Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up

| Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette

+ Miei preferiti
Non ci hanno ascoltati, e questo è il risultato”, commenta così, il sindaco di Pedro Edmund Paoa l’incredibile incidente che ha scatenato l’indignazione degli abitanti dell’Isola di Pasqua, uno dei siti archeologici più famosi del mondo, dove si ospitano i giganteschi “Moai”, i busti in pietra le cui origini sono ancora avvolte nel mistero.

Qualche giorno fa, un turista cileno si è schiantato con il suo pick-up contro uno dei 638 Moai, causando “danni incalcolabili”: l’uomo è stato arrestato con l’accusa di danneggiamento di monumenti nazionali, e lui si è difeso parlando di un guasto all’impianto frenante del veicolo. La reazione degli abitanti, che considerano i Moai incarnazioni dei loro antenati, è stata furiosa, seguita dalle parole altrettanto dure del sindaco di Rapa Nui, che da tempo chiedeva una regolamentazione del traffico sull’isola polinesiana, con regole restrittive nei pressi dei celebri busti che ogni anno attirano milioni di turisti: “Tutti sono contrati a introdurre regole e limitazioni, così tutti vanno dove vogliono. Sapevamo bene che sarebbe successo: era solo questione di tempo”. Per Camilo Rapu, presidente della comunità Ma’u Henua, l’incidente potrebbe essere stato un gesto volontario.

Galleria fotografica
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up - immagine 1
Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria