Foraging, consuma solo quello che trovi

| L'ultima moda negli Usa, dalla ricerca di bacche nei boschi, poi alghe, piante, funghi qualsiasi cosa commestibile

+ Miei preferiti
Siete mai andati per i boschi a raccogliere castagne, funghi, tartufi o more? Bene, allora senza saperlo avete fatto "Foraging", solito inglesismo che fa tanto fine per definire la raccolta di ciò che la natura offre, un'attività antica almeno quanto la comparsa della specie umana. In Italia, a parte qualche castagna, funghi e poco altro non siamo ancora contagiati dalla nuova tendenza, mentre in altri paesi sta iniziando un preoccupante fenomeno che vuole ormai più folla nei boschi che nei supermercati. A questo, va aggiunta la scelta di alcuni chef - e relativi locali - che hanno fatto del "Foraging" un vanto diventato menù. Fra i primi a crederci René Redzepi, nientemeno chef del ristorante considerato il numero uno al mondo, il "Noma" di København, impronunciabile cittadina danese, e accanto a lui Magnus Nielsson, motore del "Fäviken" di un altro posto sperduto lassù - ad Åre - questa volta in Svezia.

In Sudafrica, nella zona di Cape Town, il Foraging è una pratica assai comune: gli appassionati setacciano le spiagge affacciate sull'oceano alla ricerca di rosmarino, spinaci, lattuga di mare e "num-num", bacche dolci che ricordano i mirtilli. Lo stesso succede nella vecchia Londra, dove almeno tre gruppi ufficiali di Foraging urbano non si perdono una mela selvatica da Hyde Park al verde di Wimbledon, e perfino a Melbourne, in Australia, paese in cui la biodiversità e di conseguenza l'offerta è considerata fra le più alte al mondo. Per finire in bellezza con New York, che nel Central Park e nel Prospect Park di Brooklyn offre una miniera di occasioni, a cominciare dall'aglio selvatico per finire al tarassaco, e con Sausalito, sobborgo alternativo e buen retiro per ex figli dei fiori di San Francisco, dove fra le case galleggianti sono sempre più frequenti le cene Foraging in cui tutti portano qualcosa, rigorosamente trovato sulla battigia o fra le colline che dominano la baia.

Mettendoci un po' di sana perplessità, si intuisce che il "Foraging" non inventa nulla di nuovo: in tempi di guerre e carestie, mettere in pentola ciò che si trovava nei boschi era prassi piuttosto comune, così tanto da creare l'Alimurgia, più o meno una scienza nata per far fronte alle necessità che studia l'arte di cibarsi di piante selvatiche non dannose per la salute. Fondamentale è la postilla ecosostenibile, di questi tempi necessaria: va bene il Foraging, ma a patto di non danneggiare l'ambiente e l'ecosistema. Si raccoglie soltanto ciò che cresce in modo spontaneo nei boschi, sugli argini dei fiumi o perfino a ridosso delle spiagge, ovvero erbe, bacche, frutti, foglie, radici e cortecce, qualcuno a dire il vero anche pesci, molluschi e crostacei, dipende dai gusti. Anche se la moderna concezione del Foraging non richiede per forza la gita fuoriporta quanto piuttosto scenari urbani, fra marciapiedi, binari e argini dei fiumi.

State pensando questo posso farlo anche io? Attenzione, perché come sempre nella vita, quel che sembra troppo semplice finisce per non esserlo affatto. Prima di cimentarsi nel Foraging è meglio seguire un corso - iniziano ad organizzarne anche in Italia - per imparare innanzi tutto a raccogliere senza massacrare l'ambiente e, altrettanto fondamentale, scoprire che non tutto ciò che sembra bello a vedersi può finire in pentola. Oltre ai funghi, per cui serve una certa conoscenza, esistono piante velenose che magari non portano alla morte ma sono in grado di procurare non pochi fastidi. Per saperne di più: www.wood-ing.org, un laboratorio italiano di ricerca sulla raccolta, la conservazione e l'utilizzo del cibo selvatico.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino