Dove si muore di più

| Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise

+ Miei preferiti
Si chiama “UNDOC”, acronimo di “United Nations Office on Drugs and Crime”, è l’agenzia delle Nazioni Unite fondata nel 1997 per il controllo e la prevenzione del crimine, soprattutto verso il traffico illegale di stupefacenti: ha sede a Vienna, con 1500 dipendenti e 21 succursali in tutto il mondo.

Ogni anno, l’UNDOC pubblica un report sul tasso di violenza nel pianeta, individuando paesi e continenti dove la giustizia sembra stia lasciando campo alla malavita organizzata. È un quadro a tinte fosche e preoccupante, una finestra aperta su un universo parallelo fatto di violenze e omicidi, così tanti da superare di gran lunga le vittime di guerre e terrorismo. Prendendo in esame i dati globali del 2017 – ad esclusione di quelli delle forze dell’ordine nell’esercizio delle loro funzioni, i casi di autodifesa e i conflitti armati - l’UNDOC stima in 464mila le persone uccise in quell’anno, e per il 19% si tratta di vittime della malavita organizzata. La cifra più alta raggiunta da 25 anni a questa parte, che stride in modo evidente contro gli 89mila morti per guerre e i 26mila del terrorismo.

Eppure, sempre stando alle cifre, qualcosa sembra muoversi: la probabilità di essere vittima di omicidio è statisticamente più bassa rispetto al passato: nel 1993 moriva una media di 7,4 persone ogni 100mila, mentre oggi si è passati a 6,1. Ma c’è un trucco, spiega il report: la verità è che il tasso di omicidi è cresciuto, ma anche la popolazione mondiale, passata da 5,4 a 7,44 miliardi di persone.

Si muore di più e più facilmente nel continente americano: nel 2017, 17,2 persone ogni 100mila abitanti hanno perso la vita, una cifra che supera perfino l’Africa, dove il rapporto si ferma a 13 ogni 100mila. A primeggiare sono il Cile, il Nicaragua, El Salvador e il Venezuela, rispettivamente con 3,5, 8,3, 62,1 e 56,8 morti ogni centomila persone. Va meglio in Europa, Asia e Oceania, dove il conto finale parla di 3 omicidi ogni 100 mila abitanti, anche se perfino questa volta resta un dubbio che riguarda l’Oceania, dove le tantissime tribù sono abituate a regolare i conti di persona senza avvisare la polizia.

Sono gli uomini a morire di più (81%), in particolare quelli di età compresa fra i 15 ed i 29 anni, anche se in Europa il dato interessa adulti fra 30 e 44 anni. Un numero impressionante di donne muore prima di compiere 50 anni, soprattutto per mano di familiari (24%), o di fidanzati e mariti (34%). Fra le categorie professionali, chi rischia di più sono i giornalisti: 46 morti nel 2008, 124 nel 2012.

Si uccide per le ragioni più disparate: litigi, questioni personali, gelosia, disparità di reddito, divergenze politiche, discriminazioni di genere, alcol e droga. Il report si chiude con un monito: la protezione dei propri cittadini passa attraverso investimenti massicci nell’istruzione e nella certezza che nessun crimine finisca impunito.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale