Il genocidio dimenticato dei Rohingya

| Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi

+ Miei preferiti
I “Rohingya” hanno un triste primato: sono il “popolo meno voluto al mondo” e una delle “minoranze più perseguitate” della Terra. Vivono in Myanmar, al confine con il Bangladesh, ma il governo birmano - al contrario delle 135 etnie che convivono nel Paese - non ha mai riconosciuto loro la cittadinanza, impedendogli di fatto la libera circolazione, oltre che di possedere terreni e obbligandoli per legge a non avere più di due figli per nucleo familiare. I Rohingya vivono, ma non è la definizione esatta, ammassati in poveri e affollatissimi campi profughi al di fuori dalla città di Sittwe, capoluogo del Rakhine. Una situazione incandescente che è esplosa nel 2017 con insurrezioni che l’esercito ha tentato di reprimere con migliaia di morti e la fuga di 800mila Rohingya verso in Bangladesh.

Dopo anni di interventi e mediazioni inutili, nel 2014 la Camera dei rappresentati degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione in cui sollecita il governo della Birmania a ripristinare i diritti umani, chiedendo il riconoscimento dei Rohingya a livello internazionale. Finalmente, nel settembre 2017, il Tribunale Internazionale dei Popoli ha sentenziato che le persecuzioni contro i Rohingya vanno considerate un vero e proprio genocidio.

Adesso, 57 nazioni hanno deciso di citare il Myanmar dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. La causa arriva poche settimane dopo che le Nazioni Unite hanno avvertito che la violenta persecuzione del “popolo dimenticato” continua senza sosta nel nord-ovest del Myanmar.

Secondo una dichiarazione dello studio legale Foley Hoag, che sta seguendo al caso, una missione voluta dall’ONU e diffusa nell’agosto 2018, ha svelato che i militari del Myanmar “hanno l’intento genocida nella violenta campagna di espulsione dei rohingya. Il Myanmar è anche accusato di violenta oppressione contro gli Shan, i Kachin e altre minoranze etniche”.

Nel luglio scorso, il procuratore capo della Corte Penale Internazionale ha chiesto l’avvio di un’indagine su possibili crimini di guerra da parte di alti funzionari militari e civili del Myanmar. Più recentemente, Yanghee Lee, un diplomatico sudcoreano inviato speciale delle Nazioni Unite, ha affermato che il Myanmar dovrebbe essere perseguito e le indicibili condizioni di quasi un milione di profughi sono tutt’ora estremamente pericolose. Alla fine di ottobre, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che include “nuove prove che i militari del Myanmar continuano a commettere atrocità contro le minoranze etniche”, fra cui arresti arbitrari, detenzione, tortura e omicidi.

David Stilwell, principale diplomatico statunitense per l’Asia, si è recato in Myanmar alla fine di ottobre per una visita in cui ha incontrato alti dirigenti birmani, tra cui Aung San Suu Kyi: “Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le segnalazioni di continue violazioni dei diritti umani da parte dei militari in tutta la Birmania e per il devastante impatto della violenza su un intero popolo”, ha riferito mentre era ospite. Ma dal governo birmano nessuna reazione, solo silenzio.

Galleria fotografica
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 1
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 2
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 3
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 4
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 5
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 6
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 7
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 8
Mondo
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”