El Chapo spera nell’appello

| Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”

+ Miei preferiti
È quasi passato un anno dalla sentenza che condannava all’ergastolo Joaquin “El Chapo” Guzman, l’ex signore del cartello di Sinaloa, uno dei narcotrafficanti più ricchi, spietati e potenti del mondo.

La giuria l’ha ritenuto colpevole di 10 capi d’accusa per associazione a delinquere, traffico di droga, riciclaggio di denaro, cospirazione e omicidio. Da allora, El Chapo passa giorni e notti in assoluta solitudine, rinchiuso in una piccola cella di cemento del temibile “Supermax”, il sinistro penitenziario del Colorado da cui fuggire è impossibile anche per uno come lui, che di più volte ha beffato la giustizia.

Ma secondo Mariel Colon, il suo avvocato, El Chapo potrebbe uscire presto di prigione: “Il signor Guzman è molto concentrato sul suo appello, a cui stiamo lavorando con grande attenzione da mesi”. Il team legale ha annunciato l’intenzione di presentare un appello per tentare di annullare la condanna di Guzman prima della scadenza del 21 agosto.

A gelare le speranze dei legali ci ha pensato l’agente speciale della DEA Ray Donovan, che ha bollato come “molto scarse” le possibilità che El Chapo esca di prigione. “L’unica cosa che dovete capire è che c’è una montagna di prove contro El Chapo e altrettante contro il cartello di Sinaloa, che, a mio onesto parere, non credo gli lascino molte speranze”.

Per oltre 25 anni Guzman, soprannominato “El Chapo” o “Shorty” per la sua statura, è stato il più temuto e ricercato capo del potente e violento cartello di Sinaloa. I procuratori lo hanno definito un “leader spietato e assetato di sangue”, e diversi testimoni durante il processo hanno raccontato che Guzman ha ordinato e talvolta preso parte a torture e omicidi di nemici del cartello.

Ma El Chapo alla giustizia non si è mai arreso, e per due volte è riuscito a evadere dalle prigioni messicane: nel 2001 dal penitenziario Puente Grande, a Jalisco, nascondendosi in un carrello della biancheria. Riacciuffato nel 2014 e rinchiuso nella prigione di Altiplano, l’11 luglio 2015 è nuovamente fuggito attraverso un tunnel lungo quasi 2 km completo di elettricità e impianto di ventilazione. Nel 2017, viene arrestato dopo un sanguinoso scontro a fuoco con i marines messicani e nel gennaio 2017 estradato negli Stati Uniti.

Durante il processo, Guzman ha rivelato le condizioni in cui era costretto nel Metropolitan Correction Center, una prigione federale di Manhattan dov’era rinchiuso prima di essere trasferito in Colorado: “È stata una tortura fisica e mentale, la cosa più disumana che abbia mai vissuto in tutta la mia vita”. L’eco delle dichiarazioni di El Chapo hanno spianato la strada al team legale per la richiesta di un trattamento più umano. “Viene tenuto in isolamento 23 ore al giorno e da quando è arrivato negli Stati Uniti ha trascorso più di due anni senza alcun accesso all’aria fresca o alla luce naturale. È costretto a dormire con la luce accesa nella sua cella e le condizioni psicologiche sono assai preoccupanti”.

Ora, gli avvocati di Guzman hanno sollevato preoccupazioni simili riguardo alla detenzione in Colorado, dove le condizioni sarebbero perfino peggiori, in aggiunta alla pandemia. “Da quando è esploso il coronavirus è ancora più solo: tutte le visite sono state cancellate e gli sono concesse tre ore a settimana di esercizio fisico all’aperto”.

Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia