I misteri della fuga di Ghosn

| Come ha fatto l’ex Ceo di Renault-Nissan a lasciare il Giappone su un volo privato, malgrado fosse privo dei suoi tre passaporti e sotto stretta sorveglianza?

+ Miei preferiti
Secondo alcune fonti, Carlo Ghosn avrebbe tranquillamente brindato al nuovo anno con champagne di ottima marca dalla sua nuova residenza in Libano, dove si trova dopo la fuga rocambolesca dei giorni scorsi. Motivo ancora più importante dell’arrivo del 2020, per lui, era brindare sul successo della complessa operazione che gli ha permesso di uscire dal Giappone evitando controlli e apparati di sicurezza.

È proprio questa la domanda che resta nell’aria, la prima di tante, a dire il vero, ma al momento quella che sta facendo tremare i corridoi dell’intelligence giapponese, beffata come in un film. È comunque la fine di un’epoca in cui Carlos Ghosn era stato celebrato in Giappone come il re mida dell’industria automobilistica, l’uomo inviato da chissà dove e piovuto sulla Terra per trasformarsi nel carismatico boss di Nissan e Mitsubishi. Il processo di beatificazione si è interrotto bruscamente nel novembre del 2918, quando Renault, Nissan e Mitsubishi l’hanno messo alla porta dopo l’arresto per sospetta cattiva condotta finanziaria.

Nei termini della sua cauzione, pari a1,5 miliardi e mezzo di yen (13,8 milioni di dollari), anche l’obbligo di rimanere in Giappone prima del processo, fissato per l’anno appena iniziato. Considerato a rischio di fuga, all’ex manager erano stati sequestrati i tre passaporti e disposta una stretta sorveglianza che comprendeva anche restrizioni nell’uso di telefoni e computer.

Da qui, la domanda che campeggia sulle prime pagine dei giornali giapponesi: se non poteva lasciare il suo appartamento di Tokyo senza che qualcuno lo sapesse, come ha fatto a fuggire?

In assenza di fatti concreti, le speculazioni sono tante. Tra le teorie più stravaganti che i media libanesi ipotizzano, c’è quella secondo cui sarebbe stato fatto uscire di nascosto in un grosso contenitore metallico su ruote, quelli utilizzati per proteggere gli strumenti musicali durante gli spostamenti, dopo un’esibizione privata a casa sua di un ensemble di musica gregoriana. Ma secondo alcuni giornali ci sarebbe una seconda ipotesi, molto più semplice: un passaporto falso.

Per il “Wall Street Journal”, Ghosn è arrivato in Libano attraverso la Turchia: una versione confermata anche dal media francese “Les Echos” e dai dati del flight tracker “Flightradar24”, che mostra il percorso di un jet privato in volo da Osaka a Istanbul che poi ha proseguito verso il Libano.

Qualunque sia la verità, la tale fuga ha sicuramente richiesto una pianificazione elaborata e risorse economiche non trascurabili. Junichiro Hironaka, l’avvocato che rappresenta Ghosn, ha parlato del probabile aiuto di una “grande organizzazione”, ma anche la sua - chiarisce - è una semplice supposizione.

Ghosn, per di più, non ha alcun problema a camuffarsi: quando è uscito di prigione dopo essere stato liberato su cauzione, per eludere la frotta di fotografi e giornalisti ha tentato di lasciare il tribunale vestito da addetto alla manutenzione, ma è stato riconosciuto.

Ghosn è arrivato a Beirut lunedì, senza che nessuno in Libano mostrasse sorpresa o disapprovazione, e la conferma è arrivata direttamente dal ministero degli affari esteri in una dichiarazione riportata da un’agenzia di stampa locale: “Carlos Ghosn è entrato legalmente in Libano ieri all’alba. Le circostanze della sua partenza dal Giappone e del suo ingresso a Beirut sono sconosciute e tutte le chiacchiere a riguardo sono una questione privata che riguardano solo lui”.

Nelle stesse ore, le reazioni in Giappone erano ben diverse: Hironaka, il legale di Ghosn, ha riferito che la fuga del suo cliente è stata una sorpresa: “Siamo perplessi e scioccati: Ghosn non aveva i suoi passaporti e non poteva assolutamente usarli”. Ma qualcuno, come il deputato Masahisa Sato, non fa sconti: “Non lasciato il Paese come qualsiasi altro straniero, la sua è stata una fuga in piena regola, e questo è un crimine che porta a due questioni impellenti: primo, capire se Ghosn ha ricevuto un aiuto da parte di una potenza straniera, secondo, individuare l’evidente falla del sistema giapponese che ha permesso una fuga in modo così semplice”.

Al sicuro a Beirut, è assai improbabile che Ghosn sia costretto a tornare: Il Libano non ha un trattato di estradizione con il Giappone e anche se lo avesse, il Paese è in preda a un tracollo politico ed economico e l’avvio di un complesso processo di estradizione è al fondo della lista delle priorità. Nella sua dichiarazione, Ghosn ha detto di non vedere l’ora di poter comunicare “liberamente” con i media, e in tanti sperano che inizi i suoi racconti proprio dalla fuga.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità