Il Boeing 737 MAX 8
fermo in tutto il mondo

| Finora 26 fra Paesi e compagnie aeree hanno disposto il blocco dei 737 in attesa dei responsi della commissione d段nchiesta. Dopo il crollo in borsa, la Boeing ha avviato un aggiornamento di software e procedure

+ Miei preferiti
Il verdetto di Wall Street è stato spietato: le azioni Boeing crollano come avvenne nel 2001, dopo le Torri Gemelle, mentre 26 compagnie aeree tengono a terra i 737 Max, in tutte le versioni, in attesa di un verdetto tecnico sul pericolo costituito dal mal funzionamento dei software di bordo. Dei 350 in servizio, 161 restano operativi e 175 quelli bloccati a terra. Dopo il Regno Unito, fra i primi paesi a bandire i Boeing 737 dal proprio spazio aereo, anche la “Lion Air” indonesiana, l’autorità della Malaysia, “Aerolinas Argentinas”, l’indiana “Jet Airways”, Air Mexico, la brasiliana “Gol”, la sudcoreana “Eastar Jet”, l’Australia, la Cina, le Cayman, la Germania, la Francia, la Mongolia, la Turchia, Dubai, l’Oman e Singapore - hub fra i più strategici in Asia - hanno disposto lo stop, seguiti poco dopo dall’Easa, l’agenzia europea per la sicurezza aerea. In Italia, il blocco operativo dei 737 Max scatterà dalle 21 di questa sera, come sottolineato dall’Enac.

Un crollo verticale che, prima ancora che arrivasse la richiesta ufficiale da parte della “Federal Aviation Administration” americana, ha indotto la Boeing ad assicurare ad un aggiornamento del software e al sistema di controllo MCAS (Maneuvering Characteristics Augmentation System), dell’intera flotta dei 737 Max 8. 

Nessuna sospensione al contrario per gli Stati Uniti e per la compagnia aerea nazionale delle Fiji, che ha dichiarato di avere “piena fiducia” nell'aeronavigabilità della sua flotta e di essere a “stretto contatto con la Boeing” dopo l’incidente di domenica in Etiopia. “I nostri piloti e il personale di cabina del Boeing 737 ricevono un ampio addestramento a terra e al simulatore, oltre all’addestramento obbligatorio per il MAX 8 da parte del costruttore. Le Fiji Airways sono e rimarranno pienamente conformi alla direttiva di aeronavigabilità della FAA. Continuiamo a garantire che il nostro programma di manutenzione e addestramento per piloti e ingegneri soddisfi i più elevati standard di sicurezza. La sicurezza dei nostri passeggeri e del nostro equipaggio è e sarà sempre la nostra priorità numero uno”.

Il senatore statunitense Richard Blumenthal ha invitato le autorità americane a mettere a terra tutti i 737 MAX 8 “fino a quando la FAA non potrà assicurare ai viaggiatori americani che questi aerei sono sicuri. L’incidente del volo 302 dell’Ethiopian Airlines è la seconda tragedia devastante e allarmante che ha coinvolto i nuovi 737 MAX 8 della Boeing in meno di cinque mesi. Questi due incidenti mettono seriamente in discussione la sicurezza di questi aerei”, ha detto Blumenthal in un comunicato. “La FAA e l’industria aerea devono agire rapidamente e con decisione per proteggere i viaggiatori, i piloti e gli assistenti di volo americani. Questi aerei devono essere messi a terra immediatamente, e le compagnie aeree dovrebbero lavorare rapidamente per ridurre al minimo le interruzioni e accogliere i clienti il cui viaggio è influenzato. La FAA ha rifiutato di lasciare a terra i Boeing negli Stati Uniti, dicendo che gli investigatori non hanno ancora determinato se la tragica fine del volo Ethiopian Airlines è correlata ai problemi che hanno determinato il disastro dello scorso anno al volo della Lion Air.

“L’indagine è appena iniziata e ad oggi non ci sono stati forniti dati per trarre conclusioni o intraprendere azioni”, ha dichiarato un portavoce della FAA, che precisa però di ritenere necessario rendere obbligatorio l’aggiornamento del software Boeing per la flotta 737 MAX entro il mese prossimo, in risposta all’incidente Lion Air, in Indonesia, costato la vita a 189 persone.

Da Addis Abeba, la Ethiopian Airlines ha fatto sapere che occorrono almeno altri cinque giorni per identificare i resti delle vittime e riconsegnarli alle famiglie.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: 哲on molleremo
Australia: un rapporto svela le ォsquadre della morteサ
Australia: un rapporto svela le ォsquadre della morteサ
Un段nchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d帝lite dei 鉄AS hanno ucciso senza motivo civili afghani. 栃 la prova che esiste una cultura distorta e violenta
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L誕matissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese uno dei governi pi aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie pi ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanit pi esclusiva, si spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la ォvenerabile first ladyサ nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la ォvenerabile first ladyサ nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il pi fitto mistero, non si sa pi nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
ネ un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sar il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l置nico desiderio il perdono
Pistorius, l置nico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l弛micidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni pi forti della storia
Beirut, una delle esplosioni pi forti della storia
Calcoli alla mano, una delle pi potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L棚nterpol sulle tracce dell弾rede ォRed Bullサ
L棚nterpol sulle tracce dell弾rede ォRed Bullサ
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale