Giappone, il killer dei disabili condannato a morte

| Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione

+ Miei preferiti
Fra i peggiori casi di cronaca nera del Giappone, il massacro di Sagamihara è uno di quelli che ha scioccato di più il Paese asiatico. Accade tutto in meno di un’ora, fra le 2 e le 3 del mattino del 26 luglio 2016: Satoshi Uematsu, 26 anni, ex infermiere, si ferma con la sua auto davanti al “Tsuki Yamayuri-en”, un centro d’assistenza per disabili di Sagamihara, prefettura di Kaganawa, in Giappone. Rompe una finestra ed entra: immobilizza un membro del personale di guardia alla struttura e gli ruba le chiavi delle camere. Soltanto mezzora dopo la polizie riceva una chiamata di soccorso e interviene, per trovarsi di fronte ad una strage: 19 disabili fra i 18 ed i 70 anni uccisi a coltellate nei loro letti, e altri 26 feriti in gravi condizioni. Dalle telecamere di sicurezza, Uematsu si è allontanato da qualche minuto. Si costituisce due ore dopo, raccontando di essere un ex dipendente della struttura licenziato qualche mese prima.

Durante il processo, Satoshi non arretra neanche un istante: i disabili che ha ucciso non erano in grado di comunicare e non avevano diritti umani: “Per loro non aveva senso vivere: andava fatto per il bene della società”.

La difesa ha chiesto la non colpevolezza per via dello stato mentale del loro cliente, all’epoca sotto l’effetto di droghe: “Ha abusato di marijuana e sofferto di disturbi mentali: era piombato in una condizione di inconsapevolezza delle proprie azioni”.

Argomentazioni che il tribunale distrettuale di Yokohama non ha ritenuto sufficienti, condannandolo a morte per impiccagione. Satoshi Uematsu ha annunciato di non avere alcuna intenzione di ricorrere in appello.

Secondo i funzionari locali, al momento dell’aggressione la struttura aveva circa 150 residenti, con 9 membri del personale. È anche emerso che, pochi mesi prima dell’aggressione, Uematsu aveva inviato una lettera al parlamento giapponese in cui diceva che, se autorizzato, avrebbe ucciso 470 persone gravemente disabili: “Voglio che il Giappone sia un paese in cui sia possibile l’eutanasia per i disabili”, aveva scritto. Arrestato, era stato internato in un ospedale psichiatrico, ma dimesso dopo appena due settimane.

Mondo
Aleksej Navalnj sta morendo
Aleksej Navalnj sta morendo
La denuncia del suo staff: ha un livello di potassio nel sangue che nel giro di qualche giorno può portare ad un arresto cardiaco. Il Cremlino nega trattamenti di favore e tenta di dichiarare il suo movimento “organizzazione estremista”
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei