Europei piangono, russi annientano l'Isis

| In Italia le salme dei nostri connazionali uccisi a Barcellona. Ad Aleppo i jet di Putin distruggono quel che resta delle milizie di Daesh

+ Miei preferiti
Le salme delle vittime italiane della cellula Isis di Barcellona sono rientrate in Italia, accolte dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dalle più alte cariche dello Stato. Così le vittime degli altri Paesi coinvolti, Spagna, Germania, Belgio, Australia, Usa e Germania. A Barcellona la polizia ritiene le indagini sui terroristi di Ripoll, cittadina di 11 mila abitanti ai piedi dei Pirenei, con una comunità islamica formata da 650 persone, "a buon punto". I giudici intanto hanno scarcerato per mancanza di indizi il fratello di uno dei "martiri" uccisi a Cambrils dai "Mossos d'Esquadra" per mancanza di indizi e sta valutando la posizione del titolare del Phone Center dove si riunivano capi e gregari in vista dell'attentato. Che doveva essere ben diverso da quello che è poi accaduto: un attacco con auto-bombe a uno dei simboli della Cristianità, La Sagrada Familia. Qui l'Imam guida e coordinatore dei terroristi ragazzini voleva farsi saltare provocando centinaia di morti. Nel manipolare gli esplosivi nella base-arsenale di Alacanar, l'Imam è rimasto polverizzato nello scoppio accidentale e i superstiti hanno puntato al piano B. il raid sulla Ramblsa e un secondo nella località balneare di Cambrils. Otto sono stati uccisi dalla polizia, quattro gli arrestati di cui uno s'è già pentito e collabora con gli investigatori. 

Russia: uccisi ad Aleppo 250 miliziani Isis

Ma, mentre in Europa scorrono le immagini di un dolore condiviso per le vittime della follia islamica a cui non ci abitueremo mai, tra curiose prese di posizioni di alcuni soggetti politici italiani e francesi che quasi quasi hanno deprecato la durezza della relazione spagnola, l'esercito russo ha dato una risposta concreta ai sostenitori, occulti e palesi dell'Isis, in Europa e negli Stati Arabi che finanziano, da sempre, le formazioni terroristiche ed assassine. Le forze aeree russe hanno infatti annientato un convoglio dell'Isis diretto a una delle ultime roccaforti del Califfato, in fuga ormai ovunque, Deir-ez-Zor. Sono stati uccisi oltre 250 miliziani. In 5 giorni, mentre la cellula di Ripoll si preparava a colpire Barcellona, le operazioni russe, comunica la Tass, sono state 845 nel corso di 346 missioni che hanno impresso una svolta rovinosa alla fuga delle colonne Isis in cerca di rifugio. La martoriata provincia di Aleppo, ha annunciato senza toni trionfali il generale Serghei Rudskoi, capo dipartimento generale dello Stato maggiore russo, "sono stati liberati completamente dai miliziani un totale di 50 centri abitati e un'area di oltre 2700 chilometri quadrati".

La base di Deir ez-Zor distrutta dai Jet

I jet di Mosca, spiega il ministero della Difesa, hanno distrutto 27 pick up e alcuni blindati che trasportavano "armi di grosso calibro" e lanciagranate, compresi numerosi carri-armati. Aleppo fu occupata dai sicari di Al Baghdadi nel dicembre 2016 e la prima cosa che fecero fu una strage di centinaia di civili. Militari e funzionari siriani furono decapitati secondo l'orribile rito che hanno imposto in tutte le zone poste sotto il loro controllo. Prosegue lo scarno comunicato dello Stato Maggiore russo, passato quasi sotto silenzio da parte dei media occidentali: "L'aviazione russa ha distrutto l'ennesimo grande convoglio dei miliziani dell'Isis, che si stava dirigendo verso Deir ez-Zor, dove i terroristi internazionali stanno cercando di riorganizzarsi e di dar vita alla loro ultima roccaforte siriana". Poi: "La distruzione dello Stato Islamico in questa area diventerà la sconfitta strategica del gruppo terroristico internazionale in Siria", secondo gli strateghi militari di Mosca. Da Deir ez-Zor gli uomini in nero, con un'azione congiunta russo-siriana, saranno chiusi in una morsa. E da lì non potranno fuggire, come i loro emuli a Barcellona che, dopo avere investito e ucciso uomini, donne e bambini inermi, hanno cercato (invano) di nascondersi.
*L'Ateniese è lo pseudonimo di un importante analista di terrorismo internazionale  


Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino