Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up

| Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette

+ Miei preferiti
Non ci hanno ascoltati, e questo è il risultato”, commenta così, il sindaco di Pedro Edmund Paoa l’incredibile incidente che ha scatenato l’indignazione degli abitanti dell’Isola di Pasqua, uno dei siti archeologici più famosi del mondo, dove si ospitano i giganteschi “Moai”, i busti in pietra le cui origini sono ancora avvolte nel mistero.

Qualche giorno fa, un turista cileno si è schiantato con il suo pick-up contro uno dei 638 Moai, causando “danni incalcolabili”: l’uomo è stato arrestato con l’accusa di danneggiamento di monumenti nazionali, e lui si è difeso parlando di un guasto all’impianto frenante del veicolo. La reazione degli abitanti, che considerano i Moai incarnazioni dei loro antenati, è stata furiosa, seguita dalle parole altrettanto dure del sindaco di Rapa Nui, che da tempo chiedeva una regolamentazione del traffico sull’isola polinesiana, con regole restrittive nei pressi dei celebri busti che ogni anno attirano milioni di turisti: “Tutti sono contrati a introdurre regole e limitazioni, così tutti vanno dove vogliono. Sapevamo bene che sarebbe successo: era solo questione di tempo”. Per Camilo Rapu, presidente della comunità Ma’u Henua, l’incidente potrebbe essere stato un gesto volontario.

Galleria fotografica
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up - immagine 1
Mondo
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura