Il diavolo veste poco

| In Oregon, a Portland, una delle città più vivibili del pianeta, è nato "Casa Diablo", Il primo strip club vegan al mondo

+ Miei preferiti

Questa volta si fa dura, perché la carne c'entra eccome, ma non è quella animale. Insomma, prendiamo fiato e affrontiamo la questione di petto, o di seno, via.

Questa storia va in scena a Portland, Oregon, una città all'apparenza placida e quieta, con un'amministrazione locale che lavora sodo per rendere la vita dei suoi 600 mila abitanti la più rispettosa possibile verso l'ambiente. Quasi tutti vanno in giro in bicicletta, parchi e giardini abbondano e la rete della metropolitana, totalmente rifatta da poco, è un vero gioiello di ecosostenibilità. Ma c'è un lato oscuro, a guastare questo quadretto idilliaco: il soprannome della città, da molti americani ribattezza "Pornland", usando un anagramma che si riferisce al un numero esagerato di locali a luci rosse in cui truppe di signorine (e signorini) mostrano le "pudenda" al prossimo. Meglio di così, non avremmo saputo come mettere la faccenda.

Ma in mezzo a tutta questo assortimento di pruriti, c'è un caso al momento pressoché unico al mondo: "Casa Diablo", il primo strip club vegan del pianeta. Prima ancora di cominciare a chiedersi "che c'azzecca" - avrebbe detto Di Pietro - uno strip club con il mondo vegan, conviene ascoltare tutto dall'inizio.

Il locale è un'idea di Johnny Zuckle, per tutti Johnny Diablo, un tizio sui quaranta o poco più, capelli lunghi, baffi, pizzetto e lunga esperienza nelle cose che hanno a che fare con la notte. Costui, nell'assortimento di peccati che gli pendono sull'anima, se n'è risparmiato almeno uno: è vegano convinto da quasi trent'anni. Così, nel 2008, ha trasformato un ristorante vegan che proprio non voleva saperne di decollare in un locale a luci rosse, ma portando in dote il suo credo alimentare. Lanciato con lo slogan "la carne è sul palo, non sul piatto", con chiaro riferimento ai pali della lap-dance usati dalle sue dipendenti, il neonato "Casa Diablo" (www.casadiablo.com) da quel momento ha iniziato a macinare dollari, attirando l'attenzione della folta comunità vegan di Portland, ma anche frotte di onnivori, a dire il vero. Lo stesso simbolo del locale, per quanto possa onestamente distrarre, presenta una donna nuda con le corna da diavolo, intenta a mangiare una carota. Che pensandoci vuol dire tutto, compreso - mettendoci un po' di fantasia - che si tratti di uno strip club vegan.

Comunque vada ogni notte, da 10 a 16 ballerine intrattengono i clienti, fra balli sul palco e strip in salette private, mentre sette bariste in topless servono da bere al bancone del bar, sempre piuttosto affollato. Il concetto di vegan, fra tanta carne open air, è per cominciare nel menù, con burger e piattazzi dalle quantità americane rigorosamente cruelty-free, ma anche negli striminziti costumi delle ragazze, a cui per contratto è rigorosamente vietato indossare pelle, piume, pellicce, lane o qualsiasi altra cosa di origine animale, per quanto di pochi centimetri si possa trattare.

Johnny Diablo, più volte sottoposto al fuoco di fila di numerose interviste, ha ammesso che non tutte le sue ragazze sono vegane, e che nemmeno ai clienti è richiesto di esserlo o diventarlo, anche se è un po' questo il suo sogno. Ma tante volte, a fine serata, qualcuno gli ha fatto i complimenti: non per le figliole, ma per il ricco piatto di verdure e tofu. Contenti loro.

Mondo
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari