I misteri dell’aereo precipitato in Iran

| La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti

+ Miei preferiti
Secondo alcune fonti iraniane citate da “Bloomberg”, è l’incendio ad uno dei motori, la causa più probabile del disastro aereo di questa notte, quando un Boeing 737 della “Ukraine International Airlines” si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran, uccidendo 176 persone.

Ma secondo gli analisti internazionali, qualcosa nella ricostruzione non torna: per cominciare, è sembrato un po’ troppo frettoloso il tentativo di allontanare qualsiasi sospetto di attacco terroristico, come anche l’ipotesi del “fuoco amico”, ovvero l’errore di traiettoria di uno dei tanti missili lanciati contro le due basi americane nelle stesse ore, per finire con la ferma e totale esclusione dell’errore umano, poiché il personale “era più che esperto”.

Fra i dubbi ci sono i nomi di due passeggeri registrati sul volo che non si sarebbero presentati all’imbarco, e neanche successivamente: di loro non si sa nulla, a parte che non si tratta di cittadini ucraini. E c’è la poi la questione del velivolo, un Boeing 737-800 del 2016 che appena due giorni prima era stato sottoposto a manutenzione. In base ai dati di volo, il velivolo ha raggiunto i 7.925 piedi (2,4 km), poi è scomparso improvvisamente dai radar, 3 minuti e 42 secondi dopo il decollo.

Ma c’è un’ultima notizia, a togliere probabilmente la speranza di poter chiarire i troppi dubbi legati alla tragedia: l’Iran ha già fatto sapere che non ha alcuna intenzione di consegnare le scatole nere ad agenzie esterne.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale