El Chapo spera nell’appello

| Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”

+ Miei preferiti
È quasi passato un anno dalla sentenza che condannava all’ergastolo Joaquin “El Chapo” Guzman, l’ex signore del cartello di Sinaloa, uno dei narcotrafficanti più ricchi, spietati e potenti del mondo.

La giuria l’ha ritenuto colpevole di 10 capi d’accusa per associazione a delinquere, traffico di droga, riciclaggio di denaro, cospirazione e omicidio. Da allora, El Chapo passa giorni e notti in assoluta solitudine, rinchiuso in una piccola cella di cemento del temibile “Supermax”, il sinistro penitenziario del Colorado da cui fuggire è impossibile anche per uno come lui, che di più volte ha beffato la giustizia.

Ma secondo Mariel Colon, il suo avvocato, El Chapo potrebbe uscire presto di prigione: “Il signor Guzman è molto concentrato sul suo appello, a cui stiamo lavorando con grande attenzione da mesi”. Il team legale ha annunciato l’intenzione di presentare un appello per tentare di annullare la condanna di Guzman prima della scadenza del 21 agosto.

A gelare le speranze dei legali ci ha pensato l’agente speciale della DEA Ray Donovan, che ha bollato come “molto scarse” le possibilità che El Chapo esca di prigione. “L’unica cosa che dovete capire è che c’è una montagna di prove contro El Chapo e altrettante contro il cartello di Sinaloa, che, a mio onesto parere, non credo gli lascino molte speranze”.

Per oltre 25 anni Guzman, soprannominato “El Chapo” o “Shorty” per la sua statura, è stato il più temuto e ricercato capo del potente e violento cartello di Sinaloa. I procuratori lo hanno definito un “leader spietato e assetato di sangue”, e diversi testimoni durante il processo hanno raccontato che Guzman ha ordinato e talvolta preso parte a torture e omicidi di nemici del cartello.

Ma El Chapo alla giustizia non si è mai arreso, e per due volte è riuscito a evadere dalle prigioni messicane: nel 2001 dal penitenziario Puente Grande, a Jalisco, nascondendosi in un carrello della biancheria. Riacciuffato nel 2014 e rinchiuso nella prigione di Altiplano, l’11 luglio 2015 è nuovamente fuggito attraverso un tunnel lungo quasi 2 km completo di elettricità e impianto di ventilazione. Nel 2017, viene arrestato dopo un sanguinoso scontro a fuoco con i marines messicani e nel gennaio 2017 estradato negli Stati Uniti.

Durante il processo, Guzman ha rivelato le condizioni in cui era costretto nel Metropolitan Correction Center, una prigione federale di Manhattan dov’era rinchiuso prima di essere trasferito in Colorado: “È stata una tortura fisica e mentale, la cosa più disumana che abbia mai vissuto in tutta la mia vita”. L’eco delle dichiarazioni di El Chapo hanno spianato la strada al team legale per la richiesta di un trattamento più umano. “Viene tenuto in isolamento 23 ore al giorno e da quando è arrivato negli Stati Uniti ha trascorso più di due anni senza alcun accesso all’aria fresca o alla luce naturale. È costretto a dormire con la luce accesa nella sua cella e le condizioni psicologiche sono assai preoccupanti”.

Ora, gli avvocati di Guzman hanno sollevato preoccupazioni simili riguardo alla detenzione in Colorado, dove le condizioni sarebbero perfino peggiori, in aggiunta alla pandemia. “Da quando è esploso il coronavirus è ancora più solo: tutte le visite sono state cancellate e gli sono concesse tre ore a settimana di esercizio fisico all’aperto”.

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati