Fabio, il robot disoccupato

| Licenziato da un supermercato scozzese “perché non rispondeva alle aspettative”. È successo ad un robot, superato in efficienza dai colleghi in carne ed ossa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Umani 1 - androidi 0: per una volta, è bello pensare che un vero cervello sia meglio di una serie di algoritmi. In un mondo che si robotizza sempre più, dove le macchine si sostituiscono all’uomo e l’uomo resta senza lavoro, può capitare anche l’inverso. Che a restare senza lavoro sia il robot.

Questa storia - raccontata dal “The Telegraph” - inizia al “Margiotta”, un grosso supermercato di Edimburgo, la capitale della Scozia, dove qualche tempo fa è entrato in servizio “Fabio”, simpatico robot battezzato con un nome italiano per chissà quale motivo, programmato nei laboratori della “Heriot-Watt University”.

Il compito di Fabio, restare tutto il giorno all’ingresso e rispondere alle domande della clientela: nulla che richiedesse una gran cultura, bastava indicare la corsia delle mozzarelle o quella della verdura. Ma non c’era verso: i clienti vagavano senza sosta seguendo indicazioni confuse o sbagliate. Risultato: Fabio non lo considerava più nessuno.

Con un paio di cacciaviti e qualche programma aggiornato, a Fabio viene data una seconda possibilità: invitare i clienti ad assaggiare alcuni prodotti, questa volta affiancato da colleghi in carne ed ossa.

Beh, ancora una volta non è andata così. Cronometri alla mano, in quindici minuti, Fabio riusciva ad attirare l’attenzione di appena due clienti, contro i 12 dei suoi colleghi umani.

Risultato: la direzione del supermercato ha richiamato i programmatori dell’Università di Edimburgo pregandoli di riprendersi il robottino: “Le prestazioni non era quelle che ci aspettavamo”.

E siccome, se vuole il cielo, gli umani hanno sentimenti, sono tanti i colleghi di Fabio ad aver versato una lacrima, vendendolo andar via su un furgone.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino