Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre

| Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa

+ Miei preferiti
Quello che è stato lo scenario dell’ultima impresa di Daniele Nardi e Tom Ballard, sarà anche il luogo dove riposeranno per sempre. A nulla sono serviti gli appelli e la raccolta fondi organizzati dagli amici, che hanno raggiunto i 150mila euro, da destinare in parte al recupero dei corpi e il restante alle popolazioni più povere del Pakistan: in un comunicato ufficiale, l’ambasciatore italiano nel paese asiatico mette la parola fine al desiderio di riportare in patria i corpi dei due alpinisti. “Dopo alcuni incontri tecnici avvenuti in queste settimane con esperti locali e internazionali di logistica e soccorso alpino, si è dovuto prendere atto dell’impossibilità, allo stato attuale, per questioni di sicurezza, del recupero dei corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard. Ringraziamo l’Aviazione Militare del Pakistan, gli esperti internazionali e i collaboratori dell’Ambasciata, sempre pronti ad offrire la loro competenza in favore della buona riuscita degli interventi di soccorso ad alpinisti e trekker, impegnati sulle splendide montagne del Pakistan”.

Daniele Nardi e Tom Ballard erano partiti nel dicembre dello scorso anno per un’impresa che sapevano rischiosissima: conquistare la cima del Nanga Parbat attraverso una via mai percorsa prima durante il durissimo inverno himalayano. Dopo aver perso tutti i contatti, il 6 marzo i corpi senza vita dei due alpinisti erano stati individuati sullo sperone Mummery, e il recupero era apparso subito un’impresa impossibile.

Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”