Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525

| Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario

+ Miei preferiti
Alle 9:40 del 24 marzo 2015, il volo “Germanwings 9525” in servizio fra Barcellona e Dusseldorf, si schianta sulle montagne francesi di Prads-Haute-Bléone con 150 persone a bordo. Le commissioni d’inchiesta accerteranno che Andreas Lubitz, il copilota, aveva approfittato dell’assenza del comandante per barricarsi in cabina e far precipitare volutamente l’aereo: soffriva da tempo di depressione.

La compagnia aerea, che in realtà è stata inglobata dalla Lufthansa per essere fusa con la compagnia low-cost “Eurowings”, ha scritto una lettera ai parenti delle vittime del tragico volo del 24 marzo 2015, in causa con la Lufthansa, per precisare che le 150 vittime “non si sarebbero accorte di nulla e non hanno provato la sensazione di essere sul punto di morte”. A stretto giro è arrivata la replica dei parenti di Marlies Weiergräber, una delle vittime: “Non è credibile che non abbiano avuto paura di morire, ci sono elementi che dimostrano l’esatto contrario”. In effetti, le registrazioni contenute nelle scatole nere recuperate si sente il comandante che cerca di rientrare all’interno della cabina di pilotaggio sferrando pesanti colpi alla porta blindata. In lontananza, si sentono anche le urla dei passeggeri, perfettamente coscienti di quanto stava accadendo: le urla cessano di colpo al momento dell’impatto.

Galleria fotografica
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525 - immagine 1
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525 - immagine 2
Mondo
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini