Il genocidio dimenticato dei Rohingya

| Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi

+ Miei preferiti
I “Rohingya” hanno un triste primato: sono il “popolo meno voluto al mondo” e una delle “minoranze più perseguitate” della Terra. Vivono in Myanmar, al confine con il Bangladesh, ma il governo birmano - al contrario delle 135 etnie che convivono nel Paese - non ha mai riconosciuto loro la cittadinanza, impedendogli di fatto la libera circolazione, oltre che di possedere terreni e obbligandoli per legge a non avere più di due figli per nucleo familiare. I Rohingya vivono, ma non è la definizione esatta, ammassati in poveri e affollatissimi campi profughi al di fuori dalla città di Sittwe, capoluogo del Rakhine. Una situazione incandescente che è esplosa nel 2017 con insurrezioni che l’esercito ha tentato di reprimere con migliaia di morti e la fuga di 800mila Rohingya verso in Bangladesh.

Dopo anni di interventi e mediazioni inutili, nel 2014 la Camera dei rappresentati degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione in cui sollecita il governo della Birmania a ripristinare i diritti umani, chiedendo il riconoscimento dei Rohingya a livello internazionale. Finalmente, nel settembre 2017, il Tribunale Internazionale dei Popoli ha sentenziato che le persecuzioni contro i Rohingya vanno considerate un vero e proprio genocidio.

Adesso, 57 nazioni hanno deciso di citare il Myanmar dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. La causa arriva poche settimane dopo che le Nazioni Unite hanno avvertito che la violenta persecuzione del “popolo dimenticato” continua senza sosta nel nord-ovest del Myanmar.

Secondo una dichiarazione dello studio legale Foley Hoag, che sta seguendo al caso, una missione voluta dall’ONU e diffusa nell’agosto 2018, ha svelato che i militari del Myanmar “hanno l’intento genocida nella violenta campagna di espulsione dei rohingya. Il Myanmar è anche accusato di violenta oppressione contro gli Shan, i Kachin e altre minoranze etniche”.

Nel luglio scorso, il procuratore capo della Corte Penale Internazionale ha chiesto l’avvio di un’indagine su possibili crimini di guerra da parte di alti funzionari militari e civili del Myanmar. Più recentemente, Yanghee Lee, un diplomatico sudcoreano inviato speciale delle Nazioni Unite, ha affermato che il Myanmar dovrebbe essere perseguito e le indicibili condizioni di quasi un milione di profughi sono tutt’ora estremamente pericolose. Alla fine di ottobre, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che include “nuove prove che i militari del Myanmar continuano a commettere atrocità contro le minoranze etniche”, fra cui arresti arbitrari, detenzione, tortura e omicidi.

David Stilwell, principale diplomatico statunitense per l’Asia, si è recato in Myanmar alla fine di ottobre per una visita in cui ha incontrato alti dirigenti birmani, tra cui Aung San Suu Kyi: “Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le segnalazioni di continue violazioni dei diritti umani da parte dei militari in tutta la Birmania e per il devastante impatto della violenza su un intero popolo”, ha riferito mentre era ospite. Ma dal governo birmano nessuna reazione, solo silenzio.

Galleria fotografica
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 1
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 2
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 3
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 4
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 5
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 6
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 7
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 8
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”