ETIOPIA E INDONESIA
SCIAGURE GEMELLE
La lotta dei piloti con i pc di bordo

| Sorprendenti analogie tra i due incidenti costati la vita a centinaia di persone. Precipitati dopo il decollo, i sistemi spingono gli aerei verso il basso. Il pilota del volo JT610 tentò per 26 volte di raddrizzare il Boeing

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Il pilota del Boeing 737 Max 8 indonesiano della Lion Air lottò strenuamente con il pc di bordo che si ostinava a inclinare il muso dell’aereo di 45 gradi, pochi minuti dopo il decollo. Poi la macchina ebbe la meglio e 188 persone morirono. Gli esperti ora sono convinti che sia stato un problema di analisi della velocità: i sistemi di controllo entrano in azione quando ritengono ci sia un imminente pericolo di stallo in fase ascensionale, in base ai dati inviati dai sensori esterni, e così obbliga l’aereo a puntare verso il basso per risolvere la situazione di emergenza. Ma quell’emergenza non c’era. Il pilota, per ben 26 volte, cercò invano di correggere l’errore, in una strenua lotta con il pc e alla fine non ci riuscì, nonostante avesse tentato di inserire più volte il sistema manuale. L’aereo si infilò in mare uccidento  morti, equipaggio e passeggeri. Il 14 gennaio furono recuperate dai fondali le scatole nere e il responso fu chiaro: un errore dei sistemi automatici di controllo del volo. I dati del jetliner che si è schiantato nel Mare di Giava dimostrano infatti che i piloti avevano ingaggiato con il cockpit una lotta disperata per salvare l'aereo quasi dal momento in cui era decollato, dato che il muso del Boeing 737 era stato ripetutamente spinto verso il basso dal sistema automatico che riceveva letture errate dei sensori. Le informazioni del registratore di dati di volo, contenute in un rapporto degli investigatori indonesiani, documentano quel fatale tiro alla fune tra uomo e computer, convinto di rimediare a una manovra sbagliata, con l'aereo costretto pericolosamente verso il basso per 26 volte durante gli 11 minuti di volo. I piloti erano riusciti a correggere la traiettoria già diverse volte, sino a perdere il controllo, mentre l'aereo, Lion Air Flight 610, precipitava nell'oceano a 450 miglia all'ora. Sembra l’esatto tragico copione della sciagura del volo etiope.

BOEING CHIUSI NEGLI HANGAR

Etiopia e Cina hanno intanto fermato i Boeing 737 Max4 e 8 poiché due incidenti con centinaia di morti in pochi mesi è un dato che non può essere ignorato, ma non l’Italia che - tra l’altro - sta per mettere in linea 20 aerei dello stesso tipo, appena acquistati, nelle flotte delle compagnie aeree. Lo schianto del velivolo dell’Ethiopian Airlines, con 157 morti di 33 nazionalità (otto italiani) ricorda troppo da vicino la tragedia di Giakarta. Anche in quel caso aereo nuovo, ultrasofisticato, con un'avanzatissima “guida automatica”, equipaggio collaudato ed affidabile, condizioni meteo perfette. Lo schianto di ieri è avvenuto 6 minuti dopo il decollo, quello indonesiano 13. I piloti del volo JT610, prima del decollo, avevano segnalato ai tecnici un problema nel cockpit, ma dopo un sopralluogo dei tecnici era stata data l'autorizzazione al volo. Pochi minuti dopo il pilota aveva chiesto alla torre di controllo di rientrare (esattamente come il suo collega etiope), poiché l'aereo non rispondeva più ai comandi. Tra le vittime Andrea Manfredi: 26 anni, abitava a Massa con la famiglia e stava realizzando il sogno di diventare un manager nella produzione di biciclette hi-tech, era l'unico straniero a bordo. Il Boeing 737 MAX8 era era partito da Jakarta, la capitale, diretto alla città di Pangkal Pinang, al largo dell'isola di Sumatra.

Galleria fotografica
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 1
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 2
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 3
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 4
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 5
Mondo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo