Covid-19, la grande occasione della Cina

| Dalla diplomazia imperscrutabile del passato ad un approccio più aggressivo, in cui l’obiettivo è spostare Pechino da colpevole della pandemia a salvatore del mondo

+ Miei preferiti
Fin dall’inizio della pandemia, la Cina lotta per controllare in modo ferreo il proprio ruolo nella crisi, e oggi Pechino vuole ritagliarsi il ruolo di nobile vittima che controlla abilmente un’epidemia virale dando una mano agli altri Paesi nel tentativo di allontanare le accuse di aver ridotto il mondo in miseria. La Cina ha donato grandi quantità di forniture mediche all’Europa e l’Africa, intascando gli elogi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la risposta e la ripresa post-epidemia, in netto contrasto con molte parti del mondo che faticano a uscirne.

È chiaro che la crisi del coronavirus rappresenti un’opportunità straordinaria per consolidare lo status di superpotenza globale, soprattutto perché gli Stati Uniti si sono attirati l’antipatia alcuni alleati chiudendo sempre più il Paese con lo slogan trumpiano “America first”. Un vero e incredibile autogol, nello scacchiere diplomatico internazionale.

Ma allo stesso tempo, Pechino non è stata in grado di evitare una valanga di critiche per i colpevoli ritardi iniziali nel comunicare la comparsa del virus, scongiurando al mondo una pandemia globale, così come lo scetticismo generale che ancora aleggia sui dati reali.

Un segnale di come i leader cinesi siano determinati a non lasciarsi sfuggire questo momento, o a passare per cattivi, è stata la risposta, spesso furiosa attraverso i media statali, ma anche sui social. Quando questo mese sono emerse notizie di discriminazioni nei confronti delle comunità africane in Cina, ci si aspettava che Pechino prendesse l’incidente sul serio. Negli ultimi anni la Cina ha investito miliardi per sostenere le relazioni economiche e diplomatiche in tutto il continente africano e da tempo si vanta del suo impegno a sostenere i paesi in via di sviluppo. Eppure, invece di condannare i responsabili delle discriminazioni, i diplomatici cinesi e i media statali hanno fatto preferito fare pressioni contro le notizie, accusando i media occidentali e il governo degli Stati Uniti di cercare di creare una frattura tra Pechino e i suoi alleati in Africa. “L’antica amicizia fra Cina e Africa non sarà disturbata da fake news”, ha detto mercoledì su Twitter Hua Chunying, direttore del Dipartimento dell’Informazione del Ministero degli Esteri.

“Un tempo i diplomatici cinesi erano noti per il loro basso profilo - ha ricordato questa settimana un articolo del Global Times - a livello internazionale, i diplomatici erano considerati enigmatici e “imperscrutabili. Era un periodo con molte meno avversità o necessità di respingere le critiche che arrivavano dall’Occidente”.

Portare questo spirito combattivo anche sui social “è solo l’ultima manifestazione di un progetto a lungo termine - precisa l’analista Mareike Ohlberg – l’obiettivo del Partito comunista rimane quello di cambiare le critiche verso la Cina avvicinandole alla propria posizione”.

James Green, ricercatore dell’Università di Georgetown ed ex diplomatico, afferma che per sviare la cattiva gestione iniziale dell’epidemia, gli organi di propaganda lavorano sodo da mesi per ribaltare le posizioni: “la Cina sta salvando il mondo dal flagello del coronavirus, e il mondo dev’esserle grato”. Secondo Jeff Moon, ex diplomatico statunitense in Cina, “ciò che è cambiato non è la sostanza o il tono della diplomazia cinese, ma il fatto che ora il mondo le dia ascolto con più attenzione per via della crescente influenza economica globale cinese. La crisi del Covid-19 è l’ultimo - e forse il più significativo - esempio di come le dichiarazioni politiche cinesi influenzino gli affari mondiali. C’è una nuova generazione di funzionari che usa Twitter e altri strumenti in modo aggressivo, e questo è un cambiamento di tattica più che di strategia”.

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati