Il diavolo veste poco

| In Oregon, a Portland, una delle città più vivibili del pianeta, è nato "Casa Diablo", Il primo strip club vegan al mondo

+ Miei preferiti

Questa volta si fa dura, perché la carne c'entra eccome, ma non è quella animale. Insomma, prendiamo fiato e affrontiamo la questione di petto, o di seno, via.

Questa storia va in scena a Portland, Oregon, una città all'apparenza placida e quieta, con un'amministrazione locale che lavora sodo per rendere la vita dei suoi 600 mila abitanti la più rispettosa possibile verso l'ambiente. Quasi tutti vanno in giro in bicicletta, parchi e giardini abbondano e la rete della metropolitana, totalmente rifatta da poco, è un vero gioiello di ecosostenibilità. Ma c'è un lato oscuro, a guastare questo quadretto idilliaco: il soprannome della città, da molti americani ribattezza "Pornland", usando un anagramma che si riferisce al un numero esagerato di locali a luci rosse in cui truppe di signorine (e signorini) mostrano le "pudenda" al prossimo. Meglio di così, non avremmo saputo come mettere la faccenda.

Ma in mezzo a tutta questo assortimento di pruriti, c'è un caso al momento pressoché unico al mondo: "Casa Diablo", il primo strip club vegan del pianeta. Prima ancora di cominciare a chiedersi "che c'azzecca" - avrebbe detto Di Pietro - uno strip club con il mondo vegan, conviene ascoltare tutto dall'inizio.

Il locale è un'idea di Johnny Zuckle, per tutti Johnny Diablo, un tizio sui quaranta o poco più, capelli lunghi, baffi, pizzetto e lunga esperienza nelle cose che hanno a che fare con la notte. Costui, nell'assortimento di peccati che gli pendono sull'anima, se n'è risparmiato almeno uno: è vegano convinto da quasi trent'anni. Così, nel 2008, ha trasformato un ristorante vegan che proprio non voleva saperne di decollare in un locale a luci rosse, ma portando in dote il suo credo alimentare. Lanciato con lo slogan "la carne è sul palo, non sul piatto", con chiaro riferimento ai pali della lap-dance usati dalle sue dipendenti, il neonato "Casa Diablo" (www.casadiablo.com) da quel momento ha iniziato a macinare dollari, attirando l'attenzione della folta comunità vegan di Portland, ma anche frotte di onnivori, a dire il vero. Lo stesso simbolo del locale, per quanto possa onestamente distrarre, presenta una donna nuda con le corna da diavolo, intenta a mangiare una carota. Che pensandoci vuol dire tutto, compreso - mettendoci un po' di fantasia - che si tratti di uno strip club vegan.

Comunque vada ogni notte, da 10 a 16 ballerine intrattengono i clienti, fra balli sul palco e strip in salette private, mentre sette bariste in topless servono da bere al bancone del bar, sempre piuttosto affollato. Il concetto di vegan, fra tanta carne open air, è per cominciare nel menù, con burger e piattazzi dalle quantità americane rigorosamente cruelty-free, ma anche negli striminziti costumi delle ragazze, a cui per contratto è rigorosamente vietato indossare pelle, piume, pellicce, lane o qualsiasi altra cosa di origine animale, per quanto di pochi centimetri si possa trattare.

Johnny Diablo, più volte sottoposto al fuoco di fila di numerose interviste, ha ammesso che non tutte le sue ragazze sono vegane, e che nemmeno ai clienti è richiesto di esserlo o diventarlo, anche se è un po' questo il suo sogno. Ma tante volte, a fine serata, qualcuno gli ha fatto i complimenti: non per le figliole, ma per il ricco piatto di verdure e tofu. Contenti loro.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino