I misteri dell’aereo precipitato in Iran

| La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti

+ Miei preferiti
Secondo alcune fonti iraniane citate da “Bloomberg”, è l’incendio ad uno dei motori, la causa più probabile del disastro aereo di questa notte, quando un Boeing 737 della “Ukraine International Airlines” si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran, uccidendo 176 persone.

Ma secondo gli analisti internazionali, qualcosa nella ricostruzione non torna: per cominciare, è sembrato un po’ troppo frettoloso il tentativo di allontanare qualsiasi sospetto di attacco terroristico, come anche l’ipotesi del “fuoco amico”, ovvero l’errore di traiettoria di uno dei tanti missili lanciati contro le due basi americane nelle stesse ore, per finire con la ferma e totale esclusione dell’errore umano, poiché il personale “era più che esperto”.

Fra i dubbi ci sono i nomi di due passeggeri registrati sul volo che non si sarebbero presentati all’imbarco, e neanche successivamente: di loro non si sa nulla, a parte che non si tratta di cittadini ucraini. E c’è la poi la questione del velivolo, un Boeing 737-800 del 2016 che appena due giorni prima era stato sottoposto a manutenzione. In base ai dati di volo, il velivolo ha raggiunto i 7.925 piedi (2,4 km), poi è scomparso improvvisamente dai radar, 3 minuti e 42 secondi dopo il decollo.

Ma c’è un’ultima notizia, a togliere probabilmente la speranza di poter chiarire i troppi dubbi legati alla tragedia: l’Iran ha già fatto sapere che non ha alcuna intenzione di consegnare le scatole nere ad agenzie esterne.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino