Gli allegri giudici brasiliani liberano Battisti

| Può andarsene dove gli pare, via cavigliera elettronica, restituito il passaporto. E "il pericolo di fuga"? Che importa, è un assassino ma in Italia. Ora vive in Brasile

+ Miei preferiti

Cesare Battisti, condannato in Italia per 4 omicidi e che l’Italia vorrebbe incarcerare, quando venne arrestato a Copacabana dall' Interpol, è libero come l'aria. Gli hanno tolto la cavigliera elettronica, restituito il passaporto, ora può andarsene dove vuole. Il Superiore Tribunale di Giustizia (Stj) ha azzerato le misure cautelari imposte al pluri-assassino dal giudice brasiliano Sérgio Castresi, su richiesta del procuratore di Sao Paulo, Evangelista Pezzotti, che aveva denunciato per «falso ideologico» l' ex terrorista. Battisti al notaio che, nel giugno 2015, registrò il suo matrimonio, affermando di aver vissuto ad Embu das Artes risiedeva già a Cananeia. Lo ha fatto per sveltire le pratiche. L' ex membro dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac) aveva tentato di rifugiarsi in Bolivia con 6mila dollari e 1.300 euro non dichiarati alle autorità brasiliane. Igor Tamasauskas ha vinto su tutto frontr, l’avvocato difensore di Battisti può dirsi soddisfatto. Il «chiaro rischio di fuga» non esiste più essendo «persona condannata dalla giustizia italiana per omicidio» coinvolta «in un noto processo di estradizione in Brasile, tale rischio non sussiste avendo deciso senza ombra di dubbio Battisti di vivere in Brasile». Staremo a vedere chi avrà ragione.

Eppure il presidente brasiliano Michel Temer avrebbe deciso di  riconsegnare il latitante ma pure aspetta la decisione definitiva  Se può non piò annullare la decisione di Lula, ora in carcere per corruzione, che concesso 8 anni fa la libertà al terrorista assassino.Supremo Tribunale Federale. Questo Stf è uno strano organo, assai politicizzato, molto vicino all’ex presidente Lula che sta cercando, con ogni cavillo possibile, di rimettere in libertà.

Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso