Eclisse del Secolo Usa stregati dopo trentotto anni di attesa

| Dirette tv e social mobilitati. Come gli americani hanno vissuto uno degli eventi più emozionati dell'anno

+ Miei preferiti
CAROLINA DEL SUD 
Reportage
di Germano Longo
Tutti con il naso all'insù, dall'Oregon al South Carolina, per la "Great American Eclipse": qualcuno, lesto con i numeri, ha calcolato in circa 200 milioni le persone incantate dall'eclisse del secolo, quella che dopo 38 anni di digiuno ha riportato il buio di giorno in tutta l'America. Altri più prosaicamente, hanno fatto calcoli diversi e decisamente più terreni: il meraviglioso coast to coast della "Solar Eclipse 2017" è costato al paese circa 700 milioni di dollari. Tanti sono i minuti persi dai lavoratori che, per circa un quarto d'ora a testa, hanno mollato la scrivania per dire l'ho vista, anzi no, non ho visto più niente perché era buio.

Ma va bene così: per un giorno - forse meno, appena qualche ora - la luna che passa davanti al sole è riuscita a far dimenticare i problemi di un paese talmente avanti da dare l'impressione di voler indietreggiare, almeno ogni tanto. Oggi, 21 agosto 2017, sui giornali e sui TG poco spazio alle proteste, alle statue sudiste protette giorno e notte, al cordoglio per la morte di Jerry Lewis e perfino al "Russiagate" che toglie il sonno a Trump. Anche lui, insieme a Melania, ha alzato il ciuffo al cielo, lasciandosi fotografare sul balcone della White House, intento a guardare un evento di portata storica con tanto di occhialini d'ordinanza. 

L'America, come per il "Superbowl", il giorno del ringraziamento e Natale, si è fermata: che detto così, fa un po' impressione. Ma l'attesa si era fatta spasmodica da giorni, con le interstate piene di camper (e che camper!), in viaggio per le località in cui il buio promesso era totale. Posti che hanno fatto affari d'oro e si rammaricano un po' che sia finita così in fretta: su tutti la "Wind River Country", riserva indiana del Wyoming, dagli esperti indicato come il luogo in cui il sole avrebbe smesso totalmente di fare luce.

Il tutto per un paio minuti appena, perché a conti fatti, in un'ora e mezza la luna ha coperto il sole macinando circa 4.000 km, ad una velocità calcolata di 2.600 km all'ora. A fomentare l'attesa, in prima fila, i cervelloni della "Nasa", che hanno messo in campo uomini e mezzi pur di assicurare la diretta anche ai pochi americani rimasti fuori dal corridoio dell'ombra. Dall'altro lato quelli di "Google", che insieme all'Università di Berkley hanno creato la "Eclipse Megamovie Project", una piattaforma e un'application create appositamente. E di seguito il network di "USA Today", in accordo con Instagram,  "Weather Channel", che al contrario ha organizzato la diretta con Twitter, e la "CNN", che ha preferito Facebook. Insomma, l'ennesimo business, questa volta sotto forma di occhialini che vendevano ovunque, magliette ricordo, bandierine e gadget di ogni sorta, compreso il kit del perfetto cacciatore di eclissi: sdraio, binocolo, tavolo, protezioni solari, cappelli, occhialini, connessione in rete, barbeque, birra e salsicce.

Scientificamente, comunque il motivo c'era tutto: se è vero che da quasi quarant'anni un'eclisse totale di sole non toccava anche gli States, è altrettanto vero che per ritrovare un evento simile limitato al solo territorio americano bisogna correre indietro fino al 13 giugno 1257, quando l'America era ancora da inventare. Bei tempi.


Mondo
Corea del Nord:
“In arrivo un regalo di Natale”
Corea del Nord:<br>“In arrivo un regalo di Natale”
Un messaggio inviato agli Stati Uniti sta mettendo in allarme le difese e le intelligence di mezzo mondo. Si teme il lancio di un satellite, con la stessa tecnologia delle testate nucleari a lunga gittata: un avvertimento chiaro
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis