Gli ebrei protestano per il segno del naso

| Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo

+ Miei preferiti
Un’organizzazione che rappresenta le comunità ebraiche in Europa ha chiesto la rimozione di una rappresentazione “razzista e umiliante” degli ebrei nella lingua dei segni, così come indicato da un dizionario online pubblicato in Belgio. Da secoli, circola il mito del “naso ebreo”, indicato come “grosso, aquilino, grottesco e molto caricaturale”. Va da sé che gli ebrei hanno il proprio naso, esattamente come tutti gli altri, ma una vecchia credenza legata a farneticanti studi fisiognomici attribuisce al popolo ebreo la peculiarità distintiva di avere grandi nasi a uncino.

La rappresentazione è uno degli oltre 10.000 segni di una guida visiva online riconosciuta dal governo fiammingo per coordinare e uniformare la lingua dei segni nella regione delle Fiandre.

Secondo il dizionario, ci sono tre modi per indicare la parola “ebreo”: accarezzandosi il mento, un’azione usata nel linguaggio dei segni britannico, oppure fingendo di toccare con le dita i lunghi riccioli oppure gesticolando con il dito sul naso formando un uncino. Il dizionario è stato recentemente aggiornato affermando che i segni non hanno una connotazione negativa, ma l’Università di Gand, che ospita sul suo sito web il centro di lingua dei segni fiammingo, ha ricevuto una nota di protesta con la richiesta di rimozione e rettifica.

Secondo Menachem Margolin, membro dell’Associazione Ebraica Europea, “Quello con le ciocche di capelli è accettabile, anche se fuorviante, mentre il gesto del naso a uncino per definire un ebreo sono è un segno razzista e umiliante”. Lisa Rombouts, portavoce del Centro fiammingo della lingua dei segni, ha assicurato che sarebbe stata pubblicata una nuova edizione del dizionario in grado di risolvere la questione: “Il gesto è probabilmente la variante più antica del dizionario e il video è sul nostro sito da 15 anni: non vogliamo cancellarlo, perché un dizionario descrive la situazione attuale. Vorremmo correggerlo, ma purtroppo, negli ultimi anni non è stato possibile rinnovare il dizionario perché abbiamo ricevuto per mancanza di sovvenzioni”.

Il mese scorso, il dizionario della lingua dei segni in Nuova Zelanda è stato criticato per una serie di rappresentazioni considerate discriminanti: insieme al gesto del naso per gli eberi, uno dei modi per descrivere il popolo cinese consiste nel tirare l’angolo dell’occhio, mentre il termine gay è rappresentato premendo una mano sul naso. Rappresentazioni che nel 2004 sono state bandite agli interpreti dei segni che lavorano per le televisioni del Regno Unito.

Mondo
India, decapitato per far finire la pandemia
India, decapitato per far finire la pandemia
Un sacerdote indù ha mozzato la testa ad un conoscente per obbedire alle richieste di una dea apparsa in sogno. Ma i due, ha scoperto la polizia, si odiavano da tempo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato