Covid-19, la grande occasione della Cina

| Dalla diplomazia imperscrutabile del passato ad un approccio più aggressivo, in cui l’obiettivo è spostare Pechino da colpevole della pandemia a salvatore del mondo

+ Miei preferiti
Fin dall’inizio della pandemia, la Cina lotta per controllare in modo ferreo il proprio ruolo nella crisi, e oggi Pechino vuole ritagliarsi il ruolo di nobile vittima che controlla abilmente un’epidemia virale dando una mano agli altri Paesi nel tentativo di allontanare le accuse di aver ridotto il mondo in miseria. La Cina ha donato grandi quantità di forniture mediche all’Europa e l’Africa, intascando gli elogi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la risposta e la ripresa post-epidemia, in netto contrasto con molte parti del mondo che faticano a uscirne.

È chiaro che la crisi del coronavirus rappresenti un’opportunità straordinaria per consolidare lo status di superpotenza globale, soprattutto perché gli Stati Uniti si sono attirati l’antipatia alcuni alleati chiudendo sempre più il Paese con lo slogan trumpiano “America first”. Un vero e incredibile autogol, nello scacchiere diplomatico internazionale.

Ma allo stesso tempo, Pechino non è stata in grado di evitare una valanga di critiche per i colpevoli ritardi iniziali nel comunicare la comparsa del virus, scongiurando al mondo una pandemia globale, così come lo scetticismo generale che ancora aleggia sui dati reali.

Un segnale di come i leader cinesi siano determinati a non lasciarsi sfuggire questo momento, o a passare per cattivi, è stata la risposta, spesso furiosa attraverso i media statali, ma anche sui social. Quando questo mese sono emerse notizie di discriminazioni nei confronti delle comunità africane in Cina, ci si aspettava che Pechino prendesse l’incidente sul serio. Negli ultimi anni la Cina ha investito miliardi per sostenere le relazioni economiche e diplomatiche in tutto il continente africano e da tempo si vanta del suo impegno a sostenere i paesi in via di sviluppo. Eppure, invece di condannare i responsabili delle discriminazioni, i diplomatici cinesi e i media statali hanno fatto preferito fare pressioni contro le notizie, accusando i media occidentali e il governo degli Stati Uniti di cercare di creare una frattura tra Pechino e i suoi alleati in Africa. “L’antica amicizia fra Cina e Africa non sarà disturbata da fake news”, ha detto mercoledì su Twitter Hua Chunying, direttore del Dipartimento dell’Informazione del Ministero degli Esteri.

“Un tempo i diplomatici cinesi erano noti per il loro basso profilo - ha ricordato questa settimana un articolo del Global Times - a livello internazionale, i diplomatici erano considerati enigmatici e “imperscrutabili. Era un periodo con molte meno avversità o necessità di respingere le critiche che arrivavano dall’Occidente”.

Portare questo spirito combattivo anche sui social “è solo l’ultima manifestazione di un progetto a lungo termine - precisa l’analista Mareike Ohlberg – l’obiettivo del Partito comunista rimane quello di cambiare le critiche verso la Cina avvicinandole alla propria posizione”.

James Green, ricercatore dell’Università di Georgetown ed ex diplomatico, afferma che per sviare la cattiva gestione iniziale dell’epidemia, gli organi di propaganda lavorano sodo da mesi per ribaltare le posizioni: “la Cina sta salvando il mondo dal flagello del coronavirus, e il mondo dev’esserle grato”. Secondo Jeff Moon, ex diplomatico statunitense in Cina, “ciò che è cambiato non è la sostanza o il tono della diplomazia cinese, ma il fatto che ora il mondo le dia ascolto con più attenzione per via della crescente influenza economica globale cinese. La crisi del Covid-19 è l’ultimo - e forse il più significativo - esempio di come le dichiarazioni politiche cinesi influenzino gli affari mondiali. C’è una nuova generazione di funzionari che usa Twitter e altri strumenti in modo aggressivo, e questo è un cambiamento di tattica più che di strategia”.

Mondo
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili