Dove insegnano la felicità

| È andato esaurito in poche ore un corso dell’Università di Yale che insegna a guardare la vita con positività

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Una cosa così non si era mai vista, nei 317 anni di vita dell’Università di Yale, prestigiosa culla di cultura che ha allevato premi Nobel e Pulitzer, inventori, industriali e ben cinque presidenti degli Stati Uniti. Mai successo prima, che un solo corso fosse sommerso dalle richieste di iscrizione in poche ore, come i biglietti di un concerto degli U2.

Il motivo di tanto successo si chiama “Psycology and the Good Life”, più o meno come imparare ad essere felici. Un desiderio comune al genere umano, a cui i più grandi nomi della letteratura, del cinema e della poesia hanno dedicato così tante opere da poter riempire intere biblioteche parlando di felicità perse o incontrate.

Ma soprattutto, e questo è forse il segnale più importante da cogliere, emerge in modo prorompente il desiderio dei giovani di imparare a vivere in modo diverso dalle generazioni che li hanno preceduti, godendosi la vita, anche se la crisi (eccetera) consigliano profilo basso e facce meste.

A Yale è bastato affiggere nei corridoi l’annuncio del corso per veder piombare 300 iscritti, diventati 900 tre giorni dopo, e poi giù fino a completare i 1.200 posti disponibili. Un terzo degli iscritti al triennio di Yale.

Due lezioni a settimana tenute da Laurie Santos, giovane docente del “Department of Psycology”, che al “New York Times” ha spiegato: “Dopo gli anni delle superiori, trascorsi a mettere in secondo piano la felicità, gli studenti vogliono imparare a guardare la vita con un sorriso”. Il ciclo sulla felicità nasce anche da un preoccupante studio del 2013, in cui si evidenziava che oltre la metà degli studenti dei corsi di laurea di primo livello fa ricorso a cure e supporti mentali.

Materie del corso l’analisi dei cambiamenti necessari, il miglioramento delle prestazioni, le armi per combattere lo stress e come imparare a guardare la vita con ottimismo.

Secondo Martin Selingman, padre della psicologia positiva, il 60% della felicità è una questione genetica, e solo il 40 che avanza dipende invece da ognuno di noi. Eppure, secondo una ricerca dell’Università di Harward, la felicità è contagiosa: chi vive accanto ad una persona felice ha il 25% di probabilità in più di diventarlo anche lui.

Mondo
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne