Eclisse del Secolo Usa stregati dopo trentotto anni di attesa

| Dirette tv e social mobilitati. Come gli americani hanno vissuto uno degli eventi più emozionati dell'anno

+ Miei preferiti
CAROLINA DEL SUD 
Reportage
di Germano Longo
Tutti con il naso all'insù, dall'Oregon al South Carolina, per la "Great American Eclipse": qualcuno, lesto con i numeri, ha calcolato in circa 200 milioni le persone incantate dall'eclisse del secolo, quella che dopo 38 anni di digiuno ha riportato il buio di giorno in tutta l'America. Altri più prosaicamente, hanno fatto calcoli diversi e decisamente più terreni: il meraviglioso coast to coast della "Solar Eclipse 2017" è costato al paese circa 700 milioni di dollari. Tanti sono i minuti persi dai lavoratori che, per circa un quarto d'ora a testa, hanno mollato la scrivania per dire l'ho vista, anzi no, non ho visto più niente perché era buio.

Ma va bene così: per un giorno - forse meno, appena qualche ora - la luna che passa davanti al sole è riuscita a far dimenticare i problemi di un paese talmente avanti da dare l'impressione di voler indietreggiare, almeno ogni tanto. Oggi, 21 agosto 2017, sui giornali e sui TG poco spazio alle proteste, alle statue sudiste protette giorno e notte, al cordoglio per la morte di Jerry Lewis e perfino al "Russiagate" che toglie il sonno a Trump. Anche lui, insieme a Melania, ha alzato il ciuffo al cielo, lasciandosi fotografare sul balcone della White House, intento a guardare un evento di portata storica con tanto di occhialini d'ordinanza. 

L'America, come per il "Superbowl", il giorno del ringraziamento e Natale, si è fermata: che detto così, fa un po' impressione. Ma l'attesa si era fatta spasmodica da giorni, con le interstate piene di camper (e che camper!), in viaggio per le località in cui il buio promesso era totale. Posti che hanno fatto affari d'oro e si rammaricano un po' che sia finita così in fretta: su tutti la "Wind River Country", riserva indiana del Wyoming, dagli esperti indicato come il luogo in cui il sole avrebbe smesso totalmente di fare luce.

Il tutto per un paio minuti appena, perché a conti fatti, in un'ora e mezza la luna ha coperto il sole macinando circa 4.000 km, ad una velocità calcolata di 2.600 km all'ora. A fomentare l'attesa, in prima fila, i cervelloni della "Nasa", che hanno messo in campo uomini e mezzi pur di assicurare la diretta anche ai pochi americani rimasti fuori dal corridoio dell'ombra. Dall'altro lato quelli di "Google", che insieme all'Università di Berkley hanno creato la "Eclipse Megamovie Project", una piattaforma e un'application create appositamente. E di seguito il network di "USA Today", in accordo con Instagram,  "Weather Channel", che al contrario ha organizzato la diretta con Twitter, e la "CNN", che ha preferito Facebook. Insomma, l'ennesimo business, questa volta sotto forma di occhialini che vendevano ovunque, magliette ricordo, bandierine e gadget di ogni sorta, compreso il kit del perfetto cacciatore di eclissi: sdraio, binocolo, tavolo, protezioni solari, cappelli, occhialini, connessione in rete, barbeque, birra e salsicce.

Scientificamente, comunque il motivo c'era tutto: se è vero che da quasi quarant'anni un'eclisse totale di sole non toccava anche gli States, è altrettanto vero che per ritrovare un evento simile limitato al solo territorio americano bisogna correre indietro fino al 13 giugno 1257, quando l'America era ancora da inventare. Bei tempi.


Mondo
Tutte le polveriere del mondo
Tutte le polveriere del mondo
Le proteste dilagano ovunque, costringendo i governi a fare marcia indietro su decisioni prese sulla pelle di gente che non ne può più. Letteralmente
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno