Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan

| Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino

+ Miei preferiti
Zeng Yingchun e Zhen Yan sono due infermiere del “Guangzhou Medical Hospital” che fanno parte dell’esercito di 20mila fra medici e paramedici inviati a Wuhan, la città epicentro del coronavirus che rischia di mandare il mondo al tracollo.

Le due, dopo diverse settimane di lavoro incessante, hanno scritto a quattro mani una lettera che è stata inviata alla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet” per lanciare un appello alla comunità scientifica internazionale, e soprattutto per aprire uno squarcio di verità nelle notizie ufficiali dispensate al pianeta solo dopo aver ottenuto il controllo e la valutazione di Pechino.

“Le condizioni qui a Wuhan sono molto peggiori di quanto si possa immaginare”, si leggeva in uno dei passaggi più drammatici della lettera, prontamente pubblicata sul sito della rivista scientifica. “C’è una pesante carenza di protezioni, dalle maschere ai respiratori ai guanti protettivi, ma anche di personale medico, costretto a turni massacranti e soggetto a continui crolli psicologici. Per risparmiare energie e ricorrere al minimo il tempo in cui indossare e togliere l’equipaggiamento protettivo, evitiamo di mangiare e bere per due ore prima di entrare nel reparto di isolamento. Abbiamo visto molti casi di nostre colleghe svenute per la debolezza o per il troppo tempo passato nelle tute protettive senza mai poter sostituire i filtri dei respiratori. Qualche collega tenta di confortare gli altri, ma il più delle volte non abbiamo neanche il tempo di fermarci per piangere. Chiediamo a tutto il personale medico del mondo di venire in Cina per aiutarci a combattere questa battaglia”.

Parole al limite della disperazione che non hanno nulla a che vedere con l’ottimismo strombazzato da Pechino, che afferma di avere la situazione sotto controllo e di registrare una costante e sempre maggiore diminuzione dei casi. La lettera, ripresa da più media, compresi alcuni social cinesi molto popolari, come “Weibo”, aveva alzato il livello delle proteste e dello scetticismo che fin dall’inizio aleggia su Pechino sull’effettiva portata dei numeri di mori e contagi, e della reale situazione in cui versa il Paese, tenuta nascosta ad arte.

Ma dopo solo un giorno dalla diffusione, la lettera è scomparsa ovunque fosse comparsa. Secondo “The Lancet”, interpellata per avere spiegazioni, sarebbero state le due infermiere a chiederne la rimozione, perché “non si trattava di una testimonianza di prima mano”. Cosa significhi non è chiaro, mentre sembra sempre più probabile che Pechino sia intervenuta in modo energico per bloccare la diffusione di una testimonianza che avrebbe potuto screditare l’ottimismo in favore di telecamere mostrato dal partito.

Galleria fotografica
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan - immagine 1
Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata