Harvey Weinstein capitolo X anche gli autisti fanno oh

| Dopo tante donne, fra le file di chi lo accusa anche un uomo: l'autista privato del produttore per i Festival di Cannes e le battute di caccia alla femmina

+ Miei preferiti

Brutta storia: da paese delle pistole facili a quello dei pistolini veloci. Dagli inizi di ottobre, con il dispiegamento di donne che scaricano rifiuti sul nome di Harvey Weinstein, vorace produttore cinematografico, negli States non c'è più pace, come fra gli ulivi.

L'ultima, ma di certo non ultima, è di poche ore fa: sulle pagine del "Los Angeles Times" si apre un altro capitolo, questa volta dedicato alle allegre scappatelle di James Toback, regista e sceneggiatore con un paio di Nominations all'Oscar: un mezzo dilettante rispetto a Weinstein, visto che finora a chiamarlo in causa sono "soltanto" 38 donne.

E se la west coast non se la passa bene, nemmeno la parte east può dormire sonni sereni. Il "Wall Street Journal" e il "Washington Post", pur di non rimanere a corto di munizioni, hanno setacciato il mondo della finanza americana svelando che due altissimi papaveri della "Fidelity Investments", roba che fa girare milioni di dollari ogni giorno, sono stati accompagnati alla porta con le ginocchia piegate da accuse di molestie sessuali. I due, Robert Chow e Gavin Baker, due manager di primo piano del colosso degli investimenti, negano con tutte le forze, ma ci sarebbe una ragazza di 26 anni pronta a inguaiarli.

A divincolarsi, almeno secondo i telefoni senza fili di Hollywood, pare sia invece riuscito Bill O'Reilly, ex volto noto di "Fox News", veloce a pattuire un bonus di 32 milioni di dollari pur di assicurarsi il silenzio di una collaboratrice dell'emittente, molestata ma disposta ad una forma di perdono fatturabile.

E Harvey Weinstein? Perché qui si parla delle vittime e di tutti i suoi emuli, ma su di lui, l'insaziabile ciccione che bastava guardare un nanosecondo per capire come sarebbe finita la serata, sembra calato il silenzio. Secondo il sito "Tmz", sempre piuttosto informato sui "si dice" della capitale del cinema, avrebbe scelto di prolungare di un altro mese la sosta nel rehab in Arizona dove stano cercando di addomesticargli la libido. In effetti, una settimana non basta neanche per riprendersi in una pensione di Borghetto Santo Spirito, figuriamoci per togliersi dalla testa l'idea che le donne è lecito corteggiarle e invitarle a cena, ma tirarle in camera no.

Al servizio di "le porc"

L'ennesima legnata sul cranio pelato di Harvey l'ha assestata il tabloid inglese "The Sun", che è riuscito a rintracciare e convincere tal Mickael Chemloul a vuotare il sacco. E di cose da dire, Chemloul ne aveva parecchie, essendo stato per cinque anni l'autista privato di Weinstein quando questo correva nel sud della Francia per il Festival di Cannes, una delle battute di pesca allo strascico di mammiferi femminili che il produttore preferiva.

Da buon professionista, il driver aveva mantenuto per anni il più stretto riserbo sugli appetiti di Harvey - proprio come tutti gli altri - ma alla prima occasione zac, ecco tutto. Difficile per Chemloul ricordare ogni episodio, vista l'abbondanza di episodi, ma rammenta bene la supplica di una donna, violentata sui sedili posteriori dell'auto la prima volta e poco dopo in hotel, mentre nella stanza accanto la moglie Georgina dormiva beatamente.

La collaborazione con "le porc", il maiale, come lo chiamavano in zona, si chiude bruscamente nel 2013, quando Weinstein ordina all'autista di rintracciare due ragazze adocchiate in un club esclusivo di Saint-Tropez. Chemloul non riesce nell'incarico e Harvey, infuriato, lo colpisce al volto: la faccenda si trasforma in una denuncia alla polizia, con Harvey che davanti agli agenti nega ogni accusa, e appena usciti promette a Chemloul la visita di cortesia di suoi amici mafiosi.

Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato