Il genocidio dimenticato dei Rohingya

| Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi

+ Miei preferiti
I “Rohingya” hanno un triste primato: sono il “popolo meno voluto al mondo” e una delle “minoranze più perseguitate” della Terra. Vivono in Myanmar, al confine con il Bangladesh, ma il governo birmano - al contrario delle 135 etnie che convivono nel Paese - non ha mai riconosciuto loro la cittadinanza, impedendogli di fatto la libera circolazione, oltre che di possedere terreni e obbligandoli per legge a non avere più di due figli per nucleo familiare. I Rohingya vivono, ma non è la definizione esatta, ammassati in poveri e affollatissimi campi profughi al di fuori dalla città di Sittwe, capoluogo del Rakhine. Una situazione incandescente che è esplosa nel 2017 con insurrezioni che l’esercito ha tentato di reprimere con migliaia di morti e la fuga di 800mila Rohingya verso in Bangladesh.

Dopo anni di interventi e mediazioni inutili, nel 2014 la Camera dei rappresentati degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione in cui sollecita il governo della Birmania a ripristinare i diritti umani, chiedendo il riconoscimento dei Rohingya a livello internazionale. Finalmente, nel settembre 2017, il Tribunale Internazionale dei Popoli ha sentenziato che le persecuzioni contro i Rohingya vanno considerate un vero e proprio genocidio.

Adesso, 57 nazioni hanno deciso di citare il Myanmar dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. La causa arriva poche settimane dopo che le Nazioni Unite hanno avvertito che la violenta persecuzione del “popolo dimenticato” continua senza sosta nel nord-ovest del Myanmar.

Secondo una dichiarazione dello studio legale Foley Hoag, che sta seguendo al caso, una missione voluta dall’ONU e diffusa nell’agosto 2018, ha svelato che i militari del Myanmar “hanno l’intento genocida nella violenta campagna di espulsione dei rohingya. Il Myanmar è anche accusato di violenta oppressione contro gli Shan, i Kachin e altre minoranze etniche”.

Nel luglio scorso, il procuratore capo della Corte Penale Internazionale ha chiesto l’avvio di un’indagine su possibili crimini di guerra da parte di alti funzionari militari e civili del Myanmar. Più recentemente, Yanghee Lee, un diplomatico sudcoreano inviato speciale delle Nazioni Unite, ha affermato che il Myanmar dovrebbe essere perseguito e le indicibili condizioni di quasi un milione di profughi sono tutt’ora estremamente pericolose. Alla fine di ottobre, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che include “nuove prove che i militari del Myanmar continuano a commettere atrocità contro le minoranze etniche”, fra cui arresti arbitrari, detenzione, tortura e omicidi.

David Stilwell, principale diplomatico statunitense per l’Asia, si è recato in Myanmar alla fine di ottobre per una visita in cui ha incontrato alti dirigenti birmani, tra cui Aung San Suu Kyi: “Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le segnalazioni di continue violazioni dei diritti umani da parte dei militari in tutta la Birmania e per il devastante impatto della violenza su un intero popolo”, ha riferito mentre era ospite. Ma dal governo birmano nessuna reazione, solo silenzio.

Galleria fotografica
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 1
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 2
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 3
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 4
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 5
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 6
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 7
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 8
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati