ETIOPIA E INDONESIA
SCIAGURE GEMELLE
La lotta dei piloti con i pc di bordo

| Sorprendenti analogie tra i due incidenti costati la vita a centinaia di persone. Precipitati dopo il decollo, i sistemi spingono gli aerei verso il basso. Il pilota del volo JT610 tentò per 26 volte di raddrizzare il Boeing

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Il pilota del Boeing 737 Max 8 indonesiano della Lion Air lottò strenuamente con il pc di bordo che si ostinava a inclinare il muso dell’aereo di 45 gradi, pochi minuti dopo il decollo. Poi la macchina ebbe la meglio e 188 persone morirono. Gli esperti ora sono convinti che sia stato un problema di analisi della velocità: i sistemi di controllo entrano in azione quando ritengono ci sia un imminente pericolo di stallo in fase ascensionale, in base ai dati inviati dai sensori esterni, e così obbliga l’aereo a puntare verso il basso per risolvere la situazione di emergenza. Ma quell’emergenza non c’era. Il pilota, per ben 26 volte, cercò invano di correggere l’errore, in una strenua lotta con il pc e alla fine non ci riuscì, nonostante avesse tentato di inserire più volte il sistema manuale. L’aereo si infilò in mare uccidento  morti, equipaggio e passeggeri. Il 14 gennaio furono recuperate dai fondali le scatole nere e il responso fu chiaro: un errore dei sistemi automatici di controllo del volo. I dati del jetliner che si è schiantato nel Mare di Giava dimostrano infatti che i piloti avevano ingaggiato con il cockpit una lotta disperata per salvare l'aereo quasi dal momento in cui era decollato, dato che il muso del Boeing 737 era stato ripetutamente spinto verso il basso dal sistema automatico che riceveva letture errate dei sensori. Le informazioni del registratore di dati di volo, contenute in un rapporto degli investigatori indonesiani, documentano quel fatale tiro alla fune tra uomo e computer, convinto di rimediare a una manovra sbagliata, con l'aereo costretto pericolosamente verso il basso per 26 volte durante gli 11 minuti di volo. I piloti erano riusciti a correggere la traiettoria già diverse volte, sino a perdere il controllo, mentre l'aereo, Lion Air Flight 610, precipitava nell'oceano a 450 miglia all'ora. Sembra l’esatto tragico copione della sciagura del volo etiope.

BOEING CHIUSI NEGLI HANGAR

Etiopia e Cina hanno intanto fermato i Boeing 737 Max4 e 8 poiché due incidenti con centinaia di morti in pochi mesi è un dato che non può essere ignorato, ma non l’Italia che - tra l’altro - sta per mettere in linea 20 aerei dello stesso tipo, appena acquistati, nelle flotte delle compagnie aeree. Lo schianto del velivolo dell’Ethiopian Airlines, con 157 morti di 33 nazionalità (otto italiani) ricorda troppo da vicino la tragedia di Giakarta. Anche in quel caso aereo nuovo, ultrasofisticato, con un'avanzatissima “guida automatica”, equipaggio collaudato ed affidabile, condizioni meteo perfette. Lo schianto di ieri è avvenuto 6 minuti dopo il decollo, quello indonesiano 13. I piloti del volo JT610, prima del decollo, avevano segnalato ai tecnici un problema nel cockpit, ma dopo un sopralluogo dei tecnici era stata data l'autorizzazione al volo. Pochi minuti dopo il pilota aveva chiesto alla torre di controllo di rientrare (esattamente come il suo collega etiope), poiché l'aereo non rispondeva più ai comandi. Tra le vittime Andrea Manfredi: 26 anni, abitava a Massa con la famiglia e stava realizzando il sogno di diventare un manager nella produzione di biciclette hi-tech, era l'unico straniero a bordo. Il Boeing 737 MAX8 era era partito da Jakarta, la capitale, diretto alla città di Pangkal Pinang, al largo dell'isola di Sumatra.

Galleria fotografica
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 1
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 2
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 3
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 4
ETIOPIA E INDONESIA<br>SCIAGURE GEMELLE<br>La lotta dei piloti con i pc di bordo - immagine 5
Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale