Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»

| L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”

+ Miei preferiti
Considerato uno dei leader mondiali più sboccati e maleducati in circolazione, il presidente filippino Rodrigo Duerte ha deciso d usare la mano pesante contro i suoi concittadini che imperterriti continuano a violare l’ordine di isolamento per contenere la pandemia, con la goccia che ha fatto traboccare il vaso rappresentata dall’arresto di 21 persone su una strada di Quezon City, dove si erano riuniti per chiedere aiuti governativi. Nel Paese si registrano attualmente 2.311 casi di persone positive al contagio da coronavirus e 96 morti, ma il timore è un aumento esponenziale nei prossimi giorni.

Qualche ora fa, riportano le agenzie di stampa, “The Punisher”, il castigatore, come lo chiamano, ha tenuto un discorso televisivo al Paese destinato a passare alla storia per l’eccessiva durezza di toni e contenuti fortemente minacciosi: “I miei ordini sono diretti a polizia e militari, compresi i funzionari dei villaggi: se ci fossero o sorgessero problemi nelle aree chiuse a causa della pandemia, sono autorizzati ad aprire il fuoco per uccidere. Se vuoi causare problemi, ti mando nella tomba. Aggiungo che anche se in ritardo, l’assistenza del governo arriverà: nessuno morirà di fame”. La replica di Archie Gamboa, il capo della polizia, è stata altrettanto secca: “Gli agenti e i militari non hanno alcuna intenzione di aprire il fuoco contro civili inermi”.

Ma resta il precedente di frasi ad effetto che non stupiscono più i filippini, ormai abituati alle “sparate” del loro presidente, in carica dal 30 giugno 2016 dopo essersi conquistato la fama di duro senza riserve per aver ripulito Davao anche con metodi poco ortodossi come numerosi casi di esecuzioni sommarie segnalati dall’associazioni umanitarie. Dettagli che a Duterte non importano: resta celebre il “fuck you” dedicato all’Unione Europea, e gli insulti a Barack Obama, all’ex segretario dell’Onu Ban Ki-Moon e perfino a Papa Francesco, che con la sua visita a Manila aveva provocato un blocco del traffico cittadino capace di irritare il presidente. Appena salito al potere, Duterte aveva assicurato di voler applicare la stessa “cura” drastica di pulizia all’intero Paese, consigliando ai filippini di far nascere agenzie di pompe funebri perché la clientela e il giro d’affari sarebbero aumentati notevolmente.

Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”