I misteri della fuga di Ghosn

| Come ha fatto l’ex Ceo di Renault-Nissan a lasciare il Giappone su un volo privato, malgrado fosse privo dei suoi tre passaporti e sotto stretta sorveglianza?

+ Miei preferiti
Secondo alcune fonti, Carlo Ghosn avrebbe tranquillamente brindato al nuovo anno con champagne di ottima marca dalla sua nuova residenza in Libano, dove si trova dopo la fuga rocambolesca dei giorni scorsi. Motivo ancora più importante dell’arrivo del 2020, per lui, era brindare sul successo della complessa operazione che gli ha permesso di uscire dal Giappone evitando controlli e apparati di sicurezza.

È proprio questa la domanda che resta nell’aria, la prima di tante, a dire il vero, ma al momento quella che sta facendo tremare i corridoi dell’intelligence giapponese, beffata come in un film. È comunque la fine di un’epoca in cui Carlos Ghosn era stato celebrato in Giappone come il re mida dell’industria automobilistica, l’uomo inviato da chissà dove e piovuto sulla Terra per trasformarsi nel carismatico boss di Nissan e Mitsubishi. Il processo di beatificazione si è interrotto bruscamente nel novembre del 2918, quando Renault, Nissan e Mitsubishi l’hanno messo alla porta dopo l’arresto per sospetta cattiva condotta finanziaria.

Nei termini della sua cauzione, pari a1,5 miliardi e mezzo di yen (13,8 milioni di dollari), anche l’obbligo di rimanere in Giappone prima del processo, fissato per l’anno appena iniziato. Considerato a rischio di fuga, all’ex manager erano stati sequestrati i tre passaporti e disposta una stretta sorveglianza che comprendeva anche restrizioni nell’uso di telefoni e computer.

Da qui, la domanda che campeggia sulle prime pagine dei giornali giapponesi: se non poteva lasciare il suo appartamento di Tokyo senza che qualcuno lo sapesse, come ha fatto a fuggire?

In assenza di fatti concreti, le speculazioni sono tante. Tra le teorie più stravaganti che i media libanesi ipotizzano, c’è quella secondo cui sarebbe stato fatto uscire di nascosto in un grosso contenitore metallico su ruote, quelli utilizzati per proteggere gli strumenti musicali durante gli spostamenti, dopo un’esibizione privata a casa sua di un ensemble di musica gregoriana. Ma secondo alcuni giornali ci sarebbe una seconda ipotesi, molto più semplice: un passaporto falso.

Per il “Wall Street Journal”, Ghosn è arrivato in Libano attraverso la Turchia: una versione confermata anche dal media francese “Les Echos” e dai dati del flight tracker “Flightradar24”, che mostra il percorso di un jet privato in volo da Osaka a Istanbul che poi ha proseguito verso il Libano.

Qualunque sia la verità, la tale fuga ha sicuramente richiesto una pianificazione elaborata e risorse economiche non trascurabili. Junichiro Hironaka, l’avvocato che rappresenta Ghosn, ha parlato del probabile aiuto di una “grande organizzazione”, ma anche la sua - chiarisce - è una semplice supposizione.

Ghosn, per di più, non ha alcun problema a camuffarsi: quando è uscito di prigione dopo essere stato liberato su cauzione, per eludere la frotta di fotografi e giornalisti ha tentato di lasciare il tribunale vestito da addetto alla manutenzione, ma è stato riconosciuto.

Ghosn è arrivato a Beirut lunedì, senza che nessuno in Libano mostrasse sorpresa o disapprovazione, e la conferma è arrivata direttamente dal ministero degli affari esteri in una dichiarazione riportata da un’agenzia di stampa locale: “Carlos Ghosn è entrato legalmente in Libano ieri all’alba. Le circostanze della sua partenza dal Giappone e del suo ingresso a Beirut sono sconosciute e tutte le chiacchiere a riguardo sono una questione privata che riguardano solo lui”.

Nelle stesse ore, le reazioni in Giappone erano ben diverse: Hironaka, il legale di Ghosn, ha riferito che la fuga del suo cliente è stata una sorpresa: “Siamo perplessi e scioccati: Ghosn non aveva i suoi passaporti e non poteva assolutamente usarli”. Ma qualcuno, come il deputato Masahisa Sato, non fa sconti: “Non lasciato il Paese come qualsiasi altro straniero, la sua è stata una fuga in piena regola, e questo è un crimine che porta a due questioni impellenti: primo, capire se Ghosn ha ricevuto un aiuto da parte di una potenza straniera, secondo, individuare l’evidente falla del sistema giapponese che ha permesso una fuga in modo così semplice”.

Al sicuro a Beirut, è assai improbabile che Ghosn sia costretto a tornare: Il Libano non ha un trattato di estradizione con il Giappone e anche se lo avesse, il Paese è in preda a un tracollo politico ed economico e l’avvio di un complesso processo di estradizione è al fondo della lista delle priorità. Nella sua dichiarazione, Ghosn ha detto di non vedere l’ora di poter comunicare “liberamente” con i media, e in tanti sperano che inizi i suoi racconti proprio dalla fuga.

Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano