Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525

| Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario

+ Miei preferiti
Alle 9:40 del 24 marzo 2015, il volo “Germanwings 9525” in servizio fra Barcellona e Dusseldorf, si schianta sulle montagne francesi di Prads-Haute-Bléone con 150 persone a bordo. Le commissioni d’inchiesta accerteranno che Andreas Lubitz, il copilota, aveva approfittato dell’assenza del comandante per barricarsi in cabina e far precipitare volutamente l’aereo: soffriva da tempo di depressione.

La compagnia aerea, che in realtà è stata inglobata dalla Lufthansa per essere fusa con la compagnia low-cost “Eurowings”, ha scritto una lettera ai parenti delle vittime del tragico volo del 24 marzo 2015, in causa con la Lufthansa, per precisare che le 150 vittime “non si sarebbero accorte di nulla e non hanno provato la sensazione di essere sul punto di morte”. A stretto giro è arrivata la replica dei parenti di Marlies Weiergräber, una delle vittime: “Non è credibile che non abbiano avuto paura di morire, ci sono elementi che dimostrano l’esatto contrario”. In effetti, le registrazioni contenute nelle scatole nere recuperate si sente il comandante che cerca di rientrare all’interno della cabina di pilotaggio sferrando pesanti colpi alla porta blindata. In lontananza, si sentono anche le urla dei passeggeri, perfettamente coscienti di quanto stava accadendo: le urla cessano di colpo al momento dell’impatto.

Galleria fotografica
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525 - immagine 1
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525 - immagine 2
Mondo
Argentina, party in spiaggia per 2.000 adolescenti
Argentina, party in spiaggia per 2.000 adolescenti
Bloccati dalla polizia, i giovani partecipanti rischiano multe salatissime. La polizia lavora per individuare gli organizzatori della festa che ha attirato migliaia di persone, malgrado il rigido divieto di assembramenti
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Accusato di pratiche inumane durante l’Apartheid e condannato, Wouter Basson è stato rintracciato presso un gruppo ospedaliero sudafricano dove lavora tranquillamente da anni
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte