Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»

| L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”

+ Miei preferiti
Considerato uno dei leader mondiali più sboccati e maleducati in circolazione, il presidente filippino Rodrigo Duerte ha deciso d usare la mano pesante contro i suoi concittadini che imperterriti continuano a violare l’ordine di isolamento per contenere la pandemia, con la goccia che ha fatto traboccare il vaso rappresentata dall’arresto di 21 persone su una strada di Quezon City, dove si erano riuniti per chiedere aiuti governativi. Nel Paese si registrano attualmente 2.311 casi di persone positive al contagio da coronavirus e 96 morti, ma il timore è un aumento esponenziale nei prossimi giorni.

Qualche ora fa, riportano le agenzie di stampa, “The Punisher”, il castigatore, come lo chiamano, ha tenuto un discorso televisivo al Paese destinato a passare alla storia per l’eccessiva durezza di toni e contenuti fortemente minacciosi: “I miei ordini sono diretti a polizia e militari, compresi i funzionari dei villaggi: se ci fossero o sorgessero problemi nelle aree chiuse a causa della pandemia, sono autorizzati ad aprire il fuoco per uccidere. Se vuoi causare problemi, ti mando nella tomba. Aggiungo che anche se in ritardo, l’assistenza del governo arriverà: nessuno morirà di fame”. La replica di Archie Gamboa, il capo della polizia, è stata altrettanto secca: “Gli agenti e i militari non hanno alcuna intenzione di aprire il fuoco contro civili inermi”.

Ma resta il precedente di frasi ad effetto che non stupiscono più i filippini, ormai abituati alle “sparate” del loro presidente, in carica dal 30 giugno 2016 dopo essersi conquistato la fama di duro senza riserve per aver ripulito Davao anche con metodi poco ortodossi come numerosi casi di esecuzioni sommarie segnalati dall’associazioni umanitarie. Dettagli che a Duterte non importano: resta celebre il “fuck you” dedicato all’Unione Europea, e gli insulti a Barack Obama, all’ex segretario dell’Onu Ban Ki-Moon e perfino a Papa Francesco, che con la sua visita a Manila aveva provocato un blocco del traffico cittadino capace di irritare il presidente. Appena salito al potere, Duterte aveva assicurato di voler applicare la stessa “cura” drastica di pulizia all’intero Paese, consigliando ai filippini di far nascere agenzie di pompe funebri perché la clientela e il giro d’affari sarebbero aumentati notevolmente.

Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata