Giappone, il killer dei disabili condannato a morte

| Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione

+ Miei preferiti
Fra i peggiori casi di cronaca nera del Giappone, il massacro di Sagamihara è uno di quelli che ha scioccato di più il Paese asiatico. Accade tutto in meno di un’ora, fra le 2 e le 3 del mattino del 26 luglio 2016: Satoshi Uematsu, 26 anni, ex infermiere, si ferma con la sua auto davanti al “Tsuki Yamayuri-en”, un centro d’assistenza per disabili di Sagamihara, prefettura di Kaganawa, in Giappone. Rompe una finestra ed entra: immobilizza un membro del personale di guardia alla struttura e gli ruba le chiavi delle camere. Soltanto mezzora dopo la polizie riceva una chiamata di soccorso e interviene, per trovarsi di fronte ad una strage: 19 disabili fra i 18 ed i 70 anni uccisi a coltellate nei loro letti, e altri 26 feriti in gravi condizioni. Dalle telecamere di sicurezza, Uematsu si è allontanato da qualche minuto. Si costituisce due ore dopo, raccontando di essere un ex dipendente della struttura licenziato qualche mese prima.

Durante il processo, Satoshi non arretra neanche un istante: i disabili che ha ucciso non erano in grado di comunicare e non avevano diritti umani: “Per loro non aveva senso vivere: andava fatto per il bene della società”.

La difesa ha chiesto la non colpevolezza per via dello stato mentale del loro cliente, all’epoca sotto l’effetto di droghe: “Ha abusato di marijuana e sofferto di disturbi mentali: era piombato in una condizione di inconsapevolezza delle proprie azioni”.

Argomentazioni che il tribunale distrettuale di Yokohama non ha ritenuto sufficienti, condannandolo a morte per impiccagione. Satoshi Uematsu ha annunciato di non avere alcuna intenzione di ricorrere in appello.

Secondo i funzionari locali, al momento dell’aggressione la struttura aveva circa 150 residenti, con 9 membri del personale. È anche emerso che, pochi mesi prima dell’aggressione, Uematsu aveva inviato una lettera al parlamento giapponese in cui diceva che, se autorizzato, avrebbe ucciso 470 persone gravemente disabili: “Voglio che il Giappone sia un paese in cui sia possibile l’eutanasia per i disabili”, aveva scritto. Arrestato, era stato internato in un ospedale psichiatrico, ma dimesso dopo appena due settimane.

Mondo
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura