cinque milioni di persone, in quei giorni, uscissero tranquillamente dalla megalopoli cinese spargendosi in tutto il mondo.

Per il NYT la colpa di tutto questo ha un nome e un cognome: Xi Jinping, il presidente, che ha “sistematicamente sventrato istituzioni come il giornalismo, i social media, le organizzazioni non governative e altre categorie in grado di fornire prove della sua responsabilità”. E non è neanche la prima volta, ricorda il quotidiano newyorkese: era già successo nel 2018 con la febbre suina.

L’emergenza sanitaria locale lanciata dall’OMS ha accertato 7.834 casi, di cui 7.736 in Cina e 170 decessi. Altri 1.370 pazienti ricoverati sarebbero in gravi condizioni e più di 100mila persone sono sotto ossevazione. Al di fuori dei confini cinesi i casi di contagio sono 98 in 18 paesi diversi.

In tutto questo, la Cina è sempre più isolata e inizia a pagare conseguenze pesantissime: malgrado il tentativo di gettare acqua sul fuoco dell’ambasciatore cinese all’Onu Zhang Jun, che ha invitato a evitare le “reazioni eccessive”, l’elenco delle compagnie aeree che hanno sospeso i voli da e per la Cina si allunga ogni ora di più, mentre la Russia ha annunciato la chiusura della frontiera. L’economia cinese, per finire, sta attraversando il momento peggiore dagli ultimi 30 anni, ma secondo l’FMI sarà l’economia mondiale a risentirne in modo pesante, almeno nel primo trimestre dell’anno.

Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso