Eclisse del Secolo Usa stregati dopo trentotto anni di attesa

| Dirette tv e social mobilitati. Come gli americani hanno vissuto uno degli eventi più emozionati dell'anno

+ Miei preferiti
CAROLINA DEL SUD 
Reportage
di Germano Longo
Tutti con il naso all'insù, dall'Oregon al South Carolina, per la "Great American Eclipse": qualcuno, lesto con i numeri, ha calcolato in circa 200 milioni le persone incantate dall'eclisse del secolo, quella che dopo 38 anni di digiuno ha riportato il buio di giorno in tutta l'America. Altri più prosaicamente, hanno fatto calcoli diversi e decisamente più terreni: il meraviglioso coast to coast della "Solar Eclipse 2017" è costato al paese circa 700 milioni di dollari. Tanti sono i minuti persi dai lavoratori che, per circa un quarto d'ora a testa, hanno mollato la scrivania per dire l'ho vista, anzi no, non ho visto più niente perché era buio.

Ma va bene così: per un giorno - forse meno, appena qualche ora - la luna che passa davanti al sole è riuscita a far dimenticare i problemi di un paese talmente avanti da dare l'impressione di voler indietreggiare, almeno ogni tanto. Oggi, 21 agosto 2017, sui giornali e sui TG poco spazio alle proteste, alle statue sudiste protette giorno e notte, al cordoglio per la morte di Jerry Lewis e perfino al "Russiagate" che toglie il sonno a Trump. Anche lui, insieme a Melania, ha alzato il ciuffo al cielo, lasciandosi fotografare sul balcone della White House, intento a guardare un evento di portata storica con tanto di occhialini d'ordinanza. 

L'America, come per il "Superbowl", il giorno del ringraziamento e Natale, si è fermata: che detto così, fa un po' impressione. Ma l'attesa si era fatta spasmodica da giorni, con le interstate piene di camper (e che camper!), in viaggio per le località in cui il buio promesso era totale. Posti che hanno fatto affari d'oro e si rammaricano un po' che sia finita così in fretta: su tutti la "Wind River Country", riserva indiana del Wyoming, dagli esperti indicato come il luogo in cui il sole avrebbe smesso totalmente di fare luce.

Il tutto per un paio minuti appena, perché a conti fatti, in un'ora e mezza la luna ha coperto il sole macinando circa 4.000 km, ad una velocità calcolata di 2.600 km all'ora. A fomentare l'attesa, in prima fila, i cervelloni della "Nasa", che hanno messo in campo uomini e mezzi pur di assicurare la diretta anche ai pochi americani rimasti fuori dal corridoio dell'ombra. Dall'altro lato quelli di "Google", che insieme all'Università di Berkley hanno creato la "Eclipse Megamovie Project", una piattaforma e un'application create appositamente. E di seguito il network di "USA Today", in accordo con Instagram,  "Weather Channel", che al contrario ha organizzato la diretta con Twitter, e la "CNN", che ha preferito Facebook. Insomma, l'ennesimo business, questa volta sotto forma di occhialini che vendevano ovunque, magliette ricordo, bandierine e gadget di ogni sorta, compreso il kit del perfetto cacciatore di eclissi: sdraio, binocolo, tavolo, protezioni solari, cappelli, occhialini, connessione in rete, barbeque, birra e salsicce.

Scientificamente, comunque il motivo c'era tutto: se è vero che da quasi quarant'anni un'eclisse totale di sole non toccava anche gli States, è altrettanto vero che per ritrovare un evento simile limitato al solo territorio americano bisogna correre indietro fino al 13 giugno 1257, quando l'America era ancora da inventare. Bei tempi.


Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale