Hong Kong, l’ultimo scontro

| Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti

+ Miei preferiti
Ormai non si torna più indietro: dopo mesi di proteste e guerriglia, gli scontri fra manifestanti pro-democrazia e polizia di Hong Kong sono arrivati all’epilogo, probabilmente il passaggio che farà scattare la decisione di Pechino di riportare l’ordine in una città verso cui ritiene di aver avuto fin troppa pazienza e comprensione.

Il week end appena concluso è stato il peggiore di sempre: due giorni di scontri violentissimi che avevano come epicentro il “PolyU”, una delle più importanti università cittadine, dove migliaia di giovani – molti dei quali adolescenti, sottolinea la BBC – si sono asserragliati impedendo l’ingresso delle squadre di polizia con il lancio di bombe incendiarie, sassi e mattoni, a cui gli agenti hanno risposto ricorrendo in modo massiccio a gas lacrimogeni e proiettili in gomma.

All’alba, un gruppo di manifestanti ha tentato di lasciare l’ateneo, ma la polizia cinge la struttura d’assedio impedendo a chiunque di entrare e uscire, in una tattica attendista che all’uso della forza preferisce l’attesa di poter arrestare i manifestanti, finiti in una trappola da cui non sarà facile uscire.

Secondo alcune stime, i giovani asserragliati nell’ateneo sarebbero fra 500 e 800, e secondo le autorità sanitarie di Hong Kong i feriti ammonterebbero a una quarantina, compreso un agente di polizia trafitto alla gamba da una freccia scoccata da un manifestante. Il preside del Politecnico, Teng Jin-Guang si è offerto di fare da mediatore: accompagnare alcuni manifestanti ad una stazione di polizia a fronte della promessa di un trattamento equo, ma la proposta non è stata accolta da nessuno.

Le notizie più recenti parlano di altre migliaia di manifestanti che starebbero cercando di organizzarsi per dare manforte ai compagni chiusi nell’ateneo.

A favore dei manifestanti è giunta la sentenza dell’Alta Corte di Hong Kong, che ha giudicato incostituzionale la legge che vietata di indossare maschere durante le manifestazioni pubbliche: “Una rara vittoria legale per i manifestanti”, ha commentato Joshua Wong, leader delle proteste.

Galleria fotografica
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 1
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 2
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 3
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 4
Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso