Dallo striptease alla metanfetamina

| Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari

+ Miei preferiti
Alexandra Rose Kobelke ha sempre saputo che il suo corpo fosse un’arma di distrazione di massa. A 26 anni, con una carriera di spogliarellista ormai lasciata quasi alle spalle, aveva pensato di cambiare mestiere riciclandosi come corriere della droga: un’occupazione rischiosa, ma che con un pizzico di fortuna permette guadagni notevoli. In più, Alexandra sapeva come distrarre il personale ai controlli aeroportuali: bastava una scollatura profonda per lasciare in bella vista parti del suo seno abbondante e il gioco spesso era fatto.

Ma qualche mese fa, Alexandra è stata bloccata all’aeroporto di Sydney mentre tentava di imbarcarsi su un volo diretto in Tasmania con 150mila dollari di cocaina e metanfetamine nascoste nel suo corpo statuario.

Da quanto emerso dalle indagini, il nome di Alexandra era emerso in nel corso di una vasta operazione sul traffico di sostanze stupefacenti: e lei sono stati attribuiti decine di voli turistici fra il dicembre del 2017 e lo scorso gennaio.

La giovane si è dichiarata colpevole, raccontando di essere lei stessa una consumatrice giornaliera di cocaina da quando aveva 13 anni, svelando poi che aveva preso l’abitudine di mescolare la droga con sostanze aromatizzate che nascondeva nella biancheria intima. Il suo compito era portare modesti quantitativi di metamfetamina e cocaina in Tasmania, dove provvedeva a venderla a pusher locali per poi tornare con il denaro contante a Sydney. Alexandra era stata seguita e filmata nel corso della sua ottava visita: è stata vista vendere circa tre etti di metanfetamina, per un valore di 80mila dollari. Poco dopo, le telecamere termiche di sicurezza dell’aeroporto hanno accertato che è tornata a Sydney con circa 100mila in contanti nascosti nel suo bagaglio a mano. La Kobelke ha visitato la Tasmania 13 volte prima di essere arrestata all’aeroporto di Sydney mentre trasportava due etti di metamfetamina e 54,87 grammi fra cocaina ed ecstasy il 3 gennaio scorso, mentre tentava di fare il suo 14esimo viaggio.

A conclusione del processo, pochi giorni fa, il Presidente della Corte Suprema Alan Blow ha voluto essere clemente trattandosi del primo reato commesso da Alexandra Kobelke, condannata a due anni e otto mesi di reclusione.

Galleria fotografica
Dallo striptease alla metanfetamina - immagine 1
Dallo striptease alla metanfetamina - immagine 2
Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente