Il bluff di Trump, torna il segreto sui dossier di JFK

| Altri sei mesi, necessari per valutare l'impatto sulla sicurezza nazionale: il presidente Trump cede alle pressioni delle agenzie e rimanda la verità su Kennedy

+ Miei preferiti

È una storia senza fine, il mistero che da 54 anni avvolge l'omicidio di John Kennedy. Un mistero che ad ogni nuovo passaggio sembra voler confermare che qualcosa di losco sotto sotto c'è, ed è meglio ragionarci bene prima di raccontare ogni cosa. Perfino Donald Trump, il tweeter più veloce del West, ha dovuto fare una parziale marcia indietro: la desecretazione dei file coperti dal segreto di Stato è rinviata, almeno in parte. Agli americani, in attesa di sapere se JFK è stato ammazzato da un folle o al termine di un raffinato complotto internazionale, non resta che attendere, spulciando circa 2.800 file resi pubblici.

Altri 500 documenti sensibili si richiudono nuovamente accompagnati dal timbro "top secret", almeno per altri sei mesi, ha dichiarato il Presidente americano. Indizio che dimostra almeno una verità: le pressioni delle agenzie, da CIA a FBI, sono aumentate di intensità toccando i tasti della sicurezza nazionale. Termine tecnico per dire che è meglio evitare una possibile gogna mediatica con accuse e sfiducie da parte degli americani. In serata, la CIA si è affrettata a spiegare che nei file, in particolare quelli più recenti, compaiono semplicemente nomi di agenti sotto copertura, metodi di intelligence e una rete di collaborazioni internazionali ancora oggi nevralgici per la sicurezza del paese.

Sui media americani polemiche, delusioni e l'ennesimo punto di forza per i tanti complottisti, coloro che si dicono ormai convinti che la morte di JFK sia stato un vero omicidio di stato.

Fra i documenti a cui Trump ha tolto il segreto, su cui si sono gettati centinaia di esperti famelici, una prima verità sembra apparire: gli Stati Uniti tentarono realmente di far fuori Fidel Castro. Si parla di una fantomatica "Operazione Mangusta" in cui si legge di un piano di contaminazioni biologiche dei terreni cubani, come pure dell'idea di lanciare sull'isola volantini con i nomi e la taglia in dollari sulla testa dei funzionari da eliminare.

L'ennesimo appuntamento con la verità, a meno di nuovi colpi di scena, è rimandato al 26 aprile prossimo.

Mondo
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne