Gli ebrei protestano per il segno del naso

| Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo

+ Miei preferiti
Un’organizzazione che rappresenta le comunità ebraiche in Europa ha chiesto la rimozione di una rappresentazione “razzista e umiliante” degli ebrei nella lingua dei segni, così come indicato da un dizionario online pubblicato in Belgio. Da secoli, circola il mito del “naso ebreo”, indicato come “grosso, aquilino, grottesco e molto caricaturale”. Va da sé che gli ebrei hanno il proprio naso, esattamente come tutti gli altri, ma una vecchia credenza legata a farneticanti studi fisiognomici attribuisce al popolo ebreo la peculiarità distintiva di avere grandi nasi a uncino.

La rappresentazione è uno degli oltre 10.000 segni di una guida visiva online riconosciuta dal governo fiammingo per coordinare e uniformare la lingua dei segni nella regione delle Fiandre.

Secondo il dizionario, ci sono tre modi per indicare la parola “ebreo”: accarezzandosi il mento, un’azione usata nel linguaggio dei segni britannico, oppure fingendo di toccare con le dita i lunghi riccioli oppure gesticolando con il dito sul naso formando un uncino. Il dizionario è stato recentemente aggiornato affermando che i segni non hanno una connotazione negativa, ma l’Università di Gand, che ospita sul suo sito web il centro di lingua dei segni fiammingo, ha ricevuto una nota di protesta con la richiesta di rimozione e rettifica.

Secondo Menachem Margolin, membro dell’Associazione Ebraica Europea, “Quello con le ciocche di capelli è accettabile, anche se fuorviante, mentre il gesto del naso a uncino per definire un ebreo sono è un segno razzista e umiliante”. Lisa Rombouts, portavoce del Centro fiammingo della lingua dei segni, ha assicurato che sarebbe stata pubblicata una nuova edizione del dizionario in grado di risolvere la questione: “Il gesto è probabilmente la variante più antica del dizionario e il video è sul nostro sito da 15 anni: non vogliamo cancellarlo, perché un dizionario descrive la situazione attuale. Vorremmo correggerlo, ma purtroppo, negli ultimi anni non è stato possibile rinnovare il dizionario perché abbiamo ricevuto per mancanza di sovvenzioni”.

Il mese scorso, il dizionario della lingua dei segni in Nuova Zelanda è stato criticato per una serie di rappresentazioni considerate discriminanti: insieme al gesto del naso per gli eberi, uno dei modi per descrivere il popolo cinese consiste nel tirare l’angolo dell’occhio, mentre il termine gay è rappresentato premendo una mano sul naso. Rappresentazioni che nel 2004 sono state bandite agli interpreti dei segni che lavorano per le televisioni del Regno Unito.

Mondo
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili