Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali

| Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua

+ Miei preferiti
Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista medico-scientifica “The Lancet”, quasi 2 milioni di abitanti di Hong Kong, circa un terzo della popolazione adulta, accusano sintomi di disturbo post-traumatico da stress. Tra il 2009 e il 2019, in quello che ritengono sia stato il più grande e approfondito studio al mondo sull’impatto dei disordini sociali sulla salute mentale, i ricercatori dell’Università di Hong Kong hanno intervistato 18.000 persone, e negli ultimi mesi il 32% dei soggetti interpellati ha ammesso di aver accusato stati d’ansia, attacchi di panico, insonnia, irritabilità e incubi notturni persistenti.

Le proteste di Hong Kong sono esplose lo scorso giugno a causa della legge sull’estradizione che avrebbe permesso ai sospetti di qualsiasi crimine di essere trasferiti e giudicati nella Cina continentale. Da allora le manifestazioni si sono evolute in un più ampio movimento a favore della democrazia che chiede maggiori libertà civili. Ma più le proteste continuavano, più diventavano violente: oltre 16.000 cariche di gas lacrimogeni sono state lanciate dalla polizia, e 7.000 persone sono state arrestate.

Dei 7,5 milioni di abitanti di Hong Kong, 6,3 milioni sono adulti: rispetto al 2009, quando è iniziata la ricerca, lo studio ha rilevato che quasi due milioni di persone denunciano sintomi di “PTSD”, e quasi 600mila presentano forme di depressione a vari livelli.

“La metropoli, per quanto all’avanguardia, non ha le risorse necessarie per affrontare questo eccessivo carico di problemi di salute mentale - ha commentato il professor Gabriel Leung dell’Università di Hong Kong, che ha co-diretto la ricerca - con la metà della capacità psichiatrica pro capite del Regno Unito, e i tempi medi di attesa ambulatoriale del settore pubblico, che possono arrivare fino a 64 settimane, è fondamentale migliorare l’assistenza sociale per fare in modo che chi ne avverta il bisogno possa accedere a servizi di alta qualità”.

Lo studio riconosce i propri limiti, affermando che i risultati si limitano a fornire una finestra di osservazione piuttosto che individuare causa ed effetto del fenomeno. E non si esclude nemmeno che i risultati possono sottostimare la realtà entità dei problemi mentali perché non includono individui di età inferiore ai 18 anni, che in realtà costituiscono una parte sostanziale dei manifestanti.

Mondo
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni