Dramma senza fine dei bimbi separati

| Centinaia di bambini separati dai genitori immigrati in Usa sono ancora nei centri di detenzione Usa lontani dalle famiglie. Un giudice impone il ricongiungimento ma il governo è nel caos. Migliaia di denunce

+ Miei preferiti

Il Newyorker, in un servizio firmato da Jonathan Blizner, affronta il tema dei figli dei migranti separati dai genitori al momento del loro fermo da parte della polizia di frontiera Usa. Pensiamo sia un contributo importante per capire uno dei fenomeni più tristi in questo momento storico, segnato da forti flussi migratori in tutto il mondo.

Redazione Ism

di Jonathan Blizner

Prima che l'amministrazione Trump ponesse fine alla sua politica di separazione forzata dei genitori immigrati dai loro figli alla frontiera, alla fine del mese scorso, più di 2500 bambini sono finiti sotto la custodia federale. Se e quando questi bambini si riuniranno con i loro genitori è ora al centro di una contesa di natura giudiziaria. In giugno, un giudice federale di San Diego, Dana Sabraw, ha dato tempo al governo solo fino a giovedì alle 18.00, per riunire le famiglie che aveva diviso. Nessuno si aspetta che il governo rispetti pienamente questa scadenza. Ma anche se fosse conforme all'ordine del giudice, centinaia di bambini che sono stati senza i loro genitori per settimane, o addirittura mesi, rimarrebbe in custodia federale, perché il governo ha stabilito che i loro genitori “non sono ammissibili" per la riunificazione. All'inizio di questa settimana, gli avvocati del Dipartimento di Giustizia hanno fornito a Sabraw una lista di 914 genitori che, secondo le parole di un tribunale, "o non erano idonei, o non erano ancora noti per essere idonei, per la riunificazione". Questi genitori rientravano in diverse categorie non ben definite. Alcuni sono stati accusati o condannati per un reato, altri sembrano essere già stati rimpatriati nei loro paesi d'origine ma senza i loro figli. Nel corso di un'audizione tenutasi martedì, un avvocato del governo ha cercato di contrastare la decisione del giudice Sabraw, chiedendo che cosa significava "ulteriore valutazione". I sostenitori dell'immigrazione credono che il governo stia trovando il modo di ridurre al minimo il lavoro di riunificazione che ha lasciato. "Il governo continua a cercare di restringere le tipologie delle famiglie previste dal giudice", ha detto Michelle Brané, della Commissione per i Rifugiati delle Donne. "Si tratta di eliminare casi basati su molti aspetti che non sono sempre legittime o definitive”. Sabraw ha, finora, accettato la premessa del governo sul fatto che alcuni genitori non sono idonei per la riunificazione, ma ha anche stabilito di ascoltare chi sostiene che il governo ha sbagliato in alcune delle sue determinazioni. Ognuna delle quattro categorie di genitori non idonei individuate dal governo solleva una serie di interrogativi. Le categorie sono le seguenti:

 

1. Il governo afferma che 127 dei 914 genitori non aventi diritto hanno rinunciato al diritto al ricongiungimento familiare dopo l'affidamento. Eppure non è chiaro se questi genitori abbiano compreso appieno ciò che stavano accettando. "Questi genitori hanno urgente bisogno di consultazioni con gli avvocati, in modo che non si blocchino erroneamente i loro figli negli Stati Uniti", avvocati della American Civil Liberties Union hanno depositato un’istanza in Tribunale all'inizio di questa settimana. Mercoledì, l'A.C.L.U. ha rilasciato più di cento pagine di dichiarazioni giurate di avvocati e, in alcuni casi, di genitori detenuti, che insieme hanno descritto un'atmosfera di caos completo all'interno delle strutture in tutto il Texas. Alcuni ritengono di essere stati ingannati sulle forme che il governo ha dato loro da firmare. In alcuni casi, hanno firmato moduli di rinuncia al diritto al ricongiungimento, dopo che Sabraw aveva già ordinato al governo di iniziare a ricongiungere le famiglie. Una donna honduregna di nome Wendy Santos ha raccontato  che durante la detenzione per immigrazione, nel Texas occidentale, ha incontrato donne analfabete che hanno firmato documenti perché i funzionari hanno detto loro che così facendo avrebbero potuto vedere i loro figli prima. Cinquantadue genitori che hanno rinunciato alla riunificazione sono attualmente detenuti nella zona di El Paso. Nelle ultime settimane, il Consiglio americano per l'immigrazione si è recato sul posto con un'équipe di avvocati per intervistare i genitori detenuti in tre diverse strutture. Le storie che hanno raccolto sono di genitori messi di fretta, intimiditi o ingannati nel prendere decisioni che cambiano la vita. Un gruppo di padri è stato condotto nella cappella di una prigione del Nuovo Messico chiamata Otero, appena fuori da El Paso, dove, dopo pochi minuti, a tutti sono state fatte firmare carte in cui rinunciano al loro diritto di riunirsi con i loro figli. Un altro genitore, un padre guatemalteco, ha detto ai funzionari che voleva che sua figlia rimanesse negli Stati Uniti perché la sua vita era in pericolo. Gli dissero che avrebbe potuto rimanere solo se avesse firmato un documento stampato in inglese, che non riusciva a capire ma che si sentiva obbligato a firmare. "Questi genitori non avevano informazioni su dove e quando avrebbero potuto rivedere i loro figli", mi ha detto Royce Murray, direttore politico dell'American Immigration Council. "Non sappiamo nemmeno esattamente cosa alcuni di loro abbiano firmato perché non hanno ricevuto la documentazione necessaria".

 

2. Sono 64 i genitori che sono stati segnalati come "inammissibili" per "precedenti penali" dall'Ufficio per l'Immigrazione e le Dogane o dall'Ufficio per il Rimpatrio dei Rifugiati, l'agenzia che ha preso in custodia i bambini separati dai loro genitori. La storia criminale di una persona può essere rilevante per lo sforzo di riunificazione se solleva domande sulla sua idoneità come genitore, ma gli avvocati per l'immigrazione che rappresentano le famiglie in detenzione hanno detto che il governo sta utilizzando una definizione troppo ampia di "precedenti giudiziari" al fine di aumentare sempre di pià la categoria dei "genitori inamissibili". "A volte, siamo solo di fronte ad accuse di attività criminale, non di condanne effettive," dice Kate Melloy Goettel, un avvocato con il National Immigrant Justice Center. "Il governo non sempre condivide le prove, quindi siamo stati ostacolati nel modo in cui possiamo contestare le accuse". La più vicina è stata l'Amministrazione a definire quello che, precisamente, considera un "casellario giudiziale proibitivo", una lista che ha fornito all'inizio di questo mese per spiegare perché undici genitori non erano idonei a ricongiungersi con bambini di età inferiore ai cinque anni. Tra i motivi addotti vi erano due condanne per guida in stato di ebbrezza, "accuse penali, tra cui l'aggressione" e un "mandato penale pendente in El Salvador". In un caso, l'intera spiegazione è stata la frase "voluto da El Salvador".

 

3. E 463 i genitori considerati inammissibili perché, secondo il governo, sono attualmente "non negli Stati Uniti". Quasi certamente significa che sono già stati deportati, senza i loro figli. Questi genitori dovrebbero rientrare nell'ordine di riunificazione del giudice, ma il governo non sa dove sono e ha sostenuto che non può cominciare ad indovinare quanto tempo ci vorrà per cercare di trovarli.

 

4. Gli ultimi 260 genitori rientrano nella categoria "ulteriore valutazione". All'udienza di martedì un avvocato del governo ha offerto al giudice alcune possibili spiegazioni per il motivo per cui le persone sarebbe finita in questa categoria. In alcuni casi, ha detto, si trattava di genitori già liberati dalla detenzione per immigrazione. Il governo stava ancora cercando di localizzarli, ha detto. Altri casi di "ulteriore valutazione" riguardano bambini che sono già stati rilasciati a un membro della famiglia non genitore negli Stati Uniti. "È stato molto chiaro che il governo non ha lavorato all'unisono", dice Wendy Young, presidente di Kids in Need of Defense. Sabraw è in grado di decidere se il governo abbia impropriamente escluso i genitori dal processo di riunificazione. Ma altre questioni probabilmente rallenteranno l’esecuzione del provvedimento. "Ha così tanto sulla sua scrivania che non serve altro" ha detto Goettel. Mercoledì sera, l'A.C.L.U. ha accusato l'Amministrazione di voler espellere decine di genitori subito dopo il ricongiungimento con i loro figli, prima che potessero consultarsi con gli avvocati per capire cosa fosse meglio per loro o per le loro famiglie. È l'ultima intoppo  di Sabraw. Nel frattempo, le famiglie che il governo ha cancellato come "inammissibili" continueranno a rimanere divise.Sessantaquattro genitori che sono stati segnalati come “inammissibili per il ricongiungimento” sono stati considerati come aventi "precedenti penali" dall'Ufficio per l'Immigrazione e le Dogane o dall'Ufficio per il Rimpatrio dei Rifugiati, l'agenzia che ha preso in custodia i bambini separati dai loro genitori. La storia criminale di una persona può essere rilevante per lo sforzo di riunificazione se si sollevano quesiti sulla sua idoneità come genitore, ma gli avvocati per l'immigrazione che rappresentano le famiglie in detenzione hanno detto che il governo sta utilizzando una definizione troppo ampia di “criminale”. Segue un elenco fornito all'inizio di questo mese per spiegare perché undici genitori non erano idonei a ricongiungersi con figli di età inferiore ai cinque anni. Tra i motivi addotti vi erano due condanne per guida in stato di ebbrezza, "accuse penali, tra cui l'aggressione" e un "mandato penale pendente in El Salvador". In un caso, l'intera spiegazione è stata la frase "richiesto da El Salvador".

 

Mondo
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Accusato di pratiche inumane durante l’Apartheid e condannato, Wouter Basson è stato rintracciato presso un gruppo ospedaliero sudafricano dove lavora tranquillamente da anni
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi