Il colosso Pfizer blocca
la ricerca sull'Alzheimer

| Malgrado investimento colossali, non si registrano passi in avanti nella ricerca di cure contro Alzheimer e Parkinson, due delle peggiori malattie che provocano demenza. La speranza passa ora nelle mani di altre aziende

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Ricordati di me”, recitava lo slogan di uno dei recenti mesi della prevenzione dell’Alzheimer. Parole che suonano ancor di più come una sconfitta, se riviste alla luce di una notizia rilanciata dal “Wall Street Journal” che ha gettato lo sconforto fra i 47 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di demenza. La “Pfizer”, uno dei colossi dell’industria farmaceutica, getta la spugna: la ricerca dei farmaci contro l’Alzheimer e il Parkinson è sospesa.

Il motivo, per andare subito al nocciolo della questione, è sì economico, ma con una nota a margine amara che suona come l’ammissione di una sconfitta fastidiosa: malgrado gli imponenti capitali investiti nella ricerca, non si intravedono risultati degni di nota verso la battaglia della malattia.

Sforzi economici addirittura definiti “inutili”, che la società ha scelto di concentrare verso altri campi di ricerca. Non cambiano, al contrario, gli investimenti verso malattie neurologiche diverse e medicinali anti-dolore.

A dare il colpo di grazia alla ricerca il più recente sviluppo di un farmaco che lo scorso anno, testato su alcuni pazienti, non avrebbe dato alcun riscontro positivo rispetto ai trattamenti terapeutici utilizzati attualmente, che rallentano il decorso della malattia ma senza riuscire ad arrestarla.

Una scelta destinata ad avere ripercussioni anche dal punto di vista dell’occupazione, con 300 posti di lavoro persi nei centri di ricerca di Cambridge, Andover e Groton, i primi due in Massachusetts, il terzo in Connecticut.

Ma non tutto è perso: se la “Pfizer” e prima ancora la “Merck” hanno scelto di abbandonare la ricerca, le speranze dei milioni di malati si affidano alle recenti scoperte di aziende come la “Eli Lilly”, la “AstraZeneca” e la “Eisai e Biogen”, a cui aggiungere quelli nati dalla collaborazione fra la “Johnson & Johnson” e la “Shionogi”, attesi però non prima del 2023. Quest’anno, dovrebbe anche partire la fase di sperimentazione per il primo vaccino.

Il colosso dei farmaci

La più grande società al mondo di ricerca, produzione e commercializzazione di farmaci nasce a New York nel 1849, su idea di due cugini di origini tedesche, Charles Pfizer e Charles Erhardt. Il primo farmaco prodotto dalla “Charles Pfizer and Company” è un antiparassitario, la “santonina”, seguito dall’acido citrico, ancora oggi utilizzato in farmacologia e nel campo della cosmesi, della biochimica e dell’alimentazione.

Già nel 1910, la Pfizer inizia a delinearsi come un colosso: tre milioni di dollari in vendite e una diffusione massiccia mettono le ali ai laboratori di ricerca, per arrivare in tempo utile all’inizio della seconda guerra mondiale con una penicillina che, secondo la storia, fu utilizzata in dosi massicce anche durante il “D-Day”, lo sbarco in Normandia.

Oggi, la società è quotata alla Borsa di New York, con un patrimonio formato da 600 molecole utilizzate in numerose aree mediche (antinfettiva, cardiovascolare, urologia, sistema nervoso centrale, trattamento del dolore, infiammazione, reumatologia, emicrania, endocrinologia, oftalmologia e oncologia), a cui aggiungere la “Global Research and Development”, la più grande rete di ricerca e sviluppo di tutta l’industria farmaceutica mondiale.

Nel 2009, un costoso passo falso: la commercializzazione illegale di quattro dei propri farmaci, oltre all’ammissione di aver svolto test pericolosi sulle popolazioni dei pasi in via di sviluppo. La sanzione penale derivata dal processo, è ancora oggi la più alta mai registrata nella storia della sanità americana.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità