Gli ebrei protestano per il segno del naso

| Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo

+ Miei preferiti
Un’organizzazione che rappresenta le comunità ebraiche in Europa ha chiesto la rimozione di una rappresentazione “razzista e umiliante” degli ebrei nella lingua dei segni, così come indicato da un dizionario online pubblicato in Belgio. Da secoli, circola il mito del “naso ebreo”, indicato come “grosso, aquilino, grottesco e molto caricaturale”. Va da sé che gli ebrei hanno il proprio naso, esattamente come tutti gli altri, ma una vecchia credenza legata a farneticanti studi fisiognomici attribuisce al popolo ebreo la peculiarità distintiva di avere grandi nasi a uncino.

La rappresentazione è uno degli oltre 10.000 segni di una guida visiva online riconosciuta dal governo fiammingo per coordinare e uniformare la lingua dei segni nella regione delle Fiandre.

Secondo il dizionario, ci sono tre modi per indicare la parola “ebreo”: accarezzandosi il mento, un’azione usata nel linguaggio dei segni britannico, oppure fingendo di toccare con le dita i lunghi riccioli oppure gesticolando con il dito sul naso formando un uncino. Il dizionario è stato recentemente aggiornato affermando che i segni non hanno una connotazione negativa, ma l’Università di Gand, che ospita sul suo sito web il centro di lingua dei segni fiammingo, ha ricevuto una nota di protesta con la richiesta di rimozione e rettifica.

Secondo Menachem Margolin, membro dell’Associazione Ebraica Europea, “Quello con le ciocche di capelli è accettabile, anche se fuorviante, mentre il gesto del naso a uncino per definire un ebreo sono è un segno razzista e umiliante”. Lisa Rombouts, portavoce del Centro fiammingo della lingua dei segni, ha assicurato che sarebbe stata pubblicata una nuova edizione del dizionario in grado di risolvere la questione: “Il gesto è probabilmente la variante più antica del dizionario e il video è sul nostro sito da 15 anni: non vogliamo cancellarlo, perché un dizionario descrive la situazione attuale. Vorremmo correggerlo, ma purtroppo, negli ultimi anni non è stato possibile rinnovare il dizionario perché abbiamo ricevuto per mancanza di sovvenzioni”.

Il mese scorso, il dizionario della lingua dei segni in Nuova Zelanda è stato criticato per una serie di rappresentazioni considerate discriminanti: insieme al gesto del naso per gli eberi, uno dei modi per descrivere il popolo cinese consiste nel tirare l’angolo dell’occhio, mentre il termine gay è rappresentato premendo una mano sul naso. Rappresentazioni che nel 2004 sono state bandite agli interpreti dei segni che lavorano per le televisioni del Regno Unito.

Mondo
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto