Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni

| Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme

+ Miei preferiti
Sembra una punizione divina simile alle “7 piaghe d’Egitto”, quella che sta vivendo l’Australia, prima devastata da incendi colossali, quindi vittima di piogge torrenziali e inondazioni, e ora – lanciano l’allarme gli esperti – alle prese con un’invasione di “funnelweb spider”, il pericolosissimo “ragno della ragnatela a imbuto”, nome comune dell’Atrax Robustus, un aracnide fra i più aggressivi e letali al mondo.

Le condizioni lasciate dai roghi e dalle piogge sono “perfette” per il proliferare dei ragni, il cui incremento dell’attività è stata documentata nei giorni scorsi dall’Australian Reptile Park. “A causa della recente pioggia e del gran caldo, i ragni inizieranno a muoversi - ha avvertito Daniel Rumsey, portavoce del parco di Somersby, nel New South Wales - i ragni della ragnatela ad imbuto sono potenzialmente fra i più pericolosi del pianeta, e la questione va affrontata con la massima attenzione”.

L’Australia è stata devastata dai peggiori incendi che degli ultimi decenni, con ampie fasce del Paese devastate: almeno 28 persone sono morte e nel solo stato del Nuovo Galles del Sud più di 3.000 case sono state distrutte o danneggiate.

Alla fine della scorsa settimana diversi temporali di forte intensità hanno portato un po’ sollievo ad alcune zone, anche se le inondazioni hanno creato nuovi rischi: alcune zone sono state colpite da chicchi di grandine grandi come palline da golf, abbastanza grandi da rompere i finestrini delle auto e ferire seriamente persone e animali. Meno di 24 ore dopo la regione è stata colpita da enormi tempeste di polvere.

Ora è la volta dei ragni che vivono nelle foreste costali australiane ma amano infilarsi nelle abitazioni, nascondendosi in scarpe, vestiti e sotto i mobili. L’avvelenamento del morso si diffonde con grande rapidità: nei 13 casi documentati ufficialmente, le vittime sono morte nel giro di 15 minuti.

Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano