Il colosso Pfizer blocca
la ricerca sull'Alzheimer

| Malgrado investimento colossali, non si registrano passi in avanti nella ricerca di cure contro Alzheimer e Parkinson, due delle peggiori malattie che provocano demenza. La speranza passa ora nelle mani di altre aziende

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Ricordati di me”, recitava lo slogan di uno dei recenti mesi della prevenzione dell’Alzheimer. Parole che suonano ancor di più come una sconfitta, se riviste alla luce di una notizia rilanciata dal “Wall Street Journal” che ha gettato lo sconforto fra i 47 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di demenza. La “Pfizer”, uno dei colossi dell’industria farmaceutica, getta la spugna: la ricerca dei farmaci contro l’Alzheimer e il Parkinson è sospesa.

Il motivo, per andare subito al nocciolo della questione, è sì economico, ma con una nota a margine amara che suona come l’ammissione di una sconfitta fastidiosa: malgrado gli imponenti capitali investiti nella ricerca, non si intravedono risultati degni di nota verso la battaglia della malattia.

Sforzi economici addirittura definiti “inutili”, che la società ha scelto di concentrare verso altri campi di ricerca. Non cambiano, al contrario, gli investimenti verso malattie neurologiche diverse e medicinali anti-dolore.

A dare il colpo di grazia alla ricerca il più recente sviluppo di un farmaco che lo scorso anno, testato su alcuni pazienti, non avrebbe dato alcun riscontro positivo rispetto ai trattamenti terapeutici utilizzati attualmente, che rallentano il decorso della malattia ma senza riuscire ad arrestarla.

Una scelta destinata ad avere ripercussioni anche dal punto di vista dell’occupazione, con 300 posti di lavoro persi nei centri di ricerca di Cambridge, Andover e Groton, i primi due in Massachusetts, il terzo in Connecticut.

Ma non tutto è perso: se la “Pfizer” e prima ancora la “Merck” hanno scelto di abbandonare la ricerca, le speranze dei milioni di malati si affidano alle recenti scoperte di aziende come la “Eli Lilly”, la “AstraZeneca” e la “Eisai e Biogen”, a cui aggiungere quelli nati dalla collaborazione fra la “Johnson & Johnson” e la “Shionogi”, attesi però non prima del 2023. Quest’anno, dovrebbe anche partire la fase di sperimentazione per il primo vaccino.

Il colosso dei farmaci

La più grande società al mondo di ricerca, produzione e commercializzazione di farmaci nasce a New York nel 1849, su idea di due cugini di origini tedesche, Charles Pfizer e Charles Erhardt. Il primo farmaco prodotto dalla “Charles Pfizer and Company” è un antiparassitario, la “santonina”, seguito dall’acido citrico, ancora oggi utilizzato in farmacologia e nel campo della cosmesi, della biochimica e dell’alimentazione.

Già nel 1910, la Pfizer inizia a delinearsi come un colosso: tre milioni di dollari in vendite e una diffusione massiccia mettono le ali ai laboratori di ricerca, per arrivare in tempo utile all’inizio della seconda guerra mondiale con una penicillina che, secondo la storia, fu utilizzata in dosi massicce anche durante il “D-Day”, lo sbarco in Normandia.

Oggi, la società è quotata alla Borsa di New York, con un patrimonio formato da 600 molecole utilizzate in numerose aree mediche (antinfettiva, cardiovascolare, urologia, sistema nervoso centrale, trattamento del dolore, infiammazione, reumatologia, emicrania, endocrinologia, oftalmologia e oncologia), a cui aggiungere la “Global Research and Development”, la più grande rete di ricerca e sviluppo di tutta l’industria farmaceutica mondiale.

Nel 2009, un costoso passo falso: la commercializzazione illegale di quattro dei propri farmaci, oltre all’ammissione di aver svolto test pericolosi sulle popolazioni dei pasi in via di sviluppo. La sanzione penale derivata dal processo, è ancora oggi la più alta mai registrata nella storia della sanità americana.

Mondo
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini