Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter

| Ila, 21 anni, trovata senza vita in casa, forse a causa di un’overdose. Da due anni lottava contro un brutto male che la causava attacchi di epilessia

+ Miei preferiti
Ila aveva solo 21 anni: era la quinta dei sei figli di Jody Schekter, ex campione del mondo di F1 con la Ferrari nel lontano 1979. È stata trovata senza vita nel letto della sua camera per cause ancora tutte da chiarire, anche se si sospetta che possa trattarsi di un’overdose, forse accidentale, ma al momento non si esclude la volontarietà. Perché come reso noto dalla famiglia Schekter nel comunicato in cui si annuncia la morte della ragazza, da tempo Ila soffriva di “attacchi epilettici che le avevano causato ansia e paura delle convulsioni”. Due anni fa le era stato diagnosticato un tumore al cervello ed era stata sottoposta a diversi interventi chirurgici, e da poco si era decisa ad entrare in un programma di disintossicazione.

Nello stesso comunicato, Jody e sua moglie Clare si dicono “distrutti e straziati” dalla morte precoce, mentre Poppy, la sorella minore, ha voluto renderle omaggio sui social parlando di una persona “bella e speciale”. La famiglia Schekter gestiva da tempo la “Laverstoke Park Farm”, una fattoria biologica nell’Hampshire.

Poche settimane fa, Ila aveva celebrato insieme alla sua famiglia al completo il 40° anniversario della vittoria del titolo mondiale di Scheckter nel 1979 al Gran Premio d’Italia, a Monza. Le foto dell’evento la mostrano sorridente e tranquilla, malgrado fosse molto sofferente. “È stata l’ultima volta in cui la famiglia è stata di nuovo tutta insieme”, hanno commentato amaramente i coniugi Scheckter.

Amici e familiari dipingono Ila come una ragazza “divertente, oltraggiosa, bella, intelligente, compassionevole, empatica, leale e con un sorriso che poteva illuminare una stanza. Ma anche piena di dubbi e paure”. La coppia ha raccontato che Ila si era iscritta da poco all’Università di Westminster per studiare Psicologia.

“Vi preghiamo di rispettare la nostra privacy per la perdita di una figlia, una sorella e una zia molto amata. Ci sarà un funerale privato e una cerimonia per celebrare la sua breve vita”, conclude il comunicato.

Jody Schekter, classe 1950, sudafricano di East London, debutta in F1 nel 1972 come terza guida della McLaren: due anni dopo passa alla Tyrrell, con cui passa dal ruolo di “outsider” a quello di giovane talento. Dopo due anni alla “Wolf”, nel 1979 sbarca a Maranello affiancando Gilles Villeneuve, con cui nascerà una solida amicizia. Si ritira nel 1980. Dalla prima moglie Pamela ha avuto due figli, Toby e Tomas, e altri quattro da Claire, la seconda: Hugo, Freddie, Ila e Poppy.

Galleria fotografica
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 1
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 2
Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria