Giappone, il killer dei disabili condannato a morte

| Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione

+ Miei preferiti
Fra i peggiori casi di cronaca nera del Giappone, il massacro di Sagamihara è uno di quelli che ha scioccato di più il Paese asiatico. Accade tutto in meno di un’ora, fra le 2 e le 3 del mattino del 26 luglio 2016: Satoshi Uematsu, 26 anni, ex infermiere, si ferma con la sua auto davanti al “Tsuki Yamayuri-en”, un centro d’assistenza per disabili di Sagamihara, prefettura di Kaganawa, in Giappone. Rompe una finestra ed entra: immobilizza un membro del personale di guardia alla struttura e gli ruba le chiavi delle camere. Soltanto mezzora dopo la polizie riceva una chiamata di soccorso e interviene, per trovarsi di fronte ad una strage: 19 disabili fra i 18 ed i 70 anni uccisi a coltellate nei loro letti, e altri 26 feriti in gravi condizioni. Dalle telecamere di sicurezza, Uematsu si è allontanato da qualche minuto. Si costituisce due ore dopo, raccontando di essere un ex dipendente della struttura licenziato qualche mese prima.

Durante il processo, Satoshi non arretra neanche un istante: i disabili che ha ucciso non erano in grado di comunicare e non avevano diritti umani: “Per loro non aveva senso vivere: andava fatto per il bene della società”.

La difesa ha chiesto la non colpevolezza per via dello stato mentale del loro cliente, all’epoca sotto l’effetto di droghe: “Ha abusato di marijuana e sofferto di disturbi mentali: era piombato in una condizione di inconsapevolezza delle proprie azioni”.

Argomentazioni che il tribunale distrettuale di Yokohama non ha ritenuto sufficienti, condannandolo a morte per impiccagione. Satoshi Uematsu ha annunciato di non avere alcuna intenzione di ricorrere in appello.

Secondo i funzionari locali, al momento dell’aggressione la struttura aveva circa 150 residenti, con 9 membri del personale. È anche emerso che, pochi mesi prima dell’aggressione, Uematsu aveva inviato una lettera al parlamento giapponese in cui diceva che, se autorizzato, avrebbe ucciso 470 persone gravemente disabili: “Voglio che il Giappone sia un paese in cui sia possibile l’eutanasia per i disabili”, aveva scritto. Arrestato, era stato internato in un ospedale psichiatrico, ma dimesso dopo appena due settimane.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria