Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati

| Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni

+ Miei preferiti
Ben 13 vittime del vulcano Whakaari rimangono ricoverate negli ospedali neozelandesi, ad un mese di distanza dall’eruzione sulla White Island, in Nuova Zelanda. Il bilancio definitivo è fermo a 17 morti, ma mancano all’appello ancore due persone, i cui corpi si sospetta siano stati portati via dall’oceano. L’ispettore della polizia locale Warwick Morehu ha dichiarato che le operazioni di ricerca delle due persone scomparse è stata sospesa il 24 dicembre, ma il personale è “disponibile e pronto a intervenire” nel caso emergano nuove indicazioni o indici.

“Le autorità non sono più tornate sull’isola da quando la missione di recupero è stata completata”, ha detto Morehu, aggiungendo che gli agenti sono rimasti in stretto contatto con le famiglie delle vittime e i residenti.

Quattro ospedali neozelandesi continuano a curare 13 vittime del disastro: otto a Middlemore, due a Waikato, due all’ospedale di Hutt Valley e uno a Christchurch. Quattro sono ancora in condizioni critiche, altri tre nei reparti di terapia intensiva. L’epidermide acquistata negli Stati Uniti e in Australia è stata usata come innesto cutaneo temporaneo, una sorta di “medicazione” temporanea che è stata gradualmente sostituita dalla pelle delle vittime stesse, ma è un processo lento, in quanto la pelle deve avere il tempo di crescere e le operazioni sono delicate e complesse.

L’ufficiale medico capo dell’ospedale di Middlemore, il dottor Peter Watson, l’eruzione è stato un evento “straordinariamente impegnativo” e il personale inizia in questi giorni a fare i conti con quello che è successo: “Non avevamo mai avuto casi di ustioni di simile gravità e di questa portata. Credo sia stato un enorme sforzo da parte dell’intero Paese e del nostro sistema sanitario. Per noi è confortante che molti pazienti si stiano avvicinando al momento in cui potranno lasciare l’ospedale per tornare a casa. Il problema è che buona parte dei feriti arrivano da molto lontano e hanno bisogno di un supporto medico. Vogliamo assicurarci che stiano bene al punto da poter viaggiare su voli commerciali, ma ci sono molti nuclei familiari e coppie, quindi si tratta di tenere insieme anche le famiglie, perché è un sostegno importante in termini di recupero”. La squadra medica di Watson sarà impegnata con le vittime di White Island almeno per i prossimi due mesi, con i trasferimenti che dovrebbero cominciare alla fine di gennaio. 

Mondo
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India