Il diavolo veste poco

| In Oregon, a Portland, una delle città più vivibili del pianeta, è nato "Casa Diablo", Il primo strip club vegan al mondo

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Questa volta si fa dura, perché la carne c'entra eccome, ma non è quella animale. Insomma, prendiamo fiato e affrontiamo la questione di petto, o di seno, via.

Questa storia va in scena a Portland, Oregon, una città all'apparenza placida e quieta, con un'amministrazione locale che lavora sodo per rendere la vita dei suoi 600 mila abitanti la più rispettosa possibile verso l'ambiente. Quasi tutti vanno in giro in bicicletta, parchi e giardini abbondano e la rete della metropolitana, totalmente rifatta da poco, è un vero gioiello di ecosostenibilità. Ma c'è un lato oscuro, a guastare questo quadretto idilliaco: il soprannome della città, da molti americani ribattezza "Pornland", usando un anagramma che si riferisce al un numero esagerato di locali a luci rosse in cui truppe di signorine (e signorini) mostrano le "pudenda" al prossimo. Meglio di così, non avremmo saputo come mettere la faccenda.

Ma in mezzo a tutta questo assortimento di pruriti, c'è un caso al momento pressoché unico al mondo: "Casa Diablo", il primo strip club vegan del pianeta. Prima ancora di cominciare a chiedersi "che c'azzecca" - avrebbe detto Di Pietro - uno strip club con il mondo vegan, conviene ascoltare tutto dall'inizio.

Il locale è un'idea di Johnny Zuckle, per tutti Johnny Diablo, un tizio sui quaranta o poco più, capelli lunghi, baffi, pizzetto e lunga esperienza nelle cose che hanno a che fare con la notte. Costui, nell'assortimento di peccati che gli pendono sull'anima, se n'è risparmiato almeno uno: è vegano convinto da quasi trent'anni. Così, nel 2008, ha trasformato un ristorante vegan che proprio non voleva saperne di decollare in un locale a luci rosse, ma portando in dote il suo credo alimentare. Lanciato con lo slogan "la carne è sul palo, non sul piatto", con chiaro riferimento ai pali della lap-dance usati dalle sue dipendenti, il neonato "Casa Diablo" (www.casadiablo.com) da quel momento ha iniziato a macinare dollari, attirando l'attenzione della folta comunità vegan di Portland, ma anche frotte di onnivori, a dire il vero. Lo stesso simbolo del locale, per quanto possa onestamente distrarre, presenta una donna nuda con le corna da diavolo, intenta a mangiare una carota. Che pensandoci vuol dire tutto, compreso - mettendoci un po' di fantasia - che si tratti di uno strip club vegan.

Comunque vada ogni notte, da 10 a 16 ballerine intrattengono i clienti, fra balli sul palco e strip in salette private, mentre sette bariste in topless servono da bere al bancone del bar, sempre piuttosto affollato. Il concetto di vegan, fra tanta carne open air, è per cominciare nel menù, con burger e piattazzi dalle quantità americane rigorosamente cruelty-free, ma anche negli striminziti costumi delle ragazze, a cui per contratto è rigorosamente vietato indossare pelle, piume, pellicce, lane o qualsiasi altra cosa di origine animale, per quanto di pochi centimetri si possa trattare.

Johnny Diablo, più volte sottoposto al fuoco di fila di numerose interviste, ha ammesso che non tutte le sue ragazze sono vegane, e che nemmeno ai clienti è richiesto di esserlo o diventarlo, anche se è un po' questo il suo sogno. Ma tante volte, a fine serata, qualcuno gli ha fatto i complimenti: non per le figliole, ma per il ricco piatto di verdure e tofu. Contenti loro.

Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran