I bimbi dimenticati in obitorio

| La vicenda è avvenuta a Catherine, in Australia: molte famiglie non hanno i soldi per pagare i funerali

+ Miei preferiti
Corpi di bambini dimenticati negli obitori anche dal 2013. Accade nella città australiana di Katherine, dove sei bambini, nati morti tra il 2013 e il 2017, ancora restano nelle celle frigorifere dell’istituto. Non è un caso isolato e le autorità sanitarie hanno disposto un’inchiesta a vasto raggio. Alla fine alcuni sono stati sepolti a cura dell’amministrazione pubblica, gli altri sono ancora lì, in attesa che i genitori si occupino di loro. Il senatore laburista del NT Labor Malarndirri McCarthy ha denunciato la situazione, definendola “una seria questione di umanità e rispetto per i defunti".

La dirigente della clinica ostetrica dell'ospedale di Katherine, Sara Potter, ha riferito al comitato che esiste un problema su chi deve intervenire, se l’ospedale o i servizi sociali. Il problema è assistere le famiglie in difficoltà, visto che il servizio pubblico non copre i costi dei funerali. 

"Quando un bambino muore, la famiglia dovrebbe essere circondata da un sostegno psicologico e informata sui loro diritti in relazione alla sepoltura di un bimbo, anche in merito all’autopsia. Ma se mancano le risorse allora accade che un bimbo sia lasciato in un obitorio anche per cinque o sei anni, e questa non è una risposta corretta a un problema anche etico e morale”, osserva il parlamentare. Belinda Jennings, consulente ostetrica senior, è ancora più diretta: ”Un bambino potrebbe restare in una camera mortuaria per diversi mesi, ma l’amministrazione dovrebbe mettersi subito in contatto con la famiglia per garantire che sia trattato con rispetto e in modo tempestivo".

Le famiglie ricevono dallo Stato un pagamento una tantum per il lutto pari a 2.199,83 dollari. Ma il costo medio di un funerale si aggira sui 4000 dollari, e molte famiglie non sono in grado di pagare la differenza. Il dipartimento sanitario ammette a "The Guardian" che "ci sono una serie di motivi complessi ed eccezionali  per cui si è creata una situazione insostenibile: va trovata una soluzione in tempi brevi".

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità