El Mencho scioglie i nemici nell'acido

| L'erede del Chapo Guzman è ul gelido managere e uno spietato assassino. Il nuovo capo del cartello di Sinaloa è docile con il potere e un macellaio con i nemici. L'uomo più ricco del Messico. Taglia Usa sulla sua testa

+ Miei preferiti

E’ il 18 agosto 2016. Ivan, 35 anni, e Jesus Alfredo Guzman, 29 anni, hanno organizzato una festa di compleanno senza badare a spese. Per Ivan che compie 36 anni hanno prenotato per 15 persone al ristorante di lusso La Leche di Puerto Vallarta. Sono figli dell’ancora temibile El Chapo Guzman, blindato in un carcere Usa da qualche anno, l’ex numero 1 dei cartelli messicani della droga. Sei uomini e nove giovani donne, ingioiellate quanto basta, borse e scarpe firmate e auto di lusso nel parcheggio.Champagne e musica latina, i guardaspalle discretamente nell’ombra. Ma un commando di sei uomini armati di fucili automatici irrompe nel locale e in meno di due minuti rapiscono i figli de El Chapo senza sparare un colpo. Con loro anche gli altri uomini del gruppo. Imbarcati sui Suv dai vetri neri e spariti a loro volta nella notte. un segnale spietato e crudele dell’erede di Guzman: Rubén Oseguera Cervantes, detto El Mencho. E’ un ex dirigente della polizia di stato Jalisco, ha trascorso tre anni in una prigione degli Stati Uniti per aver venduto eroina, comanda il cartello più efferato, dove i nemici vengono fatti sparire in vasche d’acido, ed è l’uomo più ricco del Messico grazie al Jalisco New Generation Cartel, o CJNG. El Mencho è stato accusato da una corte federale a Washington di traffico di droga, corruzione e omicidio, e una taglia di $ 5 milioni ora pende sopra la sua testa, più una seconda decisa dal governo messicano di 2 milioni di dollari per chiunque lo faccia catturare vivo o morto. E per lui si è pronta una condanna all’ergastolo. E’ in cima alla black list americana.

La CJNG nasce nel 2013 dalla fusione di cartelli minori dell’area di Sinaloa. “El Mencho” ha spazzato via i concorrenti uccidendolo loro e i loro uomini senza pietà, senza risparmiare le donne dei clan, ma ha già ottenuto risultati, quindi ha dovuto aspettare una generazione a Sinaloa. Controlla le vie della droga in decine di paesi, dalla Bolivia alla Colombia, con un brain trust nei grattacieli di Panama, opera in  sei continenti e controlla metà del territorio del paese, comprese le coste e i confini. Il procuratore generale della Repubblica, Raúl Cervantes, lo ha descritto come il cartello più diffuso nel paese. La CNGJ è specializzata nella metamfetamina, con margini di profitto più elevati rispetto alla cocaina o all’eroina, detta anche crystal o meth. El Mencio la invia a tonnellate in Europa e Asia, assai meno negli Stati Uniti e ora ha un patrimonio stimato in 20 miliardi di dollari. I  cartelli Zeta, i suoi ex rivali, specialisti in mutilazioni e decapitazioni, sono stati decimati da conflitti interni e soprattutto dalla cattura dei loro leader.

El Mencho, nei suoi territori vuole la pace. Che tutto appaia normale, non intralcia le attività economiche legali, ha ridotto il numero degli assassini, diciamo così fuori dal contesto dei narcos, mentre sono triplicati i delitti all’interno del cartello. Non tollera né dissensi, né idee autonomiste. Il suo potere è un monolite che non ammette alcune forma di devianza. Dall'arresto del Chapo nel gennaio 2016, il tasso di omicidi è aumentato di oltre il 20%, con 20.000 omicidi solo l'anno scorso. Più che in Iraq o in Afghanistan. Il processo di assestamento firmato CNGJ ha prodotto un fiume di sangue. A Veracruz, a Colima, dove la GNCJ sotto il controllo dei cartelli di Sinaloa, fosse comuni e i lugubri capannoni dove il boss smaltisce le salme dei morti eccellenti in vasche colme d’acido.

Mondo
Tutte le polveriere del mondo
Tutte le polveriere del mondo
Le proteste dilagano ovunque, costringendo i governi a fare marcia indietro su decisioni prese sulla pelle di gente che non ne può più. Letteralmente
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno