I misteri dell’aereo precipitato in Iran

| La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti

+ Miei preferiti
Secondo alcune fonti iraniane citate da “Bloomberg”, è l’incendio ad uno dei motori, la causa più probabile del disastro aereo di questa notte, quando un Boeing 737 della “Ukraine International Airlines” si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran, uccidendo 176 persone.

Ma secondo gli analisti internazionali, qualcosa nella ricostruzione non torna: per cominciare, è sembrato un po’ troppo frettoloso il tentativo di allontanare qualsiasi sospetto di attacco terroristico, come anche l’ipotesi del “fuoco amico”, ovvero l’errore di traiettoria di uno dei tanti missili lanciati contro le due basi americane nelle stesse ore, per finire con la ferma e totale esclusione dell’errore umano, poiché il personale “era più che esperto”.

Fra i dubbi ci sono i nomi di due passeggeri registrati sul volo che non si sarebbero presentati all’imbarco, e neanche successivamente: di loro non si sa nulla, a parte che non si tratta di cittadini ucraini. E c’è la poi la questione del velivolo, un Boeing 737-800 del 2016 che appena due giorni prima era stato sottoposto a manutenzione. In base ai dati di volo, il velivolo ha raggiunto i 7.925 piedi (2,4 km), poi è scomparso improvvisamente dai radar, 3 minuti e 42 secondi dopo il decollo.

Ma c’è un’ultima notizia, a togliere probabilmente la speranza di poter chiarire i troppi dubbi legati alla tragedia: l’Iran ha già fatto sapere che non ha alcuna intenzione di consegnare le scatole nere ad agenzie esterne.

Mondo
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio