Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter

| Ila, 21 anni, trovata senza vita in casa, forse a causa di un’overdose. Da due anni lottava contro un brutto male che la causava attacchi di epilessia

+ Miei preferiti
Ila aveva solo 21 anni: era la quinta dei sei figli di Jody Schekter, ex campione del mondo di F1 con la Ferrari nel lontano 1979. È stata trovata senza vita nel letto della sua camera per cause ancora tutte da chiarire, anche se si sospetta che possa trattarsi di un’overdose, forse accidentale, ma al momento non si esclude la volontarietà. Perché come reso noto dalla famiglia Schekter nel comunicato in cui si annuncia la morte della ragazza, da tempo Ila soffriva di “attacchi epilettici che le avevano causato ansia e paura delle convulsioni”. Due anni fa le era stato diagnosticato un tumore al cervello ed era stata sottoposta a diversi interventi chirurgici, e da poco si era decisa ad entrare in un programma di disintossicazione.

Nello stesso comunicato, Jody e sua moglie Clare si dicono “distrutti e straziati” dalla morte precoce, mentre Poppy, la sorella minore, ha voluto renderle omaggio sui social parlando di una persona “bella e speciale”. La famiglia Schekter gestiva da tempo la “Laverstoke Park Farm”, una fattoria biologica nell’Hampshire.

Poche settimane fa, Ila aveva celebrato insieme alla sua famiglia al completo il 40° anniversario della vittoria del titolo mondiale di Scheckter nel 1979 al Gran Premio d’Italia, a Monza. Le foto dell’evento la mostrano sorridente e tranquilla, malgrado fosse molto sofferente. “È stata l’ultima volta in cui la famiglia è stata di nuovo tutta insieme”, hanno commentato amaramente i coniugi Scheckter.

Amici e familiari dipingono Ila come una ragazza “divertente, oltraggiosa, bella, intelligente, compassionevole, empatica, leale e con un sorriso che poteva illuminare una stanza. Ma anche piena di dubbi e paure”. La coppia ha raccontato che Ila si era iscritta da poco all’Università di Westminster per studiare Psicologia.

“Vi preghiamo di rispettare la nostra privacy per la perdita di una figlia, una sorella e una zia molto amata. Ci sarà un funerale privato e una cerimonia per celebrare la sua breve vita”, conclude il comunicato.

Jody Schekter, classe 1950, sudafricano di East London, debutta in F1 nel 1972 come terza guida della McLaren: due anni dopo passa alla Tyrrell, con cui passa dal ruolo di “outsider” a quello di giovane talento. Dopo due anni alla “Wolf”, nel 1979 sbarca a Maranello affiancando Gilles Villeneuve, con cui nascerà una solida amicizia. Si ritira nel 1980. Dalla prima moglie Pamela ha avuto due figli, Toby e Tomas, e altri quattro da Claire, la seconda: Hugo, Freddie, Ila e Poppy.

Galleria fotografica
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 1
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 2
Mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata