Harvey Weinstein capitolo X anche gli autisti fanno oh

| Dopo tante donne, fra le file di chi lo accusa anche un uomo: l'autista privato del produttore per i Festival di Cannes e le battute di caccia alla femmina

+ Miei preferiti

Brutta storia: da paese delle pistole facili a quello dei pistolini veloci. Dagli inizi di ottobre, con il dispiegamento di donne che scaricano rifiuti sul nome di Harvey Weinstein, vorace produttore cinematografico, negli States non c'è più pace, come fra gli ulivi.

L'ultima, ma di certo non ultima, è di poche ore fa: sulle pagine del "Los Angeles Times" si apre un altro capitolo, questa volta dedicato alle allegre scappatelle di James Toback, regista e sceneggiatore con un paio di Nominations all'Oscar: un mezzo dilettante rispetto a Weinstein, visto che finora a chiamarlo in causa sono "soltanto" 38 donne.

E se la west coast non se la passa bene, nemmeno la parte east può dormire sonni sereni. Il "Wall Street Journal" e il "Washington Post", pur di non rimanere a corto di munizioni, hanno setacciato il mondo della finanza americana svelando che due altissimi papaveri della "Fidelity Investments", roba che fa girare milioni di dollari ogni giorno, sono stati accompagnati alla porta con le ginocchia piegate da accuse di molestie sessuali. I due, Robert Chow e Gavin Baker, due manager di primo piano del colosso degli investimenti, negano con tutte le forze, ma ci sarebbe una ragazza di 26 anni pronta a inguaiarli.

A divincolarsi, almeno secondo i telefoni senza fili di Hollywood, pare sia invece riuscito Bill O'Reilly, ex volto noto di "Fox News", veloce a pattuire un bonus di 32 milioni di dollari pur di assicurarsi il silenzio di una collaboratrice dell'emittente, molestata ma disposta ad una forma di perdono fatturabile.

E Harvey Weinstein? Perché qui si parla delle vittime e di tutti i suoi emuli, ma su di lui, l'insaziabile ciccione che bastava guardare un nanosecondo per capire come sarebbe finita la serata, sembra calato il silenzio. Secondo il sito "Tmz", sempre piuttosto informato sui "si dice" della capitale del cinema, avrebbe scelto di prolungare di un altro mese la sosta nel rehab in Arizona dove stano cercando di addomesticargli la libido. In effetti, una settimana non basta neanche per riprendersi in una pensione di Borghetto Santo Spirito, figuriamoci per togliersi dalla testa l'idea che le donne è lecito corteggiarle e invitarle a cena, ma tirarle in camera no.

Al servizio di "le porc"

L'ennesima legnata sul cranio pelato di Harvey l'ha assestata il tabloid inglese "The Sun", che è riuscito a rintracciare e convincere tal Mickael Chemloul a vuotare il sacco. E di cose da dire, Chemloul ne aveva parecchie, essendo stato per cinque anni l'autista privato di Weinstein quando questo correva nel sud della Francia per il Festival di Cannes, una delle battute di pesca allo strascico di mammiferi femminili che il produttore preferiva.

Da buon professionista, il driver aveva mantenuto per anni il più stretto riserbo sugli appetiti di Harvey - proprio come tutti gli altri - ma alla prima occasione zac, ecco tutto. Difficile per Chemloul ricordare ogni episodio, vista l'abbondanza di episodi, ma rammenta bene la supplica di una donna, violentata sui sedili posteriori dell'auto la prima volta e poco dopo in hotel, mentre nella stanza accanto la moglie Georgina dormiva beatamente.

La collaborazione con "le porc", il maiale, come lo chiamavano in zona, si chiude bruscamente nel 2013, quando Weinstein ordina all'autista di rintracciare due ragazze adocchiate in un club esclusivo di Saint-Tropez. Chemloul non riesce nell'incarico e Harvey, infuriato, lo colpisce al volto: la faccenda si trasforma in una denuncia alla polizia, con Harvey che davanti agli agenti nega ogni accusa, e appena usciti promette a Chemloul la visita di cortesia di suoi amici mafiosi.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità