Ho comprato una nuova pistola e non so proprio cosa mettermi

| L'incredibile sfilata di moda dedicata agli accessori per portarsi appresso un'arma. A volerla la potentissima lobby delle armi

+ Miei preferiti

È un'America diversa, quella che è salita sulle passerelle di una giornata all'apparenza dedicata al fashion, ma in cui tutte le attenzioni - per una volta - non andavano a tagli, abiti, colori e lunghezze, ma alle armi. L'evento, il primo di cui si abbia notizia, è andato in scena qualche giorno fa Milwaukee, Wisconsin, città che ospita il quartier generale della Harley Davidson e resa celebre per essere stata l'ambientazione di "Happy Days", l'amatissima serie televisiva che mostrava un'America buona e tenera.

Di buono e tenero, sul palcoscenico di Milwaukee, c'era ben poco. A volere la giornata la NRA, la potentissima "National Rifle Association", che ha dato spazio ad una trentina di aziende specializzate in accessori per armi da fuoco come la "Man-Pack" e la "Femme Fatale" (nome che è tutto un programma), laboratori che si sforzano da anni di rendere il sacrosanto possesso di un'arma consentito in 12 stati un gesto semplice e pratico. Portarsi dietro una Magnum 357 o una Glock non è semplice, specie se si deve dividere la borsetta con tutto ciò che una donna normalmente conserva lì dentro.

La sfilata, in cui si sono alternati uomini e donne spesso per nulla avvenenti, proprio per non distrarre il pubblico dal vero motivo, ha avuto come vere protagoniste corsetti, spallacci e fondine per cintura, coscia, reggiseno, caviglia e borsetta, tutte realizzabili su richiesta in ogni possibile materiale e colore, insieme ad altri modelli pensati in budello, pelle, plastica, intarsiate e lisce. Belli a vedersi, ma soprattutto pratici, di quelli che hanno uno scopo ben preciso: permettere di estrarre la pistola facilmente.

A contorno della sfilata concerti, workshop sull'uso delle armi e corsi pratici per imparare a fermare una emorragia da arma da fuoco.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità