Decapitata e gettata dal balcone

| Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza

+ Miei preferiti
Di lei si sa solo che si chiamava Elizabeta, aveva 19 anni e lavorava come spogliarellista in uno strip-club. Orfana, era cresciuta in un orfanatrofio, mettendo insieme un’infanzia infelice, e aveva trovato lavoro al “Zazhigalka”, un locale a luci rosse.

Elizabeta è la protagonista di un fatto di cronaca agghiacciante finito sulle prime pagine di tutti i quotidiani russi: il suo corpo, decapitato e smembrato, è stato gettato in strada dal 12esimo piano di un palazzo in cui si trovava. A fare la macabra scoperta alcuni ragazzini che stavano giocando in strada. È avvenuto a Chita, 340mila abitanti, capoluogo della Transbajkalia, nella Siberia orientale.

“Stavamo giocando, quando abbiamo visto qualcuno che lanciava qualcosa da un balcone: siamo andati a vedere ed erano vestiti insanguinati. Poi abbiamo visto la testa”, ha detto ancora sconvolto Igor, 15 anni, uno dei ragazzini che ha dato l’allarme.

La polizia avrebbe fermato l’uomo di 38 anni che vive nell’appartamento da cui sono stati gettati i resti insanguinati della povera ragazza. Secondo alcune amiche della giovane, che hanno creato una pagina di raccolta fondi per pagare il funerale, Elizabeta e quel ragazzo avevano iniziato una relazione da poco tempo. “Per la prima volta in vita sua sembrava felice”.

Galleria fotografica
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 1
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 2
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 3
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 4
Mondo
Argentina, party in spiaggia per 2.000 adolescenti
Argentina, party in spiaggia per 2.000 adolescenti
Bloccati dalla polizia, i giovani partecipanti rischiano multe salatissime. La polizia lavora per individuare gli organizzatori della festa che ha attirato migliaia di persone, malgrado il rigido divieto di assembramenti
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Accusato di pratiche inumane durante l’Apartheid e condannato, Wouter Basson è stato rintracciato presso un gruppo ospedaliero sudafricano dove lavora tranquillamente da anni
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte