I parenti di Brenton Tarrant sotto shock

| La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”

+ Miei preferiti
I primi ad essere sotto shock per il folle gesto di Brenton Tarrant sono i suoi familiari. Per la prima volta, dalla strage nelle due moschee di Christchurch, la nonna Marie Fitzgerald e lo zio Terry, si dicono “devastati” dalla scia di sangue lasciata da loro nipote. Da Grafton, nel New South Wales, hanno ammesso il loro shock e il loro orrore.

“Ci dispiace molto per le famiglie, per i morti e i feriti. Non riesco a pensare a nient’altro”, ha confidato Terry Fitzgerald alla rete televisiva australiana “Channel Nine”. Quell’uomo diventato un mostro assetato di sangue era stato un bravo ragazzo appassionato di computer e videogiochi, “anche se aveva poca voglia di studiare”. Raggiunto il diploma, “a mala pena”, aveva rinunciato all’università dedicandosi a “Bitcoin” riuscendo a trasformarla in una fonte di reddito. Con quei soldi, Brenton ha viaggiato molto attraversando per due anni, tra il 2016 ed il 2018, l’Europa, la Turchia e la Bulgaria. “È durante quei viaggi che in lui è cambiato qualcosa: quando è tornato sembrava un’altra persona”.

Un anno fa era tornato a Grafton per la festa di compleanno di sua sorella ed era “assolutamente normale”.

La polizia ha confermato di aver eseguito due mandati di perquisizione nel New South Wales in relazione all’indagine sulla strage di Christchurch, e David Tipple, proprietario di “Gun City”, un negozio di armi neozelandese, ha ammesso che Tarrant aveva comprato armi da fuoco e munizioni online dal suo negozio tra dicembre 2017 e marzo 2018.

“La MSSA (Military-style semi automatic), non arriva da Gun City. A Tarrant abbiamo venduto solo armi da fuoco di categoria A. Come da prassi, l’ordine online è stato passato alla polizia per i controlli di routine, e non è stato rilevato nulla di particolare sul titolare della licenza. Era un nuovo cliente con una licenza nuova di zecca”.

La licenza standard per armi da fuoco di categoria A viene rilasciata dopo un controllo della polizia nei casellari giudiziari, anche se non è richiesta alcuna licenza per l’acquisto di armi. Solo i proprietari di armi da fuoco sono autorizzati, non le armi, quindi non vi è alcun monitoraggio del numero che una persona può possedere in casa propria. L'età minima per ottenere la licenza di porto d’armi è 16 anni, 18 per una semiautomatica. Il rafforzamento delle leggi neozelandesi sulle armi è in cima all’agenda del primo ministro Jacinda Ardern.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria