Dalle moschee un aiuto per battere l'Isis

| Dopo Manchester critiche all'Intelligence per le segnalazioni ignorate ma sono migliaia le persone che ostentano atteggiamenti radicali sul web senza essere o diventare terroristi

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Manchester, Nizza, Stoccolma, Parigi, Berlino, Bruxelles, Londra. In queste metropoli il terrorismo islamico ha colpito con una serie di attentati utilizzando armi convenzionali (mitra, pistole, esplosivi), camion usati per falciare la folla, bombe artigianali via via sempre più sofisticate. C'è un elemento comune a tutti gli attentatori-terroristi. Sono cittadini europei di origine straniera, tunisini in alarga parte, l'ultimo è un libico. Già nel 2005 gli inglesi scoprirono che nelle comunità pakistane di terza generazione si annidavano i terroristi che fecero saltare il metro di Londra, con un bilancio di 56 morti e centinaia di feriti. 

Il kamikaze di Manchester, di origine libica, il cui padre era un fuoriuscito dal regime di Gheddafi nel periodo cui, esserlo, era una patente di credibilità poiché i Servizi del dittatore libico, nel '96, fecero esplodere in volo un jet a Lockerbie, provocando altre centinaia di vittime innocenti. Salman Abedi è dunque cresciuto nelle scuole e nei college inglesi, ha avuto una vita normale e si è radicalizzato solo negli ultimi due o tre anni. Segue la solita trafila, arruolamento via web, contatti con altri fanatici, poi il proposito di trasformarsi in un "martire". Sotto i suoi occhi scorrono le immagini dei bombardamenti dei droni, dei jet, le foto dei morti, donne, adulti, bambini.
"E' in questo speciale frangente di una guerra vissuta fuori dai confini ma in un altrove astratto e lontano per gli occidentali, che germina il seme della violenza - spiega un analista dei nostri servizi di Intelligence - in Somalia i guerriglieri islamici prima di farsi saltare, cuciono sui vestiti le foto dei caduti, siano familiari o amici. C'è una sorta di fideizzazione con i morti, nel segno di un ritrovarsi poi in Paradiso. C'è un modo di accarezzare anche il destino delle vittime. Se non sono infedeli, andranno anche loro in Paradiso e in qualche modo saranno riconoscenti al martire che li ha guidati lassù. Le polemiche sui buchi del sistema di sicurezza europea sono pretestuose. Lei sa quando giovani di origine africana rimuginano, nei loro quartieri dormitorio, senza lavoro o prospettive, l'idea di un riscatto attraverso l'adesione ai proclami di Daesh? Migliaia e migliaia. I nostri sistemi giuridici non consentono interventi, anche preventivi, se non di fronte a fatti specifici, a prove sicure di un coinvolgimento nella rete terroristica. Alcuni radicali hanno imparato la lezione e viaggiano ormai completamente sott'acqua. Li scopriamo quando entrano in azione. Il sonno della ragione genera mostri ma gli investigatori non sono né maghi, né profeti". 
Però, alcuni di loro avevano manifestato propositi chiari: "Sulla tastiera di un pc appoggiano le dita milioni di seguaci dell'Islam radicale, in azione ne entra una percentuale vicina allo 0,0000000….Allora che si fa? Li carceriamo preventivamente? Il nostro compito è quello di monitorare un fenomeno purtroppo in costante espansione. E poi non si sanno, se non in minima parte, i risultati positivi ottenuti, abbiamo sventato molti attentati, nel silenzio che ci impone la logica e il buon senso".

Informatori nelle moschee 

A Manchester, contro le manie religiose di Salman Abedi ci furono 4 segnalazioni in pochi mesi da parte di amici, vicini di casa, professori alla polizia locale che le trasmise all'M15. Con un vizio di fondo che ne ha depotenziato l'effetto. Lo studente libico veniva in massima parte descritto come una persona disturbata di mente. Recitava il Corano ad alta voce in strada, sollevando la curiosità dei vicini, indossava lunghi abiti tradizionali e cappucci per nascondere il volto. Un asociale che annunciava a chiunque fosse disposto ad ascoltarlo che avrebbe voluto morire da martire trascinandosi dietro il maggior numero di infedeli. Le sue stranezze, non coerenti con l'immagine di un combattente pronto a pianificare l'attentato nei dettagli e poi ad uccidere, lo hanno risparmiato da controlli più accurati. Eppure questo ventiduenne dall'aria assente aveva costituito una cellula di cui era il capo. L'ordigno se lo è fabbricato in un alloggio affittato per lavorare tranquillo, un anno prima dell'attentato all'Arena di Manchester. Che fare allora? "Quello che stiamo già facendo, tenere attivi i legami con la parte sana, la maggioranza, delle comunità islamiche, terrorizzate quanto noi che qualcuno di loro possa fare quello che è successo in Europa. Collaborano, sono attenti a chi si comporta in modo sospetto. Da loro abbiamo avuto informazioni preziose, rischiamo di essere scoperti ma agiscono per il bene comune, anche il loro. Ma non possiamo dir loro grazie pubblicamente. Un domani, forse". 

Mondo
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal