Ho comprato una nuova pistola e non so proprio cosa mettermi

| L'incredibile sfilata di moda dedicata agli accessori per portarsi appresso un'arma. A volerla la potentissima lobby delle armi

+ Miei preferiti

È un'America diversa, quella che è salita sulle passerelle di una giornata all'apparenza dedicata al fashion, ma in cui tutte le attenzioni - per una volta - non andavano a tagli, abiti, colori e lunghezze, ma alle armi. L'evento, il primo di cui si abbia notizia, è andato in scena qualche giorno fa Milwaukee, Wisconsin, città che ospita il quartier generale della Harley Davidson e resa celebre per essere stata l'ambientazione di "Happy Days", l'amatissima serie televisiva che mostrava un'America buona e tenera.

Di buono e tenero, sul palcoscenico di Milwaukee, c'era ben poco. A volere la giornata la NRA, la potentissima "National Rifle Association", che ha dato spazio ad una trentina di aziende specializzate in accessori per armi da fuoco come la "Man-Pack" e la "Femme Fatale" (nome che è tutto un programma), laboratori che si sforzano da anni di rendere il sacrosanto possesso di un'arma consentito in 12 stati un gesto semplice e pratico. Portarsi dietro una Magnum 357 o una Glock non è semplice, specie se si deve dividere la borsetta con tutto ciò che una donna normalmente conserva lì dentro.

La sfilata, in cui si sono alternati uomini e donne spesso per nulla avvenenti, proprio per non distrarre il pubblico dal vero motivo, ha avuto come vere protagoniste corsetti, spallacci e fondine per cintura, coscia, reggiseno, caviglia e borsetta, tutte realizzabili su richiesta in ogni possibile materiale e colore, insieme ad altri modelli pensati in budello, pelle, plastica, intarsiate e lisce. Belli a vedersi, ma soprattutto pratici, di quelli che hanno uno scopo ben preciso: permettere di estrarre la pistola facilmente.

A contorno della sfilata concerti, workshop sull'uso delle armi e corsi pratici per imparare a fermare una emorragia da arma da fuoco.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale