I sacerdoti pedofili di Padre Maciel

| È uno dei primi rapporti su casi di pedofilia nella Chiesa svelati dopo la decisione di papa Francesco di eliminare il segreto pontificio. La squallida vicenda dei “Legionari di Cristo”, di padre Maciel e dei suoi sacerdoti

+ Miei preferiti
Su Marcial Maciel Degollado, prete presbitero-cattolico messicano fondatore della congregazione dei “Legionari di Cristo”, esiste un’ampia letteratura che racconta di abusi e casi di pedofilia su seminaristi, oltre alla relazione prolungata con una donna da cui era nata una figlia, la terza dopo i cinque avuti da altre donne.

Un’esistenza sospesa fra realtà e mito da lui stesso costruito, reso ancora più forte dall’incontro nel tempo con svariati Pontefici, spesso del tutto ignari delle sue attività. Padre Maciel delle sue malefatte non potrà più rispondere: è morto nel 2008, a 88 anni, a Jacksonville, in Florida, dove si era rifugiato dopo aver ricevuto l’ordine dal Vaticano di ritirarsi ad una vita di penitenza dopo decine e decine di accuse.

Ma su di lui le indagini e le inchieste non sono mai cessate. La più recente parla di oltre 60 casi di bambini abusati di persona da padre Maciel, a cui aggiungere altri 33 sacerdoti dell’ordine che dall’anno di fondazione, nel 1941, avrebbero violentato almeno 175 minori. “Ci sono probabilmente molti più casi di abuso di quelli riportati nel rapporto, e le statistiche dovranno essere aggiornate regolarmente”.

Secondo il rapporto, sei dei 33 sacerdoti accusati sono morti senza mai essere processati o costretti a rispondere davanti alla legge, uno solo è stato condannato e uno è attualmente in attesa di giudizio. Altri 18 fanno ancora parte della congregazione, ma sono stati allontanati da incarichi pubblici. Il rapporto aggiunge che 14 dei 33 sacerdoti sono stati anch’essi vittime, il che evidenzia una teoria: “la catena di abusi in cui la vittima di un legionario, col tempo, diventa a sua volta un aggressore”.

Diversi uomini hanno accusato pubblicamente Maciel di averli aggrediti sessualmente mentre erano in seminario, fra gli anni Quaranta e i Sessanta. All’epoca, Maciel negò tutto in modo fermo: “Non ho mai avuto il tipo di comportamento ripugnante di cui questi uomini mi accusano”.

Nel 2006, papa Benedetto XVI gli ordinò di ritirarsi come capo dei Legionari di Cristo per via del numero crescente di accuse, ignorate dal suo predecessore Giovanni Paolo II quando erano emerse per la prima volta. 

Il rapporto è una delle prime conseguenze della decisione di togliere il segreto pontificio ai casi di pedofilia presa martedì scorso da Papa Francesco. Fino ad allora, la Chiesa aveva tenuto segreti i casi di abuso sessuale, per quella che definiva la necessità di proteggere la privacy delle vittime e la reputazione dell’imputato.

Galleria fotografica
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 1
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 2
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 3
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino