Hong Kong, l’ultimo scontro

| Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti

+ Miei preferiti
Ormai non si torna più indietro: dopo mesi di proteste e guerriglia, gli scontri fra manifestanti pro-democrazia e polizia di Hong Kong sono arrivati all’epilogo, probabilmente il passaggio che farà scattare la decisione di Pechino di riportare l’ordine in una città verso cui ritiene di aver avuto fin troppa pazienza e comprensione.

Il week end appena concluso è stato il peggiore di sempre: due giorni di scontri violentissimi che avevano come epicentro il “PolyU”, una delle più importanti università cittadine, dove migliaia di giovani – molti dei quali adolescenti, sottolinea la BBC – si sono asserragliati impedendo l’ingresso delle squadre di polizia con il lancio di bombe incendiarie, sassi e mattoni, a cui gli agenti hanno risposto ricorrendo in modo massiccio a gas lacrimogeni e proiettili in gomma.

All’alba, un gruppo di manifestanti ha tentato di lasciare l’ateneo, ma la polizia cinge la struttura d’assedio impedendo a chiunque di entrare e uscire, in una tattica attendista che all’uso della forza preferisce l’attesa di poter arrestare i manifestanti, finiti in una trappola da cui non sarà facile uscire.

Secondo alcune stime, i giovani asserragliati nell’ateneo sarebbero fra 500 e 800, e secondo le autorità sanitarie di Hong Kong i feriti ammonterebbero a una quarantina, compreso un agente di polizia trafitto alla gamba da una freccia scoccata da un manifestante. Il preside del Politecnico, Teng Jin-Guang si è offerto di fare da mediatore: accompagnare alcuni manifestanti ad una stazione di polizia a fronte della promessa di un trattamento equo, ma la proposta non è stata accolta da nessuno.

Le notizie più recenti parlano di altre migliaia di manifestanti che starebbero cercando di organizzarsi per dare manforte ai compagni chiusi nell’ateneo.

A favore dei manifestanti è giunta la sentenza dell’Alta Corte di Hong Kong, che ha giudicato incostituzionale la legge che vietata di indossare maschere durante le manifestazioni pubbliche: “Una rara vittoria legale per i manifestanti”, ha commentato Joshua Wong, leader delle proteste.

Galleria fotografica
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 1
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 2
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 3
Hong Kong, l’ultimo scontro - immagine 4
Mondo
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili