Decapitata e gettata dal balcone

| Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza

+ Miei preferiti
Di lei si sa solo che si chiamava Elizabeta, aveva 19 anni e lavorava come spogliarellista in uno strip-club. Orfana, era cresciuta in un orfanatrofio, mettendo insieme un’infanzia infelice, e aveva trovato lavoro al “Zazhigalka”, un locale a luci rosse.

Elizabeta è la protagonista di un fatto di cronaca agghiacciante finito sulle prime pagine di tutti i quotidiani russi: il suo corpo, decapitato e smembrato, è stato gettato in strada dal 12esimo piano di un palazzo in cui si trovava. A fare la macabra scoperta alcuni ragazzini che stavano giocando in strada. È avvenuto a Chita, 340mila abitanti, capoluogo della Transbajkalia, nella Siberia orientale.

“Stavamo giocando, quando abbiamo visto qualcuno che lanciava qualcosa da un balcone: siamo andati a vedere ed erano vestiti insanguinati. Poi abbiamo visto la testa”, ha detto ancora sconvolto Igor, 15 anni, uno dei ragazzini che ha dato l’allarme.

La polizia avrebbe fermato l’uomo di 38 anni che vive nell’appartamento da cui sono stati gettati i resti insanguinati della povera ragazza. Secondo alcune amiche della giovane, che hanno creato una pagina di raccolta fondi per pagare il funerale, Elizabeta e quel ragazzo avevano iniziato una relazione da poco tempo. “Per la prima volta in vita sua sembrava felice”.

Galleria fotografica
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 1
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 2
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 3
Decapitata e gettata dal balcone - immagine 4
Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza
Chiuse le indagini dei killer del Canada
Chiuse le indagini dei killer del Canada
La polizia ha divulgato i risultati dell’inchiesta sui tre omicidi commessi da Kam McLeod e Bryer Schmegelsky, due adolescenti che avevano scelto di uccidere senza motivo. Trovati diversi video "agghiaccianti"