Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale

| Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita

+ Miei preferiti
Sono passati quasi due decenni da quando un coronavirus noto come “SARS” ha colpito la Cina uccidendo centinaia di persone e scatenando un’ondata di panico che ha fatto vacillare l’economia globale. Quasi nulla, rispetto a quello che potrebbe succedere oggi, con il ruolo della Cina come meccanismo indispensabile al business globale: la fabbrica del mondo, che sforna prodotti come l’iPhone ma soprattutto stimola la domanda di materie prime come petrolio e rame. Il Paese vanta anche centinaia di milioni di consumatori ricchi che spendono molto per prodotti di lusso, turismo e automobili. Nel 2003, l’economia cinese rappresentava circa il 4% del PIL mondiale: oggi il 16%.

 “L’epidemia ha il potenziale di causare gravi scosse economiche e di mercato. Ma la portata dell’impatto sarà determinata da come il virus si diffonde e si evolve, cosa quasi impossibile da prevedere, come i governi ammettono”, ha commentato Neil Shearing, capo economista del gruppo “Capital Economics”.

A comporre il rischio è un dettaglio: dal 2003, anche il mondo al di fuori della Cina è cambiato. La globalizzazione ha incoraggiato le aziende a costruire catene di fornitura che tagliano i confini nazionali, rendendo le economie molto più interconnesse. Le principali banche centrali hanno consumato gran parte delle munizioni che normalmente impiegherebbero per combattere le crisi economiche a partire dalla crisi finanziaria del 2008, e i livelli di debito globale non sono mai stati così elevati. L’aumento del nazionalismo può rendere più difficile coordinare una risposta a livello mondiale, se necessario, perché il virus sta bloccando le catene di forniture necessarie alle aziende. Gli stabilimenti automobilistici in tutta la Cina hanno ricevuto l’ordine di rimanere chiusi fin dopo le vacanze del Capodanno lunare, e secondo la “S&P Global Ratings”, l’epidemia costringerà le case automobilistiche cinesi a ridurre la produzione di circa il 15% nel primo trimestre dell’anno. 

Colpiti anche i produttori di beni di lusso, che si affidano a consumatori cinesi abituati a spendere molto: il marchio britannico “Burberry” ha chiuso 24 dei suoi 64 negozi nella Cina continentale, e l’amministratore delegato ha avvertito che il virus sta causando un “effetto negativo sulla domanda di lusso”. Ma ancora più preoccupante è la minaccia alle catene di fornitura globali: la “Qualcomm”, il più grande produttore mondiale di chip per smartphone, ha avvisato che l’epidemia sta causando una “significativa”" incertezza sulla domanda di smartphone e sulle forniture necessarie per produrli. 

Per gli economisti, l’attuale livello di disordini è gestibile. Se il numero di nuovi casi di coronavirus cominciasse a rallentare e le fabbriche riaprissero, il risultato potrebbe essere un colpo passeggero per l’economia cinese nel primo trimestre e una lieve ammaccatura sul fianco della crescita globale. Ma se così non fosse, i danni economici sono destinati ad aumentare molto rapidamente.

Mohamed El-Erian, consigliere economico a capo di “Allianz” ha ammesso di essere molto preoccupato per i potenziali effetti economici a cascata: “Per cominciare paralizza la regione dove si è sviluppato il virus, poi si diffonde gradualmente minando il commercio interno, il consumo, la produzione e la circolazione delle persone. A quel punto, se non viene fermato, il processo si diffonde ulteriormente a livello regionale internazionale, con effetti catastrofici sul commercio”.

Gli economisti hanno difficoltà a calcolare i costi potenziali delle epidemie, ma sono convinto che possano essere molto più dannose di disastri naturali come uragani, terremoti o tsunami. Secondo uno studio della Banca Mondiale, una pandemia potrebbe causare perdite economiche pari a quasi il 5% del PIL globale, o più di 3.000 miliardi di dollari. Le perdite derivanti da una pandemia influenzale più debole, come il virus H1N1 del 2009, possono ancora cancellare lo 0,5% del PIL globale.

Fondamentale è il modo in cui consumatori, imprese e governi rispondono al timore: restare in casa, uscire meno, non viaggiare e muoversi poco significa non spendere, tenere il denaro fermo.

La “People’s Bank of China” ha iniziato a mettere in campo contromisure tagliando il tasso d'interesse chiave e iniettando enormi quantità di denaro contante sui mercati per allentare la pressione sulle banche e sui mutui, le banche centrali dei Paesi vicini, tra cui Sri Lanka, Malesia, Thailandia e Filippine, hanno già fatto lo stesso, la Corea del Sud e Taiwan potrebbero essere i prossimi.

Ma la Cina è anche più vulnerabile ad una crisi rispetto a 17 anni fa, quando è scoppiata la SARS. “Ha un debito molto più elevato, tensioni commerciali con un importante partner commerciale e la sua crescita è in costante rallentamento da diversi anni, che significa un punto di partenza debole per affrontare una crisi di questo tipo”, ha affermato Raphie Hayat, senior economist della banca olandese “ING”.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale