Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan

| Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino

+ Miei preferiti
Zeng Yingchun e Zhen Yan sono due infermiere del “Guangzhou Medical Hospital” che fanno parte dell’esercito di 20mila fra medici e paramedici inviati a Wuhan, la città epicentro del coronavirus che rischia di mandare il mondo al tracollo.

Le due, dopo diverse settimane di lavoro incessante, hanno scritto a quattro mani una lettera che è stata inviata alla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet” per lanciare un appello alla comunità scientifica internazionale, e soprattutto per aprire uno squarcio di verità nelle notizie ufficiali dispensate al pianeta solo dopo aver ottenuto il controllo e la valutazione di Pechino.

“Le condizioni qui a Wuhan sono molto peggiori di quanto si possa immaginare”, si leggeva in uno dei passaggi più drammatici della lettera, prontamente pubblicata sul sito della rivista scientifica. “C’è una pesante carenza di protezioni, dalle maschere ai respiratori ai guanti protettivi, ma anche di personale medico, costretto a turni massacranti e soggetto a continui crolli psicologici. Per risparmiare energie e ricorrere al minimo il tempo in cui indossare e togliere l’equipaggiamento protettivo, evitiamo di mangiare e bere per due ore prima di entrare nel reparto di isolamento. Abbiamo visto molti casi di nostre colleghe svenute per la debolezza o per il troppo tempo passato nelle tute protettive senza mai poter sostituire i filtri dei respiratori. Qualche collega tenta di confortare gli altri, ma il più delle volte non abbiamo neanche il tempo di fermarci per piangere. Chiediamo a tutto il personale medico del mondo di venire in Cina per aiutarci a combattere questa battaglia”.

Parole al limite della disperazione che non hanno nulla a che vedere con l’ottimismo strombazzato da Pechino, che afferma di avere la situazione sotto controllo e di registrare una costante e sempre maggiore diminuzione dei casi. La lettera, ripresa da più media, compresi alcuni social cinesi molto popolari, come “Weibo”, aveva alzato il livello delle proteste e dello scetticismo che fin dall’inizio aleggia su Pechino sull’effettiva portata dei numeri di mori e contagi, e della reale situazione in cui versa il Paese, tenuta nascosta ad arte.

Ma dopo solo un giorno dalla diffusione, la lettera è scomparsa ovunque fosse comparsa. Secondo “The Lancet”, interpellata per avere spiegazioni, sarebbero state le due infermiere a chiederne la rimozione, perché “non si trattava di una testimonianza di prima mano”. Cosa significhi non è chiaro, mentre sembra sempre più probabile che Pechino sia intervenuta in modo energico per bloccare la diffusione di una testimonianza che avrebbe potuto screditare l’ottimismo in favore di telecamere mostrato dal partito.

Galleria fotografica
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan - immagine 1
Mondo
Aleksej Navalnj sta morendo
Aleksej Navalnj sta morendo
La denuncia del suo staff: ha un livello di potassio nel sangue che nel giro di qualche giorno può portare ad un arresto cardiaco. Il Cremlino nega trattamenti di favore e tenta di dichiarare il suo movimento “organizzazione estremista”
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei