Fabio, il robot disoccupato

| Licenziato da un supermercato scozzese “perché non rispondeva alle aspettative”. È successo ad un robot, superato in efficienza dai colleghi in carne ed ossa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Umani 1 - androidi 0: per una volta, è bello pensare che un vero cervello sia meglio di una serie di algoritmi. In un mondo che si robotizza sempre più, dove le macchine si sostituiscono all’uomo e l’uomo resta senza lavoro, può capitare anche l’inverso. Che a restare senza lavoro sia il robot.

Questa storia - raccontata dal “The Telegraph” - inizia al “Margiotta”, un grosso supermercato di Edimburgo, la capitale della Scozia, dove qualche tempo fa è entrato in servizio “Fabio”, simpatico robot battezzato con un nome italiano per chissà quale motivo, programmato nei laboratori della “Heriot-Watt University”.

Il compito di Fabio, restare tutto il giorno all’ingresso e rispondere alle domande della clientela: nulla che richiedesse una gran cultura, bastava indicare la corsia delle mozzarelle o quella della verdura. Ma non c’era verso: i clienti vagavano senza sosta seguendo indicazioni confuse o sbagliate. Risultato: Fabio non lo considerava più nessuno.

Con un paio di cacciaviti e qualche programma aggiornato, a Fabio viene data una seconda possibilità: invitare i clienti ad assaggiare alcuni prodotti, questa volta affiancato da colleghi in carne ed ossa.

Beh, ancora una volta non è andata così. Cronometri alla mano, in quindici minuti, Fabio riusciva ad attirare l’attenzione di appena due clienti, contro i 12 dei suoi colleghi umani.

Risultato: la direzione del supermercato ha richiamato i programmatori dell’Università di Edimburgo pregandoli di riprendersi il robottino: “Le prestazioni non era quelle che ci aspettavamo”.

E siccome, se vuole il cielo, gli umani hanno sentimenti, sono tanti i colleghi di Fabio ad aver versato una lacrima, vendendolo andar via su un furgone.

Mondo
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles
Serial killer indiano uccide 10 persone offrendo cibo sacro
Serial killer indiano uccide 10 persone offrendo cibo sacro
Offriva alle sue vittime un piatto tipico della religione indù preparato con forti dosi di cianuro, poi correva a svuotare i loro appartamenti. Aveva problemi economici per un fallimento, e non voleva rinunciare al suo stile di vita
Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota
Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota
Ha fatto entrare in cabina e lasciato il posto ad una giovane che poco dopo ha postato l’immagine sui social. In breve l’immagine è diventata virale, e la compagnia aerea ha preso provvedimenti