Foraging, consuma solo quello che trovi

| L'ultima moda negli Usa, dalla ricerca di bacche nei boschi, poi alghe, piante, funghi qualsiasi cosa commestibile

+ Miei preferiti
Siete mai andati per i boschi a raccogliere castagne, funghi, tartufi o more? Bene, allora senza saperlo avete fatto "Foraging", solito inglesismo che fa tanto fine per definire la raccolta di ciò che la natura offre, un'attività antica almeno quanto la comparsa della specie umana. In Italia, a parte qualche castagna, funghi e poco altro non siamo ancora contagiati dalla nuova tendenza, mentre in altri paesi sta iniziando un preoccupante fenomeno che vuole ormai più folla nei boschi che nei supermercati. A questo, va aggiunta la scelta di alcuni chef - e relativi locali - che hanno fatto del "Foraging" un vanto diventato menù. Fra i primi a crederci René Redzepi, nientemeno chef del ristorante considerato il numero uno al mondo, il "Noma" di København, impronunciabile cittadina danese, e accanto a lui Magnus Nielsson, motore del "Fäviken" di un altro posto sperduto lassù - ad Åre - questa volta in Svezia.

In Sudafrica, nella zona di Cape Town, il Foraging è una pratica assai comune: gli appassionati setacciano le spiagge affacciate sull'oceano alla ricerca di rosmarino, spinaci, lattuga di mare e "num-num", bacche dolci che ricordano i mirtilli. Lo stesso succede nella vecchia Londra, dove almeno tre gruppi ufficiali di Foraging urbano non si perdono una mela selvatica da Hyde Park al verde di Wimbledon, e perfino a Melbourne, in Australia, paese in cui la biodiversità e di conseguenza l'offerta è considerata fra le più alte al mondo. Per finire in bellezza con New York, che nel Central Park e nel Prospect Park di Brooklyn offre una miniera di occasioni, a cominciare dall'aglio selvatico per finire al tarassaco, e con Sausalito, sobborgo alternativo e buen retiro per ex figli dei fiori di San Francisco, dove fra le case galleggianti sono sempre più frequenti le cene Foraging in cui tutti portano qualcosa, rigorosamente trovato sulla battigia o fra le colline che dominano la baia.

Mettendoci un po' di sana perplessità, si intuisce che il "Foraging" non inventa nulla di nuovo: in tempi di guerre e carestie, mettere in pentola ciò che si trovava nei boschi era prassi piuttosto comune, così tanto da creare l'Alimurgia, più o meno una scienza nata per far fronte alle necessità che studia l'arte di cibarsi di piante selvatiche non dannose per la salute. Fondamentale è la postilla ecosostenibile, di questi tempi necessaria: va bene il Foraging, ma a patto di non danneggiare l'ambiente e l'ecosistema. Si raccoglie soltanto ciò che cresce in modo spontaneo nei boschi, sugli argini dei fiumi o perfino a ridosso delle spiagge, ovvero erbe, bacche, frutti, foglie, radici e cortecce, qualcuno a dire il vero anche pesci, molluschi e crostacei, dipende dai gusti. Anche se la moderna concezione del Foraging non richiede per forza la gita fuoriporta quanto piuttosto scenari urbani, fra marciapiedi, binari e argini dei fiumi.

State pensando questo posso farlo anche io? Attenzione, perché come sempre nella vita, quel che sembra troppo semplice finisce per non esserlo affatto. Prima di cimentarsi nel Foraging è meglio seguire un corso - iniziano ad organizzarne anche in Italia - per imparare innanzi tutto a raccogliere senza massacrare l'ambiente e, altrettanto fondamentale, scoprire che non tutto ciò che sembra bello a vedersi può finire in pentola. Oltre ai funghi, per cui serve una certa conoscenza, esistono piante velenose che magari non portano alla morte ma sono in grado di procurare non pochi fastidi. Per saperne di più: www.wood-ing.org, un laboratorio italiano di ricerca sulla raccolta, la conservazione e l'utilizzo del cibo selvatico.

Mondo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal
India, 526 denti estratti ad un bambino
India, 526 denti estratti ad un bambino
Il più alto numero mai registrato su un essere umano: il piccolo, di 7 anni, è stato operato e adesso sta bene