Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter

| Ila, 21 anni, trovata senza vita in casa, forse a causa di un’overdose. Da due anni lottava contro un brutto male che la causava attacchi di epilessia

+ Miei preferiti
Ila aveva solo 21 anni: era la quinta dei sei figli di Jody Schekter, ex campione del mondo di F1 con la Ferrari nel lontano 1979. È stata trovata senza vita nel letto della sua camera per cause ancora tutte da chiarire, anche se si sospetta che possa trattarsi di un’overdose, forse accidentale, ma al momento non si esclude la volontarietà. Perché come reso noto dalla famiglia Schekter nel comunicato in cui si annuncia la morte della ragazza, da tempo Ila soffriva di “attacchi epilettici che le avevano causato ansia e paura delle convulsioni”. Due anni fa le era stato diagnosticato un tumore al cervello ed era stata sottoposta a diversi interventi chirurgici, e da poco si era decisa ad entrare in un programma di disintossicazione.

Nello stesso comunicato, Jody e sua moglie Clare si dicono “distrutti e straziati” dalla morte precoce, mentre Poppy, la sorella minore, ha voluto renderle omaggio sui social parlando di una persona “bella e speciale”. La famiglia Schekter gestiva da tempo la “Laverstoke Park Farm”, una fattoria biologica nell’Hampshire.

Poche settimane fa, Ila aveva celebrato insieme alla sua famiglia al completo il 40° anniversario della vittoria del titolo mondiale di Scheckter nel 1979 al Gran Premio d’Italia, a Monza. Le foto dell’evento la mostrano sorridente e tranquilla, malgrado fosse molto sofferente. “È stata l’ultima volta in cui la famiglia è stata di nuovo tutta insieme”, hanno commentato amaramente i coniugi Scheckter.

Amici e familiari dipingono Ila come una ragazza “divertente, oltraggiosa, bella, intelligente, compassionevole, empatica, leale e con un sorriso che poteva illuminare una stanza. Ma anche piena di dubbi e paure”. La coppia ha raccontato che Ila si era iscritta da poco all’Università di Westminster per studiare Psicologia.

“Vi preghiamo di rispettare la nostra privacy per la perdita di una figlia, una sorella e una zia molto amata. Ci sarà un funerale privato e una cerimonia per celebrare la sua breve vita”, conclude il comunicato.

Jody Schekter, classe 1950, sudafricano di East London, debutta in F1 nel 1972 come terza guida della McLaren: due anni dopo passa alla Tyrrell, con cui passa dal ruolo di “outsider” a quello di giovane talento. Dopo due anni alla “Wolf”, nel 1979 sbarca a Maranello affiancando Gilles Villeneuve, con cui nascerà una solida amicizia. Si ritira nel 1980. Dalla prima moglie Pamela ha avuto due figli, Toby e Tomas, e altri quattro da Claire, la seconda: Hugo, Freddie, Ila e Poppy.

Galleria fotografica
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 1
Dramma in F1: muore la figlia di Jody Schekter - immagine 2
Mondo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi