E ora Ripple sbanca il bitcoin

| La nuova cybermoneta alza il suo valore alle stelle mentre il povero bitcoin è stretto nella morsa dei poteri fortissimi, guidati dagli Usa patria del liberismo, almeno sino a ieri. Lo spiega Enrico Marro sul Sole24Ore.

+ Miei preferiti

 Un anno fa ci volevano sei centesimi di dollaro per comprare dieci Ripple, oggi un Ripple è arrivato fino a oltre 2,5 dollari. Stando ai dati di CryptoCompare, la seconda valuta digitale per capitalizzazione di mercato dopo Bitcoin ha guadagnato più del 124% in una settimana e balza di un esponenziale 39.600% nell'ultimo anno. Ripple, a differenza delle altre valute digitali, è pensata in modo particolare per le imprese, che possono usarla per pagamenti cross-border utilizzando la tecnologia blockchain. Attualmente, Ripple ha una capitalizzazione di mercato di poco meno di 80 miliardi di dollari, mentre Bitcoin si aggira attorno ai 250 miliardi e negli ultimi 12 mesi ha messo a segno una performance attorno al 1.400% Ripple ha così superato Ethereum diventando la seconda criptovaluta per capitalizzazzine di mercato, con un valore attorno ai 90 miliardi di dollari. 

A guidare la classifica rimane saldamente il bitcoin, con un valore complessivo di circa 240 miliardi di dollari, grazie a una quotazione assestata sopra ai 14.000 dollari, ben lontana dal picco di quasi 20.000 toccato a metà dicembre, ma comunque su livelli decisamente superiori ai 1.000 di un anno fa. Ma il balzo di Ripple ha ulteriormente ridotto il peso specifico della criptoavluta più conosciuta, scesa al di sotto del 40% sul totale di tutte le criptovalute, quando un anno fa era attorno al 90 per cento.La lunga lista delle autorità di regolamentazione intente ad accerchiare le anarchiche protagoniste della blockchain si è completata con Israele, che alla vigilia di Natale ha bandito dalla Borsa di Tel Aviv le società che effettuano scambi commerciali in Bitcoin. Ma gli sceriffi israeliani non sono nulla rispetto a quelli dell’estremo oriente.

In autunno, in Cina, le autorità hanno chiusola più grande Borsa di Bitcoin per frenare la speculazione ma soprattutto evitare che le criptovalute diventassero il chiavistello per eludere lo stringente controllo sui movimenti di capitale. In Corea del Sud, dove la speculazione è così rovente da aver reso il Bitcoin più caro che nel resto del mondo di oltre il 10%, le autorità stanno seriamente valutando una mossa simile a quella di Pechino.

 

I superliberisti Stati Uniti ovviamente non pensano di bandire i “tulipani del terzo millennio”, ma stanno tentando di infilare la museruola al Bitcoin utilizzando una tecnica più sottile: hanno dato il via libera ai future sulla criptovaluta, in modo da metterla sotto il cappello delle Borse ufficiali e regolamentate (Cboe e Cme). Ove “infilare la museruola” significa per esempio richiedere ai trader un margine tra il 35% e il 44% sul valore del future sul Bitcoin, come ha fatto il Chicago Mercantile Exchange: ergo, se volete speculare su un contratto Bitcoin che poniamo vale 50mila dollari, prima dovete versare al Cme fino a 22mila dollari cash. Altrimenti scordatevi i future.

Anche nell'Europa della Mifid 2, quella dell’iperegolamentazione finanziaria, si sta ovviamente studiando come frenare gli eccessi dei criptotulipani del Ventunesimo secolo. All’interno della Bce, per esempio, il falco austriaco Ewald Nowotny ha chiesto una stretta regolatoria sul Bitcoin, definendola non solo uno strumento speculativo ma anche un pericoloso veicolo per il riciclaggio di denaro sporco. Più cauta la Gran Bretagna, che pur vigile per il momento non intravede rischi sistemici.

 

Barbados e Cayman a parte, gli unici a non preoccuparsi troppo del Bitcoin sono i russi: strizzando l’occhio ai suoi elettori, Putin anzi ha ordinato di studiare l’introduzione di un criptorublo allo scopo di aggirare le sanzioni occidentali.

La bolla del Bitcoin sta evidentemente dando alla testa a tutti, sempre poi che di bolla si possa parlare: una bolla si verifica quando un asset supera palesemente il suo valore intrinseco. Bene, ma qual è il valore intrinseco del Bitcoin? È forse una risorsa scarsa come l’oro, come un quadro di Botticelli, come una collezione di vino pregiato? Il Bitcoin era una bolla quando si ritrovava a un dollaro nel 2011, quando trattava a 300 dollari nel 2013 oppure oggi, che viaggia sui 15mila dollari?

La verità è che, come nota con acume Charlie Bilello, strategist di Pension Partners, il Bitcoin avrà valore fino a quando la gente crederà che lo abbia. «Alla fine della giornata di Borsa, i prezzi di mercato sono il risultato del credere collettivo a una bella storia - spiega l’analista italoamericano - . E finora, la storia raccontata dal Bitcoin è ancora molto bella». Tra criptovalute folli, agguerriti regolatori e ingenui investitori, prepariamoci nei prossimi mesi a vedere cose che noi umani non abbiamo nemmeno immaginato.

 
Mondo
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni