I nordcoreani costretti a celebrare Kim Jong-il

| Il 16 febbraio di ogni anno, il paese si ferma per ricordare la nascita del leader scomparso nel 2011, padre dell’attuale dittatore. Guai a mancare

+ Miei preferiti
Il 16 febbraio è una data fondamentale per la Corea del Nord, è il giorno in cui i bambini imparano a venerare la dinastia dei Kim che regna da tre generazioni. Ogni anno, puntuale, l’intero Paese rende omaggio a Kim Jong-iI, il padre dell’attuale leader, nell’anniversario della sua nascita. Almeno secondo quanto recita la leggenda, che vuole sia nato nel 1942 in una capanna sul monte Paektu, considerato il luogo di nascita di tutto il popolo coreano. Non sono d’accordo alcuni storici, ovviamente stranieri, che fanno riferimento ad alcuni documenti sovietici secondo i quali Kim Jong-il era discendente di una popolazione siberiana.

Ma non importa, quel che conta è che il 16 febbraio si celebri la dinastia anche se – come quest’anno – fuori ci sono -8°. Tutti in prima fila per assistere allo “Starlight Day”, fra esibizioni di pattinaggio su ghiaccio, parate floreali e vibranti omaggi al leader che nel 2011 è passato a miglior vita, lasciando il posto a Kim Jong-un.

“Nessun figlio o figlia sente stanchezza o freddo quando va a trovare i genitori. E i grandi leader sono visti come i nostri genitori”, dice un uomo che ha accompagnato i due figli, uno decisamente raffreddato.

Un gruppo di bambini spazza le scale che portano al santuario. Davanti alle effigi c’è un’immensa composizione floreale che rappresenta l’omaggio di Kim Jong-un, l’attuale leader che incontrerà il Vietnam il presidente Trump in un summit previsto per la fine di febbraio. Coppie, intere famiglie, file di scolari o di militari avanzano verso le statue: dopo aver deposto un mazzo o un cesto di fiori rispondono alla voce di un altoparlante ripetendo “Rendiamo omaggio”. Dalla sua morte, nel 2011, il corpo imbalsamato di Kim Jong-il riposa in un mausoleo vicino alla capitale.

L’attrice in pensione Ri Cho Cho Ok, 77 anni, si emoziona quando le viene chiesto cosa significasse per lei il leader scomparso. Con la voce tremante dice che le manca: Kim Jong-il l’ha diretta in alcuni film: era un cinefilo appassionato, al punto di sequestrare due stelle del cinema sudcoreano, un regista e un’attrice, per innalzare gli standard delle produzioni del Nord. “Il grande generale mi ha insegnato tutto, passo dopo passo, quando stavo diventando un’attrice - ricorda Ri Cho Cho Ok - e mi ha insignita di molti onori e medaglie. Eppure, quando l’ho incontrato era come se avessi ricevuto tutti gli onori del mondo”.

Mondo
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India