I sacerdoti pedofili di Padre Maciel

| È uno dei primi rapporti su casi di pedofilia nella Chiesa svelati dopo la decisione di papa Francesco di eliminare il segreto pontificio. La squallida vicenda dei “Legionari di Cristo”, di padre Maciel e dei suoi sacerdoti

+ Miei preferiti
Su Marcial Maciel Degollado, prete presbitero-cattolico messicano fondatore della congregazione dei “Legionari di Cristo”, esiste un’ampia letteratura che racconta di abusi e casi di pedofilia su seminaristi, oltre alla relazione prolungata con una donna da cui era nata una figlia, la terza dopo i cinque avuti da altre donne.

Un’esistenza sospesa fra realtà e mito da lui stesso costruito, reso ancora più forte dall’incontro nel tempo con svariati Pontefici, spesso del tutto ignari delle sue attività. Padre Maciel delle sue malefatte non potrà più rispondere: è morto nel 2008, a 88 anni, a Jacksonville, in Florida, dove si era rifugiato dopo aver ricevuto l’ordine dal Vaticano di ritirarsi ad una vita di penitenza dopo decine e decine di accuse.

Ma su di lui le indagini e le inchieste non sono mai cessate. La più recente parla di oltre 60 casi di bambini abusati di persona da padre Maciel, a cui aggiungere altri 33 sacerdoti dell’ordine che dall’anno di fondazione, nel 1941, avrebbero violentato almeno 175 minori. “Ci sono probabilmente molti più casi di abuso di quelli riportati nel rapporto, e le statistiche dovranno essere aggiornate regolarmente”.

Secondo il rapporto, sei dei 33 sacerdoti accusati sono morti senza mai essere processati o costretti a rispondere davanti alla legge, uno solo è stato condannato e uno è attualmente in attesa di giudizio. Altri 18 fanno ancora parte della congregazione, ma sono stati allontanati da incarichi pubblici. Il rapporto aggiunge che 14 dei 33 sacerdoti sono stati anch’essi vittime, il che evidenzia una teoria: “la catena di abusi in cui la vittima di un legionario, col tempo, diventa a sua volta un aggressore”.

Diversi uomini hanno accusato pubblicamente Maciel di averli aggrediti sessualmente mentre erano in seminario, fra gli anni Quaranta e i Sessanta. All’epoca, Maciel negò tutto in modo fermo: “Non ho mai avuto il tipo di comportamento ripugnante di cui questi uomini mi accusano”.

Nel 2006, papa Benedetto XVI gli ordinò di ritirarsi come capo dei Legionari di Cristo per via del numero crescente di accuse, ignorate dal suo predecessore Giovanni Paolo II quando erano emerse per la prima volta. 

Il rapporto è una delle prime conseguenze della decisione di togliere il segreto pontificio ai casi di pedofilia presa martedì scorso da Papa Francesco. Fino ad allora, la Chiesa aveva tenuto segreti i casi di abuso sessuale, per quella che definiva la necessità di proteggere la privacy delle vittime e la reputazione dell’imputato.

Galleria fotografica
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 1
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 2
I sacerdoti pedofili di Padre Maciel - immagine 3
Mondo
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei
Coronavirus, la nave dei dannati
Coronavirus, la nave dei dannati
Appena ha attraccato in Giappone, la nave da crociera è stata controllata dal personale medico, che ha individuato 10 casi di coronavirus. Per tutti gli altri è iniziata un’odissea in mare aperto
La misteriosa morte di una ballerina
La misteriosa morte di una ballerina
Aveva seguito nel suo appartamento un manager coreano conosciuto in un locale per scambisti di Mosca. È stata trovata senza vita nella vasca da bagno l’indomani mattina: la polizia sospetta un’overdose
Il medico che aveva dato l’allarme colpito dal coronavirus
Il medico che aveva dato l’allarme colpito dal coronavirus
Li Wenliang, l’oculista di Wuhan che per primo aveva intuito l’arrivo e la potenzialità del virus, era stato arrestato per procurato allarme e poi riabilitato. Ma ora il suo nome è fra i contagiati
Australia, Suv impazzito fa strage di bambini
Australia, Suv impazzito fa strage di bambini
È accaduto in un sobborgo di Sydney: alla guida un giovane in evidente stato di ubriachezza. Le vittime sono quattro sorelline, altri tre bimbi in gravi condizioni