Covid-19, la grande occasione della Cina

| Dalla diplomazia imperscrutabile del passato ad un approccio più aggressivo, in cui l’obiettivo è spostare Pechino da colpevole della pandemia a salvatore del mondo

+ Miei preferiti
Fin dall’inizio della pandemia, la Cina lotta per controllare in modo ferreo il proprio ruolo nella crisi, e oggi Pechino vuole ritagliarsi il ruolo di nobile vittima che controlla abilmente un’epidemia virale dando una mano agli altri Paesi nel tentativo di allontanare le accuse di aver ridotto il mondo in miseria. La Cina ha donato grandi quantità di forniture mediche all’Europa e l’Africa, intascando gli elogi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la risposta e la ripresa post-epidemia, in netto contrasto con molte parti del mondo che faticano a uscirne.

È chiaro che la crisi del coronavirus rappresenti un’opportunità straordinaria per consolidare lo status di superpotenza globale, soprattutto perché gli Stati Uniti si sono attirati l’antipatia alcuni alleati chiudendo sempre più il Paese con lo slogan trumpiano “America first”. Un vero e incredibile autogol, nello scacchiere diplomatico internazionale.

Ma allo stesso tempo, Pechino non è stata in grado di evitare una valanga di critiche per i colpevoli ritardi iniziali nel comunicare la comparsa del virus, scongiurando al mondo una pandemia globale, così come lo scetticismo generale che ancora aleggia sui dati reali.

Un segnale di come i leader cinesi siano determinati a non lasciarsi sfuggire questo momento, o a passare per cattivi, è stata la risposta, spesso furiosa attraverso i media statali, ma anche sui social. Quando questo mese sono emerse notizie di discriminazioni nei confronti delle comunità africane in Cina, ci si aspettava che Pechino prendesse l’incidente sul serio. Negli ultimi anni la Cina ha investito miliardi per sostenere le relazioni economiche e diplomatiche in tutto il continente africano e da tempo si vanta del suo impegno a sostenere i paesi in via di sviluppo. Eppure, invece di condannare i responsabili delle discriminazioni, i diplomatici cinesi e i media statali hanno fatto preferito fare pressioni contro le notizie, accusando i media occidentali e il governo degli Stati Uniti di cercare di creare una frattura tra Pechino e i suoi alleati in Africa. “L’antica amicizia fra Cina e Africa non sarà disturbata da fake news”, ha detto mercoledì su Twitter Hua Chunying, direttore del Dipartimento dell’Informazione del Ministero degli Esteri.

“Un tempo i diplomatici cinesi erano noti per il loro basso profilo - ha ricordato questa settimana un articolo del Global Times - a livello internazionale, i diplomatici erano considerati enigmatici e “imperscrutabili. Era un periodo con molte meno avversità o necessità di respingere le critiche che arrivavano dall’Occidente”.

Portare questo spirito combattivo anche sui social “è solo l’ultima manifestazione di un progetto a lungo termine - precisa l’analista Mareike Ohlberg – l’obiettivo del Partito comunista rimane quello di cambiare le critiche verso la Cina avvicinandole alla propria posizione”.

James Green, ricercatore dell’Università di Georgetown ed ex diplomatico, afferma che per sviare la cattiva gestione iniziale dell’epidemia, gli organi di propaganda lavorano sodo da mesi per ribaltare le posizioni: “la Cina sta salvando il mondo dal flagello del coronavirus, e il mondo dev’esserle grato”. Secondo Jeff Moon, ex diplomatico statunitense in Cina, “ciò che è cambiato non è la sostanza o il tono della diplomazia cinese, ma il fatto che ora il mondo le dia ascolto con più attenzione per via della crescente influenza economica globale cinese. La crisi del Covid-19 è l’ultimo - e forse il più significativo - esempio di come le dichiarazioni politiche cinesi influenzino gli affari mondiali. C’è una nuova generazione di funzionari che usa Twitter e altri strumenti in modo aggressivo, e questo è un cambiamento di tattica più che di strategia”.

Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata