Giacarta: le tombe multipiano

| Nel 2007, il cimitero cittadino di Karet Bivak ha la saturazione, e le autorità da allora spingono per le sepolture ad accatastamento, uno sull’altro, fino a 6 metri di profondità

+ Miei preferiti
Altra scelta non c’era: nel cimitero di Karet Bivak, le file ordinate di lapidi si estendono a perdita d’occhio. Le autorità hanno bloccato nuovi appezzamenti di terreno nel novembre 2017 per evitare il sovraffollamento. Al momento, si contano circa 100mila salme in 48.400 lotti.

Si tratta di una soluzione temporanea alla carenza di spazio per le sepoltura in una città dove il sovraffollamento è pura normalità:  su 84 cimiteri pubblici, un quarto ha smesso di concedere licenze per nuovi appezzamenti, limitando le concessioni alle sepolture multiple. I corpi possono essere accatastati uno accanto all’altro o uno sopra l’altro, secondo la politica comunale, con un minimo di un metro di distanza tra loro, ma devono passare almeno tre anni prima che possa essere aggiunto un’altra salma.

Il dirigente del Karet Bivak, Saiman, afferma che l’accatastamento non è un problema per i morti, ma per i vivi. Ci sono stati litigi su sconfinamenti di tombe, e faide familiari non semplici da risolvere: una donna ha rifiutato all’ex marito l’uso del lotto familiare perché si era risposato. In un altro caso, un uomo aveva chiesto di essere sepolto sopra suo zio ma un cugino lo ha bloccato per gelosia.

Da quando il problema del sovraffollamento è emerso, circa tre anni fa, il dipartimento cimiteriale ha lavorato duramente per educare il pubblico alla pratica dell’accatastamento. L’alta densità della popolazione di Giacarta significa che la maggior parte dei cimiteri pubblici sono inscatolati fra gli edifici, con regolamenti che ne impediscono ulteriormente l’espansione. “È molto difficile ottenere terreni per un cimitero, o anche per lo sviluppo di infrastrutture - svela Rangi Faridha, architetto del consiglio di pianificazione cimiteriale e sviluppo urbano - ci sono molti fattori, ma il più importante è che la gente non vuole vendere la propria terra”.

Molto prima che iniziassero a impilare i morti, i cimiteri hanno liberato le tombe più antiche, quelle le cui licenze erano state lasciate scadere. Circa 20.000 lotti del Karet Bivak sono stati liberati, ma è una politica che basta a soddisfare la domanda. La città dispone di 200 ettari di terreno di riserva, un tratto paludoso in via di sistemazione che si prevede aprirà nel 2021.

Ma con 80-100 cadaveri che ogni giorno arrivano nei cimiteri pubblici, la questione continua ad essere pressante, in particolare per i più poveri. Cinque dei 20 cimiteri più pieni si trovano nella zona est di Giacarta, dove il tasso di povertà della città è più alto.

Nel frattempo, stanno spuntando cimiteri privati per coloro che possono permetterseli, compresi alcuni punti lussuosi come il “San Diego Hills” a Karawang, dove una sepoltura che comprende bara, imbalsamazione, certificazione e licenza può costare più di 26milioni di rupie, 166 euro, cifra impensabile per la maggior parte della popolazione.

Secondo il dottor Mohamad Reza Mohamed Afla, docente senior presso la University Sains Malaysia di Penang, molte città del sud-est asiatico si trovano ad affrontare lo stesso problema del sovraffollamento: a Singapore, l’accatastamento è obbligatorio da molti anni, mentre Kuala Lumpur lo sta prendendo in considerazione.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale