Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan

| Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino

+ Miei preferiti
Zeng Yingchun e Zhen Yan sono due infermiere del “Guangzhou Medical Hospital” che fanno parte dell’esercito di 20mila fra medici e paramedici inviati a Wuhan, la città epicentro del coronavirus che rischia di mandare il mondo al tracollo.

Le due, dopo diverse settimane di lavoro incessante, hanno scritto a quattro mani una lettera che è stata inviata alla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet” per lanciare un appello alla comunità scientifica internazionale, e soprattutto per aprire uno squarcio di verità nelle notizie ufficiali dispensate al pianeta solo dopo aver ottenuto il controllo e la valutazione di Pechino.

“Le condizioni qui a Wuhan sono molto peggiori di quanto si possa immaginare”, si leggeva in uno dei passaggi più drammatici della lettera, prontamente pubblicata sul sito della rivista scientifica. “C’è una pesante carenza di protezioni, dalle maschere ai respiratori ai guanti protettivi, ma anche di personale medico, costretto a turni massacranti e soggetto a continui crolli psicologici. Per risparmiare energie e ricorrere al minimo il tempo in cui indossare e togliere l’equipaggiamento protettivo, evitiamo di mangiare e bere per due ore prima di entrare nel reparto di isolamento. Abbiamo visto molti casi di nostre colleghe svenute per la debolezza o per il troppo tempo passato nelle tute protettive senza mai poter sostituire i filtri dei respiratori. Qualche collega tenta di confortare gli altri, ma il più delle volte non abbiamo neanche il tempo di fermarci per piangere. Chiediamo a tutto il personale medico del mondo di venire in Cina per aiutarci a combattere questa battaglia”.

Parole al limite della disperazione che non hanno nulla a che vedere con l’ottimismo strombazzato da Pechino, che afferma di avere la situazione sotto controllo e di registrare una costante e sempre maggiore diminuzione dei casi. La lettera, ripresa da più media, compresi alcuni social cinesi molto popolari, come “Weibo”, aveva alzato il livello delle proteste e dello scetticismo che fin dall’inizio aleggia su Pechino sull’effettiva portata dei numeri di mori e contagi, e della reale situazione in cui versa il Paese, tenuta nascosta ad arte.

Ma dopo solo un giorno dalla diffusione, la lettera è scomparsa ovunque fosse comparsa. Secondo “The Lancet”, interpellata per avere spiegazioni, sarebbero state le due infermiere a chiederne la rimozione, perché “non si trattava di una testimonianza di prima mano”. Cosa significhi non è chiaro, mentre sembra sempre più probabile che Pechino sia intervenuta in modo energico per bloccare la diffusione di una testimonianza che avrebbe potuto screditare l’ottimismo in favore di telecamere mostrato dal partito.

Galleria fotografica
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan - immagine 1
Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria