Europei piangono, russi annientano l'Isis

| In Italia le salme dei nostri connazionali uccisi a Barcellona. Ad Aleppo i jet di Putin distruggono quel che resta delle milizie di Daesh

+ Miei preferiti
Le salme delle vittime italiane della cellula Isis di Barcellona sono rientrate in Italia, accolte dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dalle più alte cariche dello Stato. Così le vittime degli altri Paesi coinvolti, Spagna, Germania, Belgio, Australia, Usa e Germania. A Barcellona la polizia ritiene le indagini sui terroristi di Ripoll, cittadina di 11 mila abitanti ai piedi dei Pirenei, con una comunità islamica formata da 650 persone, "a buon punto". I giudici intanto hanno scarcerato per mancanza di indizi il fratello di uno dei "martiri" uccisi a Cambrils dai "Mossos d'Esquadra" per mancanza di indizi e sta valutando la posizione del titolare del Phone Center dove si riunivano capi e gregari in vista dell'attentato. Che doveva essere ben diverso da quello che è poi accaduto: un attacco con auto-bombe a uno dei simboli della Cristianità, La Sagrada Familia. Qui l'Imam guida e coordinatore dei terroristi ragazzini voleva farsi saltare provocando centinaia di morti. Nel manipolare gli esplosivi nella base-arsenale di Alacanar, l'Imam è rimasto polverizzato nello scoppio accidentale e i superstiti hanno puntato al piano B. il raid sulla Ramblsa e un secondo nella località balneare di Cambrils. Otto sono stati uccisi dalla polizia, quattro gli arrestati di cui uno s'è già pentito e collabora con gli investigatori. 

Russia: uccisi ad Aleppo 250 miliziani Isis

Ma, mentre in Europa scorrono le immagini di un dolore condiviso per le vittime della follia islamica a cui non ci abitueremo mai, tra curiose prese di posizioni di alcuni soggetti politici italiani e francesi che quasi quasi hanno deprecato la durezza della relazione spagnola, l'esercito russo ha dato una risposta concreta ai sostenitori, occulti e palesi dell'Isis, in Europa e negli Stati Arabi che finanziano, da sempre, le formazioni terroristiche ed assassine. Le forze aeree russe hanno infatti annientato un convoglio dell'Isis diretto a una delle ultime roccaforti del Califfato, in fuga ormai ovunque, Deir-ez-Zor. Sono stati uccisi oltre 250 miliziani. In 5 giorni, mentre la cellula di Ripoll si preparava a colpire Barcellona, le operazioni russe, comunica la Tass, sono state 845 nel corso di 346 missioni che hanno impresso una svolta rovinosa alla fuga delle colonne Isis in cerca di rifugio. La martoriata provincia di Aleppo, ha annunciato senza toni trionfali il generale Serghei Rudskoi, capo dipartimento generale dello Stato maggiore russo, "sono stati liberati completamente dai miliziani un totale di 50 centri abitati e un'area di oltre 2700 chilometri quadrati".

La base di Deir ez-Zor distrutta dai Jet

I jet di Mosca, spiega il ministero della Difesa, hanno distrutto 27 pick up e alcuni blindati che trasportavano "armi di grosso calibro" e lanciagranate, compresi numerosi carri-armati. Aleppo fu occupata dai sicari di Al Baghdadi nel dicembre 2016 e la prima cosa che fecero fu una strage di centinaia di civili. Militari e funzionari siriani furono decapitati secondo l'orribile rito che hanno imposto in tutte le zone poste sotto il loro controllo. Prosegue lo scarno comunicato dello Stato Maggiore russo, passato quasi sotto silenzio da parte dei media occidentali: "L'aviazione russa ha distrutto l'ennesimo grande convoglio dei miliziani dell'Isis, che si stava dirigendo verso Deir ez-Zor, dove i terroristi internazionali stanno cercando di riorganizzarsi e di dar vita alla loro ultima roccaforte siriana". Poi: "La distruzione dello Stato Islamico in questa area diventerà la sconfitta strategica del gruppo terroristico internazionale in Siria", secondo gli strateghi militari di Mosca. Da Deir ez-Zor gli uomini in nero, con un'azione congiunta russo-siriana, saranno chiusi in una morsa. E da lì non potranno fuggire, come i loro emuli a Barcellona che, dopo avere investito e ucciso uomini, donne e bambini inermi, hanno cercato (invano) di nascondersi.
*L'Ateniese è lo pseudonimo di un importante analista di terrorismo internazionale  


Mondo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden