Giappone, il killer dei disabili condannato a morte

| Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione

+ Miei preferiti
Fra i peggiori casi di cronaca nera del Giappone, il massacro di Sagamihara è uno di quelli che ha scioccato di più il Paese asiatico. Accade tutto in meno di un’ora, fra le 2 e le 3 del mattino del 26 luglio 2016: Satoshi Uematsu, 26 anni, ex infermiere, si ferma con la sua auto davanti al “Tsuki Yamayuri-en”, un centro d’assistenza per disabili di Sagamihara, prefettura di Kaganawa, in Giappone. Rompe una finestra ed entra: immobilizza un membro del personale di guardia alla struttura e gli ruba le chiavi delle camere. Soltanto mezzora dopo la polizie riceva una chiamata di soccorso e interviene, per trovarsi di fronte ad una strage: 19 disabili fra i 18 ed i 70 anni uccisi a coltellate nei loro letti, e altri 26 feriti in gravi condizioni. Dalle telecamere di sicurezza, Uematsu si è allontanato da qualche minuto. Si costituisce due ore dopo, raccontando di essere un ex dipendente della struttura licenziato qualche mese prima.

Durante il processo, Satoshi non arretra neanche un istante: i disabili che ha ucciso non erano in grado di comunicare e non avevano diritti umani: “Per loro non aveva senso vivere: andava fatto per il bene della società”.

La difesa ha chiesto la non colpevolezza per via dello stato mentale del loro cliente, all’epoca sotto l’effetto di droghe: “Ha abusato di marijuana e sofferto di disturbi mentali: era piombato in una condizione di inconsapevolezza delle proprie azioni”.

Argomentazioni che il tribunale distrettuale di Yokohama non ha ritenuto sufficienti, condannandolo a morte per impiccagione. Satoshi Uematsu ha annunciato di non avere alcuna intenzione di ricorrere in appello.

Secondo i funzionari locali, al momento dell’aggressione la struttura aveva circa 150 residenti, con 9 membri del personale. È anche emerso che, pochi mesi prima dell’aggressione, Uematsu aveva inviato una lettera al parlamento giapponese in cui diceva che, se autorizzato, avrebbe ucciso 470 persone gravemente disabili: “Voglio che il Giappone sia un paese in cui sia possibile l’eutanasia per i disabili”, aveva scritto. Arrestato, era stato internato in un ospedale psichiatrico, ma dimesso dopo appena due settimane.

Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata