Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati

| Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni

+ Miei preferiti
Ben 13 vittime del vulcano Whakaari rimangono ricoverate negli ospedali neozelandesi, ad un mese di distanza dall’eruzione sulla White Island, in Nuova Zelanda. Il bilancio definitivo è fermo a 17 morti, ma mancano all’appello ancore due persone, i cui corpi si sospetta siano stati portati via dall’oceano. L’ispettore della polizia locale Warwick Morehu ha dichiarato che le operazioni di ricerca delle due persone scomparse è stata sospesa il 24 dicembre, ma il personale è “disponibile e pronto a intervenire” nel caso emergano nuove indicazioni o indici.

“Le autorità non sono più tornate sull’isola da quando la missione di recupero è stata completata”, ha detto Morehu, aggiungendo che gli agenti sono rimasti in stretto contatto con le famiglie delle vittime e i residenti.

Quattro ospedali neozelandesi continuano a curare 13 vittime del disastro: otto a Middlemore, due a Waikato, due all’ospedale di Hutt Valley e uno a Christchurch. Quattro sono ancora in condizioni critiche, altri tre nei reparti di terapia intensiva. L’epidermide acquistata negli Stati Uniti e in Australia è stata usata come innesto cutaneo temporaneo, una sorta di “medicazione” temporanea che è stata gradualmente sostituita dalla pelle delle vittime stesse, ma è un processo lento, in quanto la pelle deve avere il tempo di crescere e le operazioni sono delicate e complesse.

L’ufficiale medico capo dell’ospedale di Middlemore, il dottor Peter Watson, l’eruzione è stato un evento “straordinariamente impegnativo” e il personale inizia in questi giorni a fare i conti con quello che è successo: “Non avevamo mai avuto casi di ustioni di simile gravità e di questa portata. Credo sia stato un enorme sforzo da parte dell’intero Paese e del nostro sistema sanitario. Per noi è confortante che molti pazienti si stiano avvicinando al momento in cui potranno lasciare l’ospedale per tornare a casa. Il problema è che buona parte dei feriti arrivano da molto lontano e hanno bisogno di un supporto medico. Vogliamo assicurarci che stiano bene al punto da poter viaggiare su voli commerciali, ma ci sono molti nuclei familiari e coppie, quindi si tratta di tenere insieme anche le famiglie, perché è un sostegno importante in termini di recupero”. La squadra medica di Watson sarà impegnata con le vittime di White Island almeno per i prossimi due mesi, con i trasferimenti che dovrebbero cominciare alla fine di gennaio. 

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni