Famiglia indiana muore per un selfie

| Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie

+ Miei preferiti
La polizia locale nello stato del Tamil Nadu non ha dubbi: Nivedha, 20 anni, è morta insieme a Sneha, di 22 anni, Kanniga, 20, e Santosh, 14: volevano farsi un selfie sulla diga del fiume Pambar, un punto assai pericoloso, segnalato da diversi cartelli.

Il primo a cadere in acqua è stato Santosh, il più piccolo, gli altri subito dopo, nel tentativo di tirarlo fuori. L’unico sopravvissuto è Perumalsamy, 25 anni, fresco marito di Nivedha, che è riuscito anche a salvare la sorella quindicenne. I soccorsi per la famiglia scivolata nelle acque della diga del Pambar sono stati immediati, ma per loro non c’è stato nulla da fare: l’innalzamento improvviso del livello dell’acqua non gli ha lasciato scampo.

Altri quattro morti che si aggiungono a 250 persone in tutto il mondo che hanno perso la vita dal 2011 alla ricerca del selfie impossibile: secondo uno studio del 2018, è proprio l’India il paese con più alto numero di decessi, con 159 casi, seguita da Russia, Stati Uniti e Pakistan. La maggior parte delle vittime - circa il 72% - erano uomini sotto i 30 anni.

Mondo
Corea del Nord:
“In arrivo un regalo di Natale”
Corea del Nord:<br>“In arrivo un regalo di Natale”
Un messaggio inviato agli Stati Uniti sta mettendo in allarme le difese e le intelligence di mezzo mondo. Si teme il lancio di un satellite, con la stessa tecnologia delle testate nucleari a lunga gittata: un avvertimento chiaro
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis