Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong

| Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica

+ Miei preferiti
Il Regno Unito si prepara ad accogliere decine di migliaia di persone in fuga da Hong Kong, con l’adozione di un nuovo visto valido per i residenti dell’ex colonia britannica. È una delle conseguenze alla scelta di Pechino dello scorso anno di imporre una legge sulla sicurezza nazionale che, secondo le associazioni umanitarie e gli esperti, ha letteralmente spogliato la città della sua autonomia e delle preziose libertà civili e sociali di cui godeva, cementando il dominio autoritario di Pechino su tutto il territorio. Da allora, molti attivisti sono fuggiti, mentre altri hanno iniziato a organizzarsi silenziosamente per trasferirsi all’estero. La legge criminalizza la secessione, la sovversione e la collusione con forze straniere, e prevede una pena massima che può arrivare all’ergastolo.

Poco dopo la proposta, il governo britannico ha annunciato che avrebbe fornito un nuovo percorso verso la cittadinanza inglese per i titolari di passaporti British National (Overseas), introdotti negli ultimi anni del dominio britannico su Hong Kong, permettendo ai residenti di mantenere una sorta di status di cittadinanza britannica, anche se senza alcun diritto di residenza a lungo termine nel Regno Unito.

Con il nuovo programma, coloro che godono dello status e i loro familiari potranno scegliere il Regno Unito per vivere, studiare e lavorare, diventando idonei per la cittadinanza nell’arco di 12 mesi. In una dichiarazione, il premier Boris Johnson ha affermato che la scelta “onora i nostri profondi legami di storia e di amicizia con il popolo di Hong Kong, difendendone la libertà e l’autonomia, valori cari sia al Regno Unito che ad Hong Kong”.

Secondo i dati dell’Home Office britannico, dal luglio 2019, quando le proteste antigovernative sono scoppiate in tutta la città, sono stati rilasciati oltre 400mila passaporti BN(O) a residenti di Hong Kong, più del totale dei 15 anni precedenti.

Al momento in cui è stata proposta la legge sulla sicurezza nazionale, il numero di passaporti rilasciati è balzato da 7.515 nel giugno 2020 a oltre 24.000 nel mese di luglio. Numeri che potrebbero anche essere inferiori alla quantità di persone che hanno presentato domanda, poiché la pandemia sembra aver avuto un impatto sull’elaborazione dei passaporti.

Prima che il Regno Unito annunciasse il nuovo percorso verso la cittadinanza, c’erano circa 350mila titolari di passaporto BN(O), ma il numero di persone che sono idonee - quelle nate prima del 1997, nella Hong Kong governata dai britannici - potrebbe arrivare a 3 milioni.

La Cina ha reagito con rabbia al piano, sostenendo che viola l’accordo in base al quale Hong Kong è stata consegnata dal dominio britannico a quello cinese, mentre Londra replica sostenendo che il passaggio sia minato dalla legge sulla sicurezza nazionale.

Nel corso di una conferenza stampa, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha accusato il Regno Unito di “non tenere conto del fatto che Hong Kong è tornata alla madrepatria ormai da 24 anni”, violando le promesse fatte al momento dell’handover. Il percorso verso la cittadinanza “viola gravemente la sovranità cinese, interferisce grossolanamente negli affari di Hong Kong e negli affari interni della Cina, e viola gravemente il diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali”.

Dal 31 gennaio, ha detto Zhao, la Cina non riconoscerà più i passaporti BN(O) come documenti di viaggio o di identificazione, “e si riserva il diritto di varare ulteriori misure”. Poche ore dopo, il governo di Hong Kong ha annunciando attraverso un comunicato stampa che i passaporti BN(O) sono stati rimossi dalla lista dei documenti di viaggio accettati.

Non è chiaro quali effetti pratici avranno queste contromisure, tuttavia, dato che la maggior parte dei residenti di Hong Kong, sia stranieri che cinesi, usano carte d’identità emesse localmente per entrare o uscire dal territorio. Molti di coloro che hanno diritto a un passaporto BN(O) avranno anche il diritto di richiedere, o potrebbero già possedere, un passaporto di Hong Kong. Date le conseguenze limitate della risposta di Pechino, molti sono convinti ulteriori restrizioni potrebbero essere in arrivo, specialmente se nei prossimi mesi un gran numero di persone lascerà la città.

Secondo il quotidiano “South China Morning Post”, Pechino starebbe pensando di privare i titolari di passaporto BN(O) del diritto di ricoprire cariche pubbliche e del diritto di voto. “I cinesi di Hong Kong che acquisiscono una nazionalità straniera di loro spontanea volontà, saranno considerati come se avessero perso la nazionalità cinese, in stretta conformità con l’articolo 9. Quando prendono la decisione di andarsene e implicitamente di rinunciare a Hong Kong, è giusto che venga loro chiesto di fare una scelta fra la Cina o un paese straniero: nel secondo caso perderanno cittadinanza, diritto di residenza e di voto”.

Nonostante le minacce, gli esperti stimano che fino a 600mila hongkonghesi potrebbero trasferirsi nel Regno Unito entro i primi tre anni, aumentando ancora per via delle continue misure repressive previste dalla legge sulla sicurezza nazionale. Ma i titolari di BN(O) potrebbero essere non essere gli unici ad andarsene: intorno al periodo dell’handover, nel 1997, molti hongkonghesi hanno acquisito la cittadinanza straniera, specialmente in paesi del Commonwealth come il Canada e l’Australia, che all’epoca avevano entrambi politiche di immigrazione generose.

Anche gli attivisti e i manifestanti pro-democrazia che non possiedono la cittadinanza straniera hanno iniziato a chiedere asilo all’estero in numero maggiore, in particolare sulla scia del giro di vite dell’anno scorso contro coloro che hanno preso parte alle agitazioni del 2019. Nel dicembre 2020, l’ex legislatore Ted Hui è fuggito da Hong Kong approfittando di una finta conferenza sull’ambiente, per chiedere asilo nel Regno Unito. Anche Nathan Law, ex leader del Movimento degli Ombrelli, ha chiesto asilo, mentre molti altri hanno cercato protezione in Germania, Stati Uniti e Australia.

Eppure, fuggire oltreoceano non sempre equivale alla completa libertà: Law e altri esuli si sono lamentati di essere pedinati e persino molestati da persone che ritengono essere agenti del governo cinese, un’accusa che i rappresentanti di Pechino hanno negato. Sono anche limitati nelle comunicazioni che possono avere con la famiglia e gli amici a Hong Kong, per paura di finire nei guai con le autorità.

Mentre la maggior parte dei titolari di BN(O) che vivono nel Regno Unito è improbabile che siano monitorati, l’agitazione intorno al nuovo schema può rendere difficile il ritorno per coloro che decidono di non voler rimanere in Gran Bretagna. Ray Wong, un attivista che è fuggito in Germania nel 2017, diventando tra i primi hongkonghesi a ottenere asilo in Europa, ha confessato in un’intervista che di Hong Kong gli mancava tutto: “Mi manca essere circondato da persone della mia etnia che parlano cantonese. Mi manca persino il clima, che raramente è gradevole”.

Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni