Eataly, primo presidio a Stoccolma

| Sabato 17 a Biblioteksgatan, nella ex sede di un cinema storica. Apre il mercato di latticini e alimenti made in Italy. Sfumano le polemiche sul centro di Bologna

+ Miei preferiti

Sabato 17 febbraio alle 13 Eataly apre al pubblico il suo primo punto vendita in Svezia: a Stoccolma a Biblioteksgatan, ex sede del cinema Röda Kvarn. Esteso per oltre 3.000 mq, Eataly Stoccolma si sviluppa su 2 piani e porta in Svezia il format unico di Eataly di mercato, ristorazione e didattica.  L’offerta al dettaglio include un mercato con prodotti di alta qualità tra cui pasta fresca fatta a mano, salumi e formaggi, pesce, carne e un panificio con il miglior assortimento di pizza, focaccia e altri prodotti da forno della tradizione italiana, tutti realizzati con farina biologica. Ricca anche la selezione di pasta, salse, condimenti, olio extravergine di oliva e dolci. Un’attenzione particolare è dedicata inoltre alla ricerca dei migliori prodotti locali e alla narrazione delle storie uniche dei loro produttori.  I ristoranti propongono ogni giorno un’autentica esperienza gastronomica italiana: dalla carne al pesce di provenienza locale, alla pizza tradizionale napoletana e alla pasta fatta a mano, gli ospiti possono gustare una serie di piatti delle tradizioni regionali, sempre realizzati con ingredienti freschissimi. Ai più golosi sono dedicati il bancone del cioccolato artigianale e quello del gelato. 

Intanto sembra sfumare la polemica sul centro di Bologna, per i 90 impieghi interinali non confermati. I novanta dipendenti che oggi non torneranno al lavoro sono interinali assunti dall’agenzia del lavoro Randstad, che fornisce personale a tempo a molti operatori del parco. I contratti in questione sono stati avviati a fine ottobre, in anticipo rispetto all’inaugurazione del 15 novembre, per accompagnare la fase di apertura di Fico Eataly World e il periodo festivo, che come sottolinea la società da tempo ha visto l’arrivo di oltre 500mila visitatori. 

A Fico, complessivamente, lavorano infatti più di mille persone, tra dipendenti diretti del parco e operatori dei ristoranti, dei locali e delle società di servizi. Dopo un primo bilancio positivo, però, evidentemente locali e parco devono riequilibrarsi e quindi hanno deciso di non rinnovare il contratto a una parte di lavoratori, appunto una novantina in tutto, impiegati alle casse, nell’accoglienza dei visitatori e alla gestione degli eventi. Si tratta di lavoratori part-time che in media hanno lavorato 24 ore a settimana, che erano stati chiamati per coprire questo primo periodo di maggiore affluenza.La Scuola di Eataly, infine, offre l’opportunità di imparare dagli esperti come preparare i piatti italiani. Le lezioni di cucina di Eataly conducono i partecipanti, grandi e piccoli, in un viaggio alla scoperta di ricette tradizionali, ingredienti italiani e locali e cultura culinaria. Eataly Stoccolma è dedicato ai ponti. “Stoccolma è distribuita su 14 isole ed è collegata da 57 ponti. Noi di Eataly amiamo le isole, ma preferiamo i ponti, che collegano e uniscono. Siamo tutti isole, ma abbiamo bisogno di ponti!” dichiara il fondatore di Eataly Oscar Farinetti. “Una nuova apertura è per noi un altro passo molto importante. – commenta il Presidente Esecutivo di Eataly Andrea Guerra – Quello che apriamo a Stoccolma è un negozio da amare, che appaga gli occhi e regala emozioni: su tutte quella di fare un salto in un Paese tanto diverso come l’Italia. In Svezia, storicamente tra i Paesi più attenti al benessere sociale della popolazione, entrano per la prima volta più di 1.500 prodotti italiani ambasciatori della nostra cultura enogastronomica e della nostra qualità di vita”.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino