Dove si muore di più

| Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise

+ Miei preferiti
Si chiama “UNDOC”, acronimo di “United Nations Office on Drugs and Crime”, è l’agenzia delle Nazioni Unite fondata nel 1997 per il controllo e la prevenzione del crimine, soprattutto verso il traffico illegale di stupefacenti: ha sede a Vienna, con 1500 dipendenti e 21 succursali in tutto il mondo.

Ogni anno, l’UNDOC pubblica un report sul tasso di violenza nel pianeta, individuando paesi e continenti dove la giustizia sembra stia lasciando campo alla malavita organizzata. È un quadro a tinte fosche e preoccupante, una finestra aperta su un universo parallelo fatto di violenze e omicidi, così tanti da superare di gran lunga le vittime di guerre e terrorismo. Prendendo in esame i dati globali del 2017 – ad esclusione di quelli delle forze dell’ordine nell’esercizio delle loro funzioni, i casi di autodifesa e i conflitti armati - l’UNDOC stima in 464mila le persone uccise in quell’anno, e per il 19% si tratta di vittime della malavita organizzata. La cifra più alta raggiunta da 25 anni a questa parte, che stride in modo evidente contro gli 89mila morti per guerre e i 26mila del terrorismo.

Eppure, sempre stando alle cifre, qualcosa sembra muoversi: la probabilità di essere vittima di omicidio è statisticamente più bassa rispetto al passato: nel 1993 moriva una media di 7,4 persone ogni 100mila, mentre oggi si è passati a 6,1. Ma c’è un trucco, spiega il report: la verità è che il tasso di omicidi è cresciuto, ma anche la popolazione mondiale, passata da 5,4 a 7,44 miliardi di persone.

Si muore di più e più facilmente nel continente americano: nel 2017, 17,2 persone ogni 100mila abitanti hanno perso la vita, una cifra che supera perfino l’Africa, dove il rapporto si ferma a 13 ogni 100mila. A primeggiare sono il Cile, il Nicaragua, El Salvador e il Venezuela, rispettivamente con 3,5, 8,3, 62,1 e 56,8 morti ogni centomila persone. Va meglio in Europa, Asia e Oceania, dove il conto finale parla di 3 omicidi ogni 100 mila abitanti, anche se perfino questa volta resta un dubbio che riguarda l’Oceania, dove le tantissime tribù sono abituate a regolare i conti di persona senza avvisare la polizia.

Sono gli uomini a morire di più (81%), in particolare quelli di età compresa fra i 15 ed i 29 anni, anche se in Europa il dato interessa adulti fra 30 e 44 anni. Un numero impressionante di donne muore prima di compiere 50 anni, soprattutto per mano di familiari (24%), o di fidanzati e mariti (34%). Fra le categorie professionali, chi rischia di più sono i giornalisti: 46 morti nel 2008, 124 nel 2012.

Si uccide per le ragioni più disparate: litigi, questioni personali, gelosia, disparità di reddito, divergenze politiche, discriminazioni di genere, alcol e droga. Il report si chiude con un monito: la protezione dei propri cittadini passa attraverso investimenti massicci nell’istruzione e nella certezza che nessun crimine finisca impunito.

Mondo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione