Il genocidio dimenticato dei Rohingya

| Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi

+ Miei preferiti
I “Rohingya” hanno un triste primato: sono il “popolo meno voluto al mondo” e una delle “minoranze più perseguitate” della Terra. Vivono in Myanmar, al confine con il Bangladesh, ma il governo birmano - al contrario delle 135 etnie che convivono nel Paese - non ha mai riconosciuto loro la cittadinanza, impedendogli di fatto la libera circolazione, oltre che di possedere terreni e obbligandoli per legge a non avere più di due figli per nucleo familiare. I Rohingya vivono, ma non è la definizione esatta, ammassati in poveri e affollatissimi campi profughi al di fuori dalla città di Sittwe, capoluogo del Rakhine. Una situazione incandescente che è esplosa nel 2017 con insurrezioni che l’esercito ha tentato di reprimere con migliaia di morti e la fuga di 800mila Rohingya verso in Bangladesh.

Dopo anni di interventi e mediazioni inutili, nel 2014 la Camera dei rappresentati degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione in cui sollecita il governo della Birmania a ripristinare i diritti umani, chiedendo il riconoscimento dei Rohingya a livello internazionale. Finalmente, nel settembre 2017, il Tribunale Internazionale dei Popoli ha sentenziato che le persecuzioni contro i Rohingya vanno considerate un vero e proprio genocidio.

Adesso, 57 nazioni hanno deciso di citare il Myanmar dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. La causa arriva poche settimane dopo che le Nazioni Unite hanno avvertito che la violenta persecuzione del “popolo dimenticato” continua senza sosta nel nord-ovest del Myanmar.

Secondo una dichiarazione dello studio legale Foley Hoag, che sta seguendo al caso, una missione voluta dall’ONU e diffusa nell’agosto 2018, ha svelato che i militari del Myanmar “hanno l’intento genocida nella violenta campagna di espulsione dei rohingya. Il Myanmar è anche accusato di violenta oppressione contro gli Shan, i Kachin e altre minoranze etniche”.

Nel luglio scorso, il procuratore capo della Corte Penale Internazionale ha chiesto l’avvio di un’indagine su possibili crimini di guerra da parte di alti funzionari militari e civili del Myanmar. Più recentemente, Yanghee Lee, un diplomatico sudcoreano inviato speciale delle Nazioni Unite, ha affermato che il Myanmar dovrebbe essere perseguito e le indicibili condizioni di quasi un milione di profughi sono tutt’ora estremamente pericolose. Alla fine di ottobre, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che include “nuove prove che i militari del Myanmar continuano a commettere atrocità contro le minoranze etniche”, fra cui arresti arbitrari, detenzione, tortura e omicidi.

David Stilwell, principale diplomatico statunitense per l’Asia, si è recato in Myanmar alla fine di ottobre per una visita in cui ha incontrato alti dirigenti birmani, tra cui Aung San Suu Kyi: “Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le segnalazioni di continue violazioni dei diritti umani da parte dei militari in tutta la Birmania e per il devastante impatto della violenza su un intero popolo”, ha riferito mentre era ospite. Ma dal governo birmano nessuna reazione, solo silenzio.

Galleria fotografica
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 1
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 2
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 3
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 4
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 5
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 6
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 7
Il genocidio dimenticato dei Rohingya - immagine 8
Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata